user preferences

New Events

Internazionale

no event posted in the last week

I comunisti anarchici dicono BASTA CON LA GUERRA, BASTA CON LO STATO!

category internazionale | imperialismo / guerra | comunicato stampa author Tuesday October 04, 2005 20:06author by Northeastern Federation of Anarchist Communists - NEFACauthor email secretary at nefac dot net Report this post to the editors

Gli USA devono andarsene immediatamente dall'Iraq e dall'Afghanistan, così come devono smettere di sostenere Israele. Dare sostegno alla persistente occupazione dell'Iraq è una giustificazione per la persistente imposizione del dominio degli Stati Uniti.


I comunisti anarchici dicono BASTA CON LA GUERRA, BASTA CON LO STATO!

Molti liberali sostengono che è stato un errore invadere l'Iraq; e che, sebbene gli Stati Uniti abbiano usato il crimine dell'11 settembre 2001 per giustificare una guerra fatta in realtà per ragioni geopolitiche, per la ricchezza ed il petrolio e per creare disastri su disastri in quel paese, è una scelta responsabile restare lì per riportare l'ordine e gestire la ricostruzione. Altri liberali pensano che l'Iraq dovrebbe andare sotto il controllo della NATO o dell'ONU. Ma anche in questo caso si tratta di coalizioni di governi altrettanto imperialisti spinti da motivazioni simili a quelle degli USA. Per gli irakeni non cambierebbe nulla se ad occupare il loro paese fossero molti eserciti anziché uno in particolare. Per gli anarchici è evidente che non si può confidare sul fatto che lo stato imperialista statunitense faccia meglio di quanto abbia già fatto e che gli USA aiutino gli irakeni a guadagnarsi una vera democrazia e una vera libertà. Gli USA devono andarsene immediatamente dall'Iraq e dall'Afghanistan, così come devono smettere di sostenere Israele. Dare sostegno alla persistente occupazione dell'Iraq è una giustificazione per la persistente imposizione del dominio degli Stati Uniti.

Gli operai ed i contadini irakeni hanno il diritto di determinare i destini del loro paese. Essi hanno tutto il diritto di fare resistenza armata contro un esercito straniero invasore. Noi non diamo alcun sostegno politico ai para-fascisti che vorrebbero imporre una dittatura religiosa sulle donne ed i lavoratori dell'Iraq o sul resto del Medio Oriente, invece noi vogliamo che gli USA dismettano le loro guerre di aggressione. Ci appelliamo ai soldati ed alle loro famiglie perché si oppongano a questa guerra per richiedere il ritiro delle truppe. Sosteniamo tutti gli sforzi per vanificare il reclutamento militare dei giovani, sia fuori che dentro gli istituti scolastici. Non ci deve essere nessuna leva militare. Qualsiasi Ufficio di Leva con relativi elenchi deve essere smantellato immediatamente.

Ogni volta che il popolo ha progredito, lo ha fatto al di fuori del sistema elettorale. La schiavitù degli afro-americani negli Stati Uniti è stata abolita da manifestazioni illegali, rivolte ed infine da una guerra civile. La segregazione razziale legalizzata è stata sconfitta con la disobbedienza civile. Sono state le ribellioni nelle città a portare alla legislazione contro le discriminazioni e per le azioni positive. I sindacati hanno vinto grazie a presidi e scioperi di massa nelle maggiori industrie. I diritti delle donne sono realtà grazie alla crescente presa di coscienza ed alle manifestazioni di massa. I diritti degli omosessuali hanno visto il loro riconoscimento a partire dalla rivolta di Stonewall. La lotta contro la guerra in Vietnam è stata vincente grazie alla resistenza armata del popolo vietnamita e, negli USA, grazie alla grandi ed illegali manifestazioni, agli scioperi nei campus universitari, alla vasta diserzione alla leva e ad un virtuale ammutinamento nei ranghi dell'esercito. La corrente principale dell'attuale movimento contro la guerra ha spinto per votare per i Democratici o per i politici del terzo partito, ma è solo attraverso la lotta di massa, al di fuori e contro lo Stato, che possiamo avere successo nel fermare questa guerra. In particolare, dovremmo puntare agli scioperi politici, usando l'unico potere strategico che hanno i lavoratori per fermare i gangli della società, per poi ricostruirla su nuove e migliori basi.

La guerra e gli altri mali della società sono provocati dal pessimo sistema sociale vigente. Non sono causati da politiche sbagliate o da politici incapaci. Al cuore del sistema vi è il capitalismo, grazie al quale un pugno di ricchi drena la ricchezza prodotta da tutti. Questo sistema classista sostiene ed è a sua volta sostenuto da tutte le altre forme di oppressione: quella sulle donne, sulla gente di colore, delle nazioni più povere, sugli omosessuali, sulle lesbiche, sui bisessuali ed i transessuali e così via. A tenere il tutto è lo stato-nazione, con i suoi bracci speciali che si chiamano polizia, militarismo, burocrazia, politici, lobbisti e tanti altri che sovrastano le nostre vite. Lo stato-nazione è una macchina da guerra al sevizio dei potenti. Senza la guerra con i suoi preparativi ed i suoi costi, non ci sarebbe ombra degli stati-nazione. Per mettere fine alle guerre, dobbiamo mettere fine a tutti gli stati.

Che cos'è il socialismo anarchico rivoluzionario? Anarchismo significa abolizione di qualsiasi forma di oppressione. Al posto dello Stato, noi prefiguriamo una federazione di associazioni democratiche. Al posto del capitalismo, noi prefiguriamo una federazione di luoghi di lavoro autogestiti, industrie, associazioni e comuni autogestite. Per giungere ad una simile società, dobbiamo mettere fine al patriarcato, alla supremazia dei bianchi ed al dominio di classe; dobbiamo abbattere il potere dello Stato; dobbiamo espropriare la ricchezza che è nelle mani dei ricchi; occorre abolire il sistema salariale e l'economia di mercato; occorre dimensionare i mezzi produzione e di distribuzione a beneficio dell'intera società. Tutto questo comporta nient'altro che una rivoluzione sociale, la quale può solo generarsi dai movimenti autonomi e di massa e dalla azione diretta rivoluzionaria della classe lavoratrice.

24 settembre 2005

Open City Anarchist Collective,
New York City,
opencity@nefac.net

Nemesis Collective,
Baltimore, Maryland,
nemesis@nefac.net

Capital Terminus Collective,
Atlanta, Georgia,
capitalterminus@gmail.com

secretary@nefac.net PO Box 250-159, Columbia University Station, NY, NY 10025

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali

Related Link: http://www.nefac.net
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

Hands off the anarchist movement ! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazil !

URGENTE! Contra A Criminalização, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

¡Santiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]