user preferences

I comunisti anarchici dicono BASTA CON LA GUERRA, BASTA CON LO STATO!

category internazionale | imperialismo / guerra | comunicato stampa author Tuesday October 04, 2005 19:06author by Northeastern Federation of Anarchist Communists - NEFACauthor email secretary at nefac dot net Report this post to the editors

Gli USA devono andarsene immediatamente dall'Iraq e dall'Afghanistan, così come devono smettere di sostenere Israele. Dare sostegno alla persistente occupazione dell'Iraq è una giustificazione per la persistente imposizione del dominio degli Stati Uniti.


I comunisti anarchici dicono BASTA CON LA GUERRA, BASTA CON LO STATO!

Molti liberali sostengono che è stato un errore invadere l'Iraq; e che, sebbene gli Stati Uniti abbiano usato il crimine dell'11 settembre 2001 per giustificare una guerra fatta in realtà per ragioni geopolitiche, per la ricchezza ed il petrolio e per creare disastri su disastri in quel paese, è una scelta responsabile restare lì per riportare l'ordine e gestire la ricostruzione. Altri liberali pensano che l'Iraq dovrebbe andare sotto il controllo della NATO o dell'ONU. Ma anche in questo caso si tratta di coalizioni di governi altrettanto imperialisti spinti da motivazioni simili a quelle degli USA. Per gli irakeni non cambierebbe nulla se ad occupare il loro paese fossero molti eserciti anziché uno in particolare. Per gli anarchici è evidente che non si può confidare sul fatto che lo stato imperialista statunitense faccia meglio di quanto abbia già fatto e che gli USA aiutino gli irakeni a guadagnarsi una vera democrazia e una vera libertà. Gli USA devono andarsene immediatamente dall'Iraq e dall'Afghanistan, così come devono smettere di sostenere Israele. Dare sostegno alla persistente occupazione dell'Iraq è una giustificazione per la persistente imposizione del dominio degli Stati Uniti.

Gli operai ed i contadini irakeni hanno il diritto di determinare i destini del loro paese. Essi hanno tutto il diritto di fare resistenza armata contro un esercito straniero invasore. Noi non diamo alcun sostegno politico ai para-fascisti che vorrebbero imporre una dittatura religiosa sulle donne ed i lavoratori dell'Iraq o sul resto del Medio Oriente, invece noi vogliamo che gli USA dismettano le loro guerre di aggressione. Ci appelliamo ai soldati ed alle loro famiglie perché si oppongano a questa guerra per richiedere il ritiro delle truppe. Sosteniamo tutti gli sforzi per vanificare il reclutamento militare dei giovani, sia fuori che dentro gli istituti scolastici. Non ci deve essere nessuna leva militare. Qualsiasi Ufficio di Leva con relativi elenchi deve essere smantellato immediatamente.

Ogni volta che il popolo ha progredito, lo ha fatto al di fuori del sistema elettorale. La schiavitù degli afro-americani negli Stati Uniti è stata abolita da manifestazioni illegali, rivolte ed infine da una guerra civile. La segregazione razziale legalizzata è stata sconfitta con la disobbedienza civile. Sono state le ribellioni nelle città a portare alla legislazione contro le discriminazioni e per le azioni positive. I sindacati hanno vinto grazie a presidi e scioperi di massa nelle maggiori industrie. I diritti delle donne sono realtà grazie alla crescente presa di coscienza ed alle manifestazioni di massa. I diritti degli omosessuali hanno visto il loro riconoscimento a partire dalla rivolta di Stonewall. La lotta contro la guerra in Vietnam è stata vincente grazie alla resistenza armata del popolo vietnamita e, negli USA, grazie alla grandi ed illegali manifestazioni, agli scioperi nei campus universitari, alla vasta diserzione alla leva e ad un virtuale ammutinamento nei ranghi dell'esercito. La corrente principale dell'attuale movimento contro la guerra ha spinto per votare per i Democratici o per i politici del terzo partito, ma è solo attraverso la lotta di massa, al di fuori e contro lo Stato, che possiamo avere successo nel fermare questa guerra. In particolare, dovremmo puntare agli scioperi politici, usando l'unico potere strategico che hanno i lavoratori per fermare i gangli della società, per poi ricostruirla su nuove e migliori basi.

