Benutzereinstellungen

Neue Veranstaltungshinweise

Irlanda / Gran Bretagna

Es wurden keine neuen Veranstaltungshinweise in der letzten Woche veröffentlicht

Kommende Veranstaltungen

Irlanda / Gran Bretagna | Economia

Keine kommenden Veranstaltungen veröffentlicht

Irlanda: I lavoratori dicono "noi non pagheremo la vostra crisi"

category irlanda / gran bretagna | economia | cronaca author Montag Februar 23, 2009 19:47author by Nestor McNab Report this post to the editors

120.000 persone in corteo a Dublino, contro il governo

Dublino, sabato 21 febbraio 2009. Circa 120.000 persone scendono in piazza per dire no alla proposta del governo di introdurre qualcosa conosciuto come "l'imposta sulle pensioni". Si tratta di una tassa tra il 3% e il 9,6% sullo stipendio lordo dei lavoratori nel settore pubblico, che nel maggior parte dei casi sarà intorno al 7%, cioè di circa €2.000 all'anno.
dublinmarch.jpg


Irlanda: I lavoratori dicono "noi non pagheremo la vostra crisi"


Dublino, sabato 21 febbraio 2009. Circa 120.000 persone scendono in piazza per dire no alla proposta del governo di introdurre qualcosa conosciuto come "l'imposta sulle pensioni". Si tratta di una tassa tra il 3% e il 9,6% sullo stipendio lordo dei lavoratori nel settore pubblico, che nel maggior parte dei casi sarà intorno al 7%, cioè di circa €2.000 all'anno.

La manifestazione era indetta dall'Irish Congress of Trade Unions (ICTU - Congresso dei sindacati d'Irlanda, un'organizzazione che raggruppa oltre 50 sigle sindacali), anche se esiste un forte sospetto, basato su alcune indiscrezioni, che lo stesso ICTU abbia proposto l'imposta al governo come alternativa ai piani di quest'ultimo di tagliare gli stipendi del settore pubblico (è interessante notare che l'ICTU non ha fatto appello per il ritiro della proposta del governo). L'imposta sulle pensioni infatti non è altro che un taglio allo stipendio ma sarebbe stato, secondo l'ICTU, più facilmente digeribile. Sabato, i lavoratori irlandesi, non solo del pubblico impiego ma da molti settori - infermiere, tassisti, insegnanti, autotranvieri, giornalisti, impiegati statali, muratori, pompieri, ferrovieri, studenti - tutti dicendo NO in massa: 120.000 sulle strade di Dublino, una città di un milione di abitanti.

Ma l'opposizione dei lavoratori non finisce con il corteo. E' in pieno sviluppo un movimento sindacale di base che lavora verso lo sciopero generale. Negli ultimi settimane ci sono stati decine e decine di assemblee locali nei luoghi di lavoro e nei sindacati per costringere i sindacati a indire uno sciopero ad oltranza. Il corteo di sabato scorso non era soltanto un messaggio al governo, ma anche uno ai dirigenti sindacali. Giovedì prossimo ci sarà lo sciopero nel pubblico impiego del CPSU (Sindacato dei servizi civili e pubblici), seguito sabato dallo sciopero dei trasporti urbani. Poi dal 1 marzo, gli autotranvieri del SIPTU inizieranno uno sciopero ad inoltranza. I lavoratori della scuola stanno agitando per lo sciopero generale e sembra inevitabile che altri sindacati del settore pubblico si uniranno al movimento per lo sciopero generale.

Si sa che una protesta limitata ad una giornata non farà cambiare idea al governo, e se c'è una cosa che le assemblee hanno reso chiaro finora, è che bisogna vincere: far retrocedere il governo e il capitale e far pagare la crisi ai padroni!

L'organizzazione comunista anarchica irlandese, il Workers Solidarity Movement, ha aderito alla manifestazione e ha partecipato con uno striscione dicendo "Il corteo non basta: sciopero generale ora!" e la distribuzione di un volantino dal titolo "Tagli degli stipendi, tagli dei posti di lavoro? Organizzare la resistenza!"

Foto della manifestazione: http://www.indymedia.ie/article/91222


Articolo scritto per Anarkismo.net

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”

Irlanda / Gran Bretagna | Economia | Cronaca | it

Sa 16 Jan, 20:56

browse text browse image

Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.

imageCi sono ancora 650.000 famiglie che non pagano l'ingiusta tassa sulla casa Mai 27 by Dermot Freeman 0 comments

A dispetto di una una lunga e pervicace campagna antipopolare condotta sull'imposizione di questa ingiusta e crudele tassa sulla casa, oltre 650.000 famiglie al 22 maggio 2013 non avevano ancora provveduto al pagamento della tassa. Né una legge draconiana né le minacce di multe hanno portato la gente a recarsi volontariamente agli uffici del catasto. [English]

imageRitorno a scuola per l'Eurozona mentre collassa l'accordo per la Grecia Sep 11 by Paul Bowman 0 comments

Ed eccoci alla fine dell'estate. E' tempo per i politici e per i burocrati dell'Eurozona di far ritorno ai propri uffici e di dare un'occhiata alle cose da fare. Per la stessa ragione è tempo anche per noi, che siamo interessati a lottare contro l'Europa della Austerity, fare il punto della situazione. [English]

imageLa crisi in Irlanda Dez 19 by Ronan McAoidh 0 comments

Martedì 7 dicembre, il governo irlandese si è barricato nel parlamento per votare la legge finanziaria che contiene i tagli e le misure di austerità richieste dal FMI e dalla BCE. La finanziaria giunge alla fine di un anno di crisi profonda, dopo che è andata fuori controllo la spirale del debito di quello che era il paese europeo dalla crescita economica più veloce. L'ovvia domanda che ci si pone è "Cosa è andato storto? Cosa è successo al miracolo economico irlandese?" [English]

imageIrlanda – analisi del piano quadriennale di austerità di FMI e BCE ed appello alla resistenza Nov 26 by Andrew 0 comments

Ieri il governo irlandese ha annunciate i dettagli relative al piano quadriennale previsto dall'intervento di "salvataggio" delle banche ad opera di FMI e BCE. Sono previsti €5 miliardi di nuove tasse e €10 miliardi di tagli nel cosiddetto "Ripresa Nazionale" che in realtà impegnerà il 10% del PIL. Come cercheremo di dimostrare, quasi tutti questi costi saranno pagati dai lavoratori, in particolare da quelli a salario più basso, cioè da coloro che hanno tratto poco o nessun beneficio dagli anni del boom. Quell'1% più ricco della popolazione non viene toccato, soprattutto sul versante dell'evasione fiscale ed in particolare della loro abilità di evitare di non pagare affatto le tasse, ossia nei casi dove passano 6 mesi di vacanze all'estero all'anno. [English]

imageIrlanda: è il FMI che salva il paese o la BCE che vuole salvare l'Eurozona? Nov 24 by Paul Bowman 0 comments

In Irlanda, le famiglie stanno facendo i conti con l'imposizione di altri e più drastici tagli dei servizi pubblici, dei posti di lavoro e dei redditi. Ma occorre rendersi conto che dietro questa logica brutale non c'è il FMI guidato da Washington, bensì l'Eurozona. [English]

more >>
Sorry, no press releases matched your search, maybe try again with different settings.
© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]