user preferences

La rivoluzione vincerà a Kobanê!

category mashrek / arabia / irak | imperialismo / guerra | cronaca author Friday October 17, 2014 15:58author by Devrimci Anarşist Faaliyet - DAF - Azione Anarchica Rivoluzionaria Report this post to the editors

Report dei nostri compagni dal villaggio di Boydê

Siamo giunti al 24° giorno di attacchi dell'ISIS su Kobanê. Mentre le forze di difesa popolare in tutti i villaggi di confine fanno da scudo umano e da sentinelle per gli attacchi contro Kobanê, tutti ed ovunque nella regione in cui ci troviamo sono insorti per evitare la caduta di Kobanê. [English]

daf_in_koban_10.jpg


La rivoluzione vincerà a Kobanê!


Report dei nostri compagni dal villaggio di Boydê

Siamo giunti al 24° giorno di attacchi dell'ISIS su Kobanê. Mentre le forze di difesa popolare in tutti i villaggi di confine fanno da scudo umano e da sentinelle per gli attacchi contro Kobanê, tutti ed ovunque nella regione in cui ci troviamo sono insorti per evitare la caduta di Kobanê.

Sono tre settimane che facciamo da scudi umani e da sentinelle nel villaggio di Boydê ad ovest di Kobanê. Negli ultimi due giorni, si sono fatte sentire di più le esplosioni e l'eco degli scontri nei quartieri esterni di Kobanê e nel centro della città. L'esercito turco spara contro chiunque cerchi di passare il confine in qualsiasi direzione, compreso il villaggio in cui ci troviamo, che è stato attaccato martedì scorso. I soldati turchi usano anche munizioni vere di tanto in tanto e ci sono dei feriti tra la gente.

Questi attacchi sui villaggi di confine autorizzano di fatto l'ISIS a poter passare attraverso il confine turco. Qui il sostegno della Turchia all'ISIS è nettamente visibile. Ma non è la sola cosa evidente. Abbiamo appreso che uno dei comandanti dell'ISIS nell'attacco a Kobani è stato ucciso dalle forze delle YPJ/YPG. Nel frattempo gli scontri sono sempre più intensi e durano per tutto il giorno senza sosta. Apprendiamo che le esplosioni che si sentono sono quelle prodotte dalla risposta della forze delle YPJ/YPG, le quali hanno tatticamente sgomberato le strade del centro di Kobani attirando l'ISIS in un'imboscata e quindi neutralizzando la loro avanzata con questo riuscita mossa tattica.

Vi è in tutti eccitazione per i resoconti che vengono forniti nelle assemblee del villaggio; si racconta della paura dell'ISIS nei confronti delle donne guerrigliere. L'ISIS rappresenta lo Stato, il terrore, il massacro ed anche il patriarcato ovviamente. A causa della loro paura di non poter diventare dei "martiri" se vengono uccisi dalle donne guerrigliere, dalle combattenti delle YPJ, hanno una paura fottuta di scontrarsi con le forze delle YPJ. Infatti quando vi si scontrano, le donne che "combattono" contro di loro non hanno nessuna pietà per il destino dei miliziani dell'ISIS. Questa è la libertà contro il patriarcato creato dalla lotta delle YPJ.

La rivolta che negli ultimi 2 giorni si è diffusa in tutto il Kurdistan ed in tutte le città dell'Anatolia, ci fa rendere conto di quanto possa essere invincibile il popolo organizzato. Queste rivolte creano fiducia nella possibilità rivoluzionaria a Kobanê, nei villaggi sul confine ed in tutta la Rojava. Quando una sorella o un fratello cadono nella battaglia, l'ira e la forza prendono subito il posto del dolore. Ai requiem in ginocchio seguono le danze halays in cui il battito dei piedi è così forte e veloce da spaccare la terra. Così il nostro dolore esplode in ira, sempre più forte, sempre più veloce.

Questo è ciò di cui tutti abbiamo bisogno qui. In nome della libertà e della rivoluzione tanto agognata, nonostante tutto.

Lunga vita alla resistenza del popolo di Kobanê!

Lunga vita alla rivoluzione del popolo della Rojava!

Lunga vita alla nostra azione rivoluzionaria anarchica!


Devrimci Anarşist Faaliyet - DAF

Revolutionary Anarchist Action/Azione Anarchica Rivoluzionaria

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

Related Link: http://www.facebook.com/anarsistfaaliyetorg
author by giovannipublication date Mon Oct 27, 2014 07:52Report this post to the editors

fino all'attacco dell'ISIS, i "rivoluzionari" di Kobane convivevano tranquillamente con reparti dell'esercito di Assad.

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

Prison Sentence to Managing Editor of Anarchist Meydan Newspaper in Turkey

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]