La guerra e gli altri mali della società sono provocati dal pessimo sistema sociale vigente. Non sono causati da politiche sbagliate o da politici incapaci. Al cuore del sistema vi è il capitalismo, grazie al quale un pugno di ricchi drena la ricchezza prodotta da tutti. Questo sistema classista sostiene ed è a sua volta sostenuto da tutte le altre forme di oppressione: quella sulle donne, sulla gente di colore, delle nazioni più povere, sugli omosessuali, sulle lesbiche, sui bisessuali ed i transessuali e così via. A tenere il tutto è lo stato-nazione, con i suoi bracci speciali che si chiamano polizia, militarismo, burocrazia, politici, lobbisti e tanti altri che sovrastano le nostre vite. Lo stato-nazione è una macchina da guerra al sevizio dei potenti. Senza la guerra con i suoi preparativi ed i suoi costi, non ci sarebbe ombra degli stati-nazione. Per mettere fine alle guerre, dobbiamo mettere fine a tutti gli stati.

Che cos'è il socialismo anarchico rivoluzionario? Anarchismo significa abolizione di qualsiasi forma di oppressione. Al posto dello Stato, noi prefiguriamo una federazione di associazioni democratiche. Al posto del capitalismo, noi prefiguriamo una federazione di luoghi di lavoro autogestiti, industrie, associazioni e comuni autogestite. Per giungere ad una simile società, dobbiamo mettere fine al patriarcato, alla supremazia dei bianchi ed al dominio di classe; dobbiamo abbattere il potere dello Stato; dobbiamo espropriare la ricchezza che è nelle mani dei ricchi; occorre abolire il sistema salariale e l'economia di mercato; occorre dimensionare i mezzi produzione e di distribuzione a beneficio dell'intera società. Tutto questo comporta nient'altro che una rivoluzione sociale, la quale può solo generarsi dai movimenti autonomi e di massa e dalla azione diretta rivoluzionaria della classe lavoratrice.

24 settembre 2005

Open City Anarchist Collective,
New York City,
opencity@nefac.net

Nemesis Collective,
Baltimore, Maryland,
nemesis@nefac.net

Capital Terminus Collective,
Atlanta, Georgia,
capitalterminus@gmail.com

secretary@nefac.net PO Box 250-159, Columbia University Station, NY, NY 10025

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali

Related Link: http://www.nefac.net
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

Prison Sentence to Managing Editor of Anarchist Meydan Newspaper in Turkey

Liberación de la Uma Kiwe, autonomía y territorio: una mirada libertaria para la comprensión de la lucha nasa

Misunderstanding syndicalism

American Anarchist and Wobbly killed by Turkey while fighting ISIS in Rojava

Devlet Tecavüzdür

Attaque fasciste sur la Croix Rousse et contre la librairie libertaire la Plume Noire

Red November, Black November – An Anarchist Response to the Election

Resistance at Standing Rock

Internazionale | Imperialismo / Guerra | Comunicato stampa | it

Fri 31 Mar, 04:31

browse text browse image

binladensnipershotdead.jpg imageOsama Bin Laden: L'uomo che sapeva troppo 18:09 Thu 09 Jun by Melbourne Anarchist Communist Group 0 comments

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha annunciato che le forze speciali USA hanno ucciso Osama bin Laden e altre quattro persone, incluso almeno un membro della sua famiglia. Il mondo non si è certo impoverito con la morte dell'architetto delle atrocità dell'11 settembre 2001 e, visti i suoi standard, bin Laden non può lamentarsi per il trattamento ricevuto. Il problema, comunque, non è questo. [English]

textNATO fuori dall'Afghanistan! 19:37 Thu 17 Apr by Alternative libertaire 0 comments

Lo Stato francese ha scelto la strada della escalation militare in Afghanistan. Non solo si aumenteranno di 1.000 unità le forze sul terreno portandole entro l'estate a 2.700 uomini, ma si manderà un battaglione di 700 soldati in una zona operativa caratterizzata da un'intensità di conflitto superiore a quella dell'area di Kabul dove attualmente è stabilito il quartier generale della task force francese. [ Français ]

textMare Nostrum 23:36 Mon 11 Sep by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La pace nel Mediterraneo infatti non può contare sulle missioni militari di pace, ma solo sulla rinascita della società civile e sulla ripresa dell'autonomia del movimento dei lavoratori in ogni singolo paese, insieme ad una smilitarizzazione ed al disarmo su tutti i fronti.

