user preferences

New Events

Italia / Svizzera

no event posted in the last week

Verso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze

category italia / svizzera | lotte sindacali | comunicato stampa author Thursday October 23, 2014 06:09author by Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Come era facilmente prevedibile le rassicurazioni diffuse e propagandate a piene mani da politici, affaristi, finanzieri e confindustriali sulla possibilitÓ di riprendersi da quella che veniva chiamata crisi si sono dimostrate una colossale bugia. Con una ingombrante operazione di depistaggio mediatico all'insegna di "dobbiamo abbattere il debito pubblico" o "dobbiamo abbattere le Tasse", "l'Europa ce lo chiede", "dobbiamo rispettare i vincoli del deficit imposto", si Ŕ proceduto alla cancellazione quasi totale dei diritti dei lavoratori.
versosciopero.jpg


Verso lo sciopero generale e sociale
nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze


UnitÓ nella lotta, unitÓ nell'opposizione, unitÓ nella ricostruzione sociale delle libertÓ e dei diritti.


Come era facilmente prevedibile le rassicurazioni diffuse e propagandate a piene mani da politici, affaristi, finanzieri e confindustriali sulla possibilitÓ di riprendersi da quella che veniva chiamata crisi si sono dimostrate una colossale bugia.

Con una ingombrante operazione di depistaggio mediatico all'insegna di "dobbiamo abbattere il debito pubblico" o "dobbiamo abbattere le Tasse", "l'Europa ce lo chiede", "dobbiamo rispettare i vincoli del deficit imposto", si Ŕ proceduto alla cancellazione quasi totale dei diritti dei lavoratori.

Sacrificati sull'altare del profitto dei pochi ed ipotecato ogni futuro, ci˛ che ci aspetta sarÓ una miseria sempre pi¨ diffusa nei prossimi decenni; non si potrÓ mai pi¨ tornare ai livelli di vita precedenti, la ristrutturazione del capitale in atto non prevede nessuno scambio, fissa il livello di mercificazione dei lavoratori al massimo ribasso, vicini alla schiavit¨, piegati al ricatto della pi¨ violenta concorrenza tra poveri.

Il Jobs Act non Ŕ altro che il tentativo finale di rompere quelle sacche di resistenza solidale che ancora resistono nel mondo sindacale, spezzare il legame sociale dei lavoratori e metterli in condizione di non poter contrattare collettivamente le proprie condizioni sociali, mettendo a rischio il rapporto sindacato-lavoratore, togliendo ruolo a quest'ultimo e salvaguardando una burocrazia sindacale complice delle scelte del capitale.

Oggi le piazze si riempiono di lavoratori che non hanno mai abdicato! Lo confermano le mobilitazioni e gli scioperi nazionali nel settore scuola e contro il Jobs Act (17 settembre, 10 ottobre, 24 ottobre e 25 ottobre, 14 novembre,...) nella logistica (16 ottobre), quelle locali (metalmeccanici a Torino il 17 ottobre, Bologna il 16 ottobre...).

Con le difficoltÓ che l'attacco padronale crea alla organizzazione sindacale rispondiamo dunque con la nostra capacitÓ di mobilitazione, ben sapendo che la costruzione di un rapporto di forza favorevole alla nostra classe passa per un lavoro lungo e meticoloso, dal basso, per riconnettere lotte ed esperienze, che metta al lavoro l'intelligenza e la volontÓ di tutti al fine di ricostruire la partecipazione dei lavoratori scomposta in troppe filiere.

Sappiamo per˛ che non potrÓ essere il Governo a risolvere il problemi dei lavoratori. Chi oggi siede sui banchi del parlamento non pu˛ essere la soluzione ai problemi sociali che hanno contribuito a scatenare; la classe politica europea, mediocre ed arraffona, Ŕ l'espressione del grande capitale, in piena fase di ristrutturazione e consapevole che i livelli di accumulazione si garantiscono con la forza contro i lavoratori.

Milioni di disoccupati, sottoccupati, ricattati, poveri sono la fotografia di questa Europa travolta dalla violenza della crisi capitalistica, non si intravedono salvatori all'orizzonte e nemmeno ne auspichiamo la stregonesca necessitÓ.

