user preferences

New Events

Italia / Svizzera

no event posted in the last week

12 dicembre: lavoratori, non schiavi

category italia / svizzera | lotte sindacali | comunicato stampa author Monday December 08, 2014 15:12author by Alternativa Libertaria/FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Che lo Sciopero Generale del 12 dicembre sia davvero Generale

Oggi è in gioco la sopravvivenza della difesa collettiva dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e non solo, di fronte a scelte politiche che tentano di disarmarci per segregarci in un futuro di schiavi, impotenti a reagire alla violenza delle politiche dei padroni. Oggi in piazza dobbiamo esserci in tanti se vogliamo cambiare di segno le politiche autoritarie di una Europa che cerca il suo spazio imperialista attraverso la compressione sociale. [Português]
sciop.jpg


12 dicembre: lavoratori, non schiavi

Che lo Sciopero Generale sia davvero Generale


Dopo 2 mesi di scioperi e manifestazioni culminati con lo sciopero sociale del 14 novembre, il ciclo di lotte contro Jobs Act, legge di stabilità, sblocca-Italia e Buona scuola, giunge ad un appuntamento importante con lo sciopero del 12 dicembre indetto dalla CGIL con l'adesione della UIL. Pur tenendo conto di fattori contingenti quali lo scontro tra dirigenza PD e dirigenza CGIL, della risposta di quest'ultima al tentativo di delegittimazione del più grande sindacato italiano da parte del governo, questo sciopero sta per assumere l'importanza dei grandi appuntamenti storici del proletariato Italiano. Avviene infatti in uno dei periodi più difficili degli ultimi decenni per i lavoratori, in cui l'attacco del capitale e del governo in Italia rispondono alle esigenze del grande capitale e dell'oligarchia finanziaria saldamente al comando in tutto il mondo.

Il dominio totalitario della finanza ha scatenato uno degli ultimi attacchi alla condizione di vita dei lavoratori e le scelte del Governo Renzi sono lì a dimostrare la totale fedeltà ai dogmi del liberismo più autoritario. Il "Jobs Act" è l'ulteriore, e non ultimo, degli attacchi che la casta padronale sta scatenando contro i lavoratori, con la cancellazione di diritti conquistati in anni di lotte. La necessità per i padroni di sopprimere il ruolo di ogni sindacato che non si pieghi alle sue esigenze di concorrenza capitalistica, il ricatto del posto di lavoro in un mare di disoccupati e di occupati poveri fanno sì che si scateni ovunque la guerra tra poveri, quella concorrenza tra sfruttati che è la ragione vera della nascita delle forme sindacali.

Per questo oggi lo sciopero generale può essere davvero Generale, che faccia male a Governo e Padroni, che sveli finalmente il proprio scopo politico e culturale. Uno sciopero che non abbia nulla di autoreferenziale e che debba rispondere alla violenza dell'attacco alle condizioni proletarie con una forte ipoteca sulla possibilità dei lavoratori ad organizzarsi collettivamente nel prossimo futuro, deve essere uno sciopero che rivendichi quello stesso diritto allo sciopero, che da più parti si cerca di far passare come un privilegio tra i tanti di cui godono i lavoratori.

Uno sciopero che deve essere una tappa di un'azione sindacale europea, che travalichi le italiche contraddizioni per arrivare al cuore della bestia, alle politiche economiche della BCE e dell'oligarchia finanziaria che continua a nominare governi fedeli in tutta Europa.

Una giornata, quella del 12, che deve riempirsi dell'opposizione sociale alle politiche liberiste, alle illusioni governative sostenute da media sempre disposti alla collaborazione con la destra politica, sempre disposti ad inventarla per il piacere di elettori distratti.

Per non cadere nelle alternative delle destra liberista è importante riconquistare le piazze e le strade con una opposizione diffusa, fatta di comportamenti e di scelte coraggiose. Uno sciopero per ribadire che la solidarietà di classe è per noi fondamentale e che siamo disposti sempre a ricostruirla sulle macerie dello scontro con il capitale, reagendo alla crescente repressione che colpisce gli operai come coloro che lottano per il diritto alla casa, all'acqua, alla sanità e scuola pubbliche, i precari come coloro che lottano contro le grandi opere inutili e contro trattati internazionali sulle merci.

Oggi è in gioco la sopravvivenza della difesa collettiva dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e non solo, di fronte a scelte politiche che tentano di disarmarci per segregarci in un futuro di schiavi, impotenti a reagire alla violenza delle politiche dei padroni. Oggi in piazza dobbiamo esserci in tanti se vogliamo cambiare di segno le politiche autoritarie di una Europa che cerca il suo spazio imperialista attraverso la compressione sociale.

Noi comunisti anarchici e libertari, saremo con quanti questo progetto lo combattono. Se lo spazio europeo è il nostro spazio minimo, che sia territorio di solidarietà e di giustizia sociale.

Alternativa Libertaria/FdCA

5 dicembre 2014

Related Link: http://www.fdca.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Rojava: Mensaje urgente de un compañero anarquista en Afrin

Front page

[Colombia] Perspectivas sobre la primera vuelta de las elecciones presidenciales de Colombia 2018

Call for Solidarity with our Russian Comrades!

8 reasons anarchists are voting Yes to Repeal the hated 8th

Comunicado de CGT sobre la Nakba, 70 años de dolores para el Pueblo Palestino

[ZAD] Les expulsions ont commencé, la zad appelle à se mobiliser

Assassinato Político, Terrorismo de Estado: Marielle Franco, Presente!

La Huelga General del 8 de Marzo, un hito histórico

A intervenção federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Ciao, Donato!

[Uruguay] Ante el homicidio de un militante sindical: Marcelo Silvera

[Argentina] Terrorista es el Estado: Comunicado ante el Informe Titulado "RAM"

[Catalunya] Continuisme o ruptura. Sobre les eleccions del 21D

Reconnaissance par Trump de Jérusalem comme capitale d'Israël : de l'huile sur le feu qui brûle la Palestine

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcèlement et toutes les violences patriarcales !

The Old Man and the Coup

Hands off the anarchist movement ! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazil !

URGENTE! Contra A Criminalização, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

¡Santiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

© 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]