user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Palestina-Israele, 10 anni di lotta unitaria a Bil'in contro i coloni, contro il muro/recinzione della separazione e contro l'occupazione

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Saturday February 21, 2015 01:21author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; A-Infos; Ahdutauthor email ilan.shalif at gmail dot comauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 15.02.15

La lotta unitaria dei comitati popolari dei villaggi e degli israeliani di "Anarchici contro il muro" è iniziata circa 12 anni fa nel campo di Mas'ha. Le lotte unitarie si sono sviluppate in vari villaggi con successo alterno, ma solo la lotta del villaggio di Bil'in si è fatta persistente anno dopo anno tenendo alta la bandiera della lotta popolare non-armata e diventando il punto di riferimento per l'attenzione e l'ispirazione dei Palestinesi di tutta di Cisgiordania e di migliaia di attivisti internazionali che si sono uniti a noi per brevi periodi (alcuni anche più a lungo) diffondendo le notizie e la lotta una volta tornati a casa. Anche alcune migliaia di attivisti della variegata sinistra radicale israeliana sono stati a Bil'in almeno una volta aiutandoci ad impedire l'emarginazione della resistenza popolare palestinese. [English]


10 anni di lotta unitaria a Bil'in contro i coloni, contro il muro/recinzione della separazione e contro l'occupazione


La lotta unitaria dei comitati popolari dei villaggi e degli israeliani di "Anarchici contro il muro" è iniziata circa 12 anni fa nel campo di Mas'ha. Le lotte unitarie si sono sviluppate in vari villaggi con successo alterno, ma solo la lotta del villaggio di Bil'in si è fatta persistente anno dopo anno tenendo alta la bandiera della lotta popolare non-armata e diventando il punto di riferimento per l'attenzione e l'ispirazione dei Palestinesi di tutta di Cisgiordania e di migliaia di attivisti internazionali che si sono uniti a noi per brevi periodi (alcuni anche più a lungo) diffondendo le notizie e la lotta una volta tornati a casa. Anche alcune migliaia di attivisti della variegata sinistra radicale israeliana sono stati a Bil'in almeno una volta aiutandoci ad impedire l'emarginazione della resistenza popolare palestinese. Il 20 febbraio celebreremo i 10 anni di Tsumud (persistenza) palestinese, la sola cosa che ha impedito ai Sionisti di portare a compimento il totale sfollamento dei Palestinesi.

Bil'in

06.02.15

Oggi a Bil'in, Cisgiordania, i ragazzi palestinesi si sono fermamente opposti all'occupazione. Come di consueto, i manifestanti non-violenti sono stati accolti da lacrimogeni e proiettili di gomma. Non c'è nessuna infanzia per i bambini palestinesi. L'occupazione si è presa anche quella.

Natalie Wallach: https://www.facebook.com/natali.babku/posts/10203749765...85660
Haitham Al Khatib: https://www.facebook.com/video.php?v=10205023502320222

Venerdì 13.02.15 - 8 Israeliani degli Anarchici Contro il Muro (di cui 4 comunisti-anarchici di Ahdut [Unità]) si sono uniti ad una dozzina di internazionali ed ai residenti per la manifestazione dei 10 anni di lotta. Mentre stavamo convergendo verso le ultime case del villaggio, le forze di stato israeliane hanno iniziato a inondare la strada di lacrimogeni. Poco dopo, il vento ha spazzato via i gas e noi abbiamo iniziato il corteo in direzione della strada dell'originario muro poi smantellato dopo anni di lotta per essere sostituito con un muro che passa un chilometro più ad ovest... L'esercito ha cercato di bloccarci ma molti di noi sono riusciti ad attraversare la piccola valle e ad arrivare prima della reazione dei soldati. Non essendo riusciti a bloccarci con i gas ed i proiettili hanno iniziato a spruzzare pepe irritante sulle facce di alcuni di noi arrestandone due: Mohamed Khatib del comitato di lotta del villaggio ed un attivista del Regno Unito. Un manifestante ha subito una ferita alla gamba provocata da un proiettile d'acciaio coperto di gomma, mentre 10 manifestanti hanno sofferto per irritazioni provocate dallo spray al pepe spruzzato sui loro visi.

Esperimenti a Bil'in: strano che in un ventoso venerdì, con un vento da ovest che ostacolava la manifestazione, molte persone siano riuscite ad avvicinarsi ai soldati. Sembra che, come già successo in passato, le forze di stato israeliane abbiano fatto in modo che i manifestanti si avvicinassero per poter sperimentare su di loro nuove armi tattiche. Oggi, hanno testato l'uso di massa di uno spray al pepe su 10 manifestanti (tra cui 2 donne israeliane ed altri due che hanno arrestato dopo averli spruzzati per osservarne gli effetti).

https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/posts/102050...21248
https://www.facebook.com/drrateb.aburahmah/posts/102060...44955