imageL’Europa del capitale, 60 anni di distruzione di diritti e democrazia Mar 17 by Alternativa Libertaria/fdca 0 comments

Compie 60 anni il processo di costruzione dell’Unione Europea, iniziato nel 1957 e passato attraverso varie fasi che hanno fatto scempio delle buone intenzioni dei vari movimenti federalisti europei e che oggi alimentano -a destra come in certa sinistra- spinte nazionalitarie e sovraniste che non spostano di un millimetro la questione fondamentale fin dalle origini: il parto tutto capitalistico dello spazio europeo.

textSturmTrump ringrazia Obama Nov 16 by Lucio Garofalo 0 comments

Provo a mettere un po' d'ordine tra le varie interpretazioni e le valutazioni più disparate che ho letto in questi giorni sulla vittoria di Trump (imprevista solo per i media "mainstream") alle elezioni presidenziali USA...

textUno "specchietto" per le allodole o cosa? Aug 02 by Lucio Garofalo 0 comments

Chi ha tutto l'interesse ad arruolare, addestrare e strumentalizzare i miliziani jihadisti, temo che non insegua affatto delle finalità religiose. Mi riferisco a quei manovratori politici che siedono nelle "alte sfere" del potere che agiscono sul terreno internazionale. L'Isis si insinua dentro i conflitti intestini al mondo islamico, in primis nello scontro secolare tra sunniti e sciiti, per rovesciare i rapporti di forza vigenti nel quadro politico arabo-islamico, in regioni geopolitiche e strategiche assai delicate e determinanti per le sorti del capitalismo, quali il Medio Oriente o il Golfo Persico, non soltanto perché ricche di materie prime e giacimenti petroliferi. Da noi, nelle società secolarizzate occidentali, gli ideali religiosi sono stati soppiantati da altri moventi, che costituiscono dei veri e propri surrogati della dimensione religiosa. Mi viene in mente il tifo calcistico, giusto per indicare un esempio...

imageDa Kabul a Strasburgo: la NATO è la guerra! Apr 14 by Alternative Libertaire 0 comments

Lo Stato francese, che ha riunito a Strasburgo i capi di Stato della NATO in occasione del vertice di questa organizzazione al servizio delle politiche imperialiste, ha fatto di tutto perché la contestazione non si potesse esprimere. [Français]

imageRiflessioni sull'attuale scontro interimperialista Oct 02 by Pier Francesco Zarcone 0 comments

Lo scenario internazionale si sta obiettivamente annuvolando. All'imperialismo statunitense, sempre più all'attacco a far tempo dalla implosione dell'URSS, si va contrapponendo un nuovo imperialismo russo, che nell'aggressività del primo trova ottimi appigli per dispiegarsi. Il nazionalismo grande-russo grazie a Stalin ritornò alla grande nella società sovietica (ormai tale di nome, ma non più di fatto), e certamente ha patito le più dolorose ferite nel periodo dalla caduta di Gorbaciov fino all'avvento al potere di Putin...

more >>

imageOsama Bin Laden: L'uomo che sapeva troppo Jun 09 MACG 0 comments

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha annunciato che le forze speciali USA hanno ucciso Osama bin Laden e altre quattro persone, incluso almeno un membro della sua famiglia. Il mondo non si è certo impoverito con la morte dell'architetto delle atrocità dell'11 settembre 2001 e, visti i suoi standard, bin Laden non può lamentarsi per il trattamento ricevuto. Il problema, comunque, non è questo. [English]

textNATO fuori dall'Afghanistan! Apr 17 AL 0 comments

Lo Stato francese ha scelto la strada della escalation militare in Afghanistan. Non solo si aumenteranno di 1.000 unità le forze sul terreno portandole entro l'estate a 2.700 uomini, ma si manderà un battaglione di 700 soldati in una zona operativa caratterizzata da un'intensità di conflitto superiore a quella dell'area di Kabul dove attualmente è stabilito il quartier generale della task force francese. [ Français ]

textMare Nostrum Sep 11 FdCA 0 comments

La pace nel Mediterraneo infatti non può contare sulle missioni militari di pace, ma solo sulla rinascita della società civile e sulla ripresa dell'autonomia del movimento dei lavoratori in ogni singolo paese, insieme ad una smilitarizzazione ed al disarmo su tutti i fronti.

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]