Ancora una volta tocca agli uomini ed alle donne che questa crisi la subiscono costruire gli strumenti politici e sindacali a difesa della classe dei lavoratori. L'arroganza del potere non riesce pi¨ a nascondersi dietro le elemosine caritatevoli che si vogliono sostituire a diritti universali: Ŕ sotto gli occhi di tutti ormai, nei fatti, questa classe di politicanti e di affaristi ormai messi a nudo, e chi ancora coltiva riserve, a su coloro i quali pensavano di trovare nel governo amico la possibilitÓ di salvare l'apparenza della funzione burocratica del sindacato pesano i fatti a loro smentita.

Oggi, dopo la tragedia scaturita dalla legge Fornero del governo Monti sulla condanna al lavoro a vita per gli occupati e per l'esclusione a vita dal mondo del lavoro di milioni di giovani (legge votata dallo stesso ceto politico che oggi siede sugli scranni dorati del parlamento), dopo che un ceto burocratico sindacale non adatto a questo livello di conflitto ha abdicato alla lotta, sono ancora i lavoratori, i giovani, i disoccupati, i ceti subalterni che riprendono il cammino per le strade e per le piazze di tutta Europa a creare conflitto e dare speranze in una risposta solidale ed egualitaria, democratica e libertaria, come sempre Ŕ l'impegno di tutti in prima persona che pu˛ mutare lo stato di cose esistente. E non sicuramente un ceto burocratico e politico ormai screditato ed inutilizzabile alle sfide di oggi dei lavoratori europei.

Il Jobs Act, il patto di stabilitÓ, la "buona scuola renziana" e le politiche sociali di questo governo non si possono cambiare; non si possono creare illusioni e spacciare per buone mediazioni sociali inaccettabili.

La ripresa della lotta di classe passa anche attraverso la lotta contro i governi dell'oligarchia finanziaria, e quindi anche contro il governo Renzi. Nei luoghi di lavoro e nei territori, saldando le diverse soggettivitÓ e le generazioni in una mobilitazione globale, valorizzando le diversitÓ sindacali nel sindacalismo conflittuale, accumulando capacitÓ di lotta e di progettualitÓ dal basso, per costruire l'alternativa libertaria.

Verso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze. UnitÓ nella lotta, unitÓ nell'opposizione, unitÓ nella ricostruzione sociale delle libertÓ e dei diritti.

Federazione dei Comunisti Anarchici


21 ottobre 2014

Related Link: http://www.fdca.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Rojava: Mensaje urgente de un compa˝ero anarquista en Afrin

Front page

Μετά την καταστροφή τι;

Aufruf zur Demonstration am 2.9.2018 in UnterlŘ▀ "Rheinmetall entwaffnen ľ Krieg beginnt hier"

Mass protest in central and southern Iraq

Ecology in Democratic Confederalism

[Colombia] Perspectivas sobre la primera vuelta de las elecciones presidenciales de Colombia 2018

Call for Solidarity with our Russian Comrades!

8 reasons anarchists are voting Yes to Repeal the hated 8th

Comunicado de CGT sobre la Nakba, 70 a˝os de dolores para el Pueblo Palestino

[ZAD] Les expulsions ont commencÚ, la zad appelle Ó se mobiliser

Assassinato PolÝtico, Terrorismo de Estado: Marielle Franco, Presente!

La Huelga General del 8 de Marzo, un hito histˇrico

A intervenšŃo federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Ciao, Donato!

[Uruguay] Ante el homicidio de un militante sindical: Marcelo Silvera

[Argentina] Terrorista es el Estado: Comunicado ante el Informe Titulado "RAM"

[Catalunya] Continuisme o ruptura. Sobre les eleccions del 21D

Reconnaissance par Trump de JÚrusalem comme capitale d'IsraŰl : de l'huile sur le feu qui brűle la Palestine

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcŔlement et toutes les violences patriarcales !

The Old Man and the Coup

Hands off the anarchist movementá! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazilá!

URGENTE! Contra A CriminalizašŃo, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

ę 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]