Ni'lin

06.02.15 - https://antinarrativeblog.wordpress.com/2015/02/09/%D9%...2015/

Nabi Saleh

Alcune decine vittime di sintomi di soffocamento nel corso della manifestazione settimanale di Nabi Saleh. Il corteo era partito da Piazza dei Martiri in direzione dell'ingresso principale del villaggio, chiuso da cancelli di ferro. I manifestanti palestinesi e stranieri erano preceduti da bambini che portavano cartelli con slogan contro l'occupazione e per i diritti nazionali. Quando i manifestanti sono giunti a 100 metri dal cancello, sono iniziati gli scontri ed i soldati israeliani hanno sparato candelotti di lacrimogeni e proiettili di gomma sui manifestanti. I quali si sono poi diretti verso una fonte d'acqua su terre espropriate, dove gli uomini e le donne hanno preso la testa del corteo per fare da scudo ai giovani e per proteggerli dai cecchini. Il movimento di resistenza popolare ha lanciato un appello per formare una dirigenza unitaria e proporre un programma di lotta sulla base della resistenza popolare allo scopo di resistere alle politiche di sradicamento, di sfollamento e di insediamenti coloniali, affinché la comunità internazionale possa far passare risoluzioni contro l'occupazione.

Le donne, i bambini e gli uomini palestinesi hanno manifestato contro l'occupazione ed il furto illegale della terra. La manifestazione è stata accolta da un centinaio di candelotti lacrimogeni sparati da soldati israeliani. Le donne ed i bambini del villaggio hanno dovuto affrontare i cecchini israeliani che stavano cercando di occupare tumuli di terra tra i manifestanti.

Oggi a Nabi Saleh: i cecchini delle forze di occupazione israeliane hanno aperto il fuoco sugli abitanti con proiettili veri.

https://www.facebook.com/bassem.tamimi/posts/1020517362...12619
https://www.facebook.com/ismpalestine/posts/10152831779...94145
https://www.facebook.com/SHEHABNEWS/posts/987492787959808
http://schwarczenberg.com/?attachment_id=4031
David Reeb: https://www.youtube.com/watch?v=87hcrwWG7NE
israelpnm: https://www.youtube.com/watch?v=1CLTNv1ucy4

Venerdì 13.02.15 - abitanti di Nabi Saleh hanno manifestato sotto una pioggia battente contro l'occupazione in corso e contro l'annessione delle terre. Agli inizi della settimana, Israele ha rivelato i suoi piani espansionistici dell'insediamento di Halamish, costruito su terreni confiscati ai residenti. I manifestanti si sono diretti verso l'ingresso principale del villaggio dove sono stati accolti da raffiche da candelotti lacrimogeni e proiettili d'acciaio ricoperti di gomma sparati dai soldati israeliani nel tentativo di disperdere la manifestazione. Nessun ferito.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/10320123...94526
http://schwarczenberg.com/?p=4340
Bilal Tamimi https://www.youtube.com/watch?v=U7DCO0gvNfc
David Reeb https://www.youtube.com/watch?v=EymJwpJQV6I

Qaddum

Gli abitanti di Kufr Qaddum (Cisgiordania, vicino Nablus) manifestano e resistono contro il furto delle loro terre, contro l'occupazione militare, contro gli insediamenti coloniali e contro il muro della separazione.

Abdallah Qaddomi: https://www.youtube.com/watch?v=UGrUSUJO168
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.8820452884841...14816

Venerdì 13.02.15 - manifestazione settimanale di protesta a Kafr Qaddum. Murad Shtewi, il coordinatore del comitato di resistenza, ha dichiarato che il 17enne Jamil Shtewi è stato colpito alla gamba quando le forze israeliane hanno sparato lacrimogeni, proiettili ricoperti di gomma e proiettili veri contro i manifestanti. Il ragazzo è stato portato all'ospedale di Rafidia a Nablus. Dozzine di manifestanti hanno sofferto per le inalazioni di gas e sono stati soccorsi sul campo. Le ruspe israeliane hanno scaricato i resti di pneumatici bruciati nel cortile di casa di Adnan Ali.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/10320075...28342
https://www.youtube.com/watch?v=XP6EpuWBTiI
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.8857099247843...14816

Sheikh Jarrah

Manifestazione di venerdì 6 febbraio 2015:
https://www.facebook.com/amir.bitan/media_set?set=a.101...37581

13.02.15: https://www.facebook.com/amir.bitan/media_set?set=a.102...37581

Jerusalem Gate

6 febbraio 2015 - nota del Comitato di Coordinamento della Lotta Popolare: attivisti di Resistenza Popolare stanno ricostruendo il ‪#‎Jerusalem_Gate‬ sulle terre di Abu Dies e di Al Eizarieh per la sesta volta dopo essere stato demolito dall'occupazione. Questa è la sesta volta che il loro campo viene demolito questa settimana. Ogni volta viene ricostruito un piccolo ricovero, con tre muri ed un tetto di fortuna. Molto probabilmente anche oggi verrà distrutto ancora una volta dal governo israeliano e poi ricostruito dai palestinesi.

"Non dite che non lo sapevamo", n°440

Martedì 27 gennaio, l'esercito israeliano ha svolto delle manovre nella parte nord-occidentale del villaggio palestinese di Bardalah, nel nord della Valle del Giordano occupata. Centinaia di soldati sono entrati nel villaggio con armi da fuoco e sparando granate assordanti. Hanno fatto anche delle perquisizioni nelle case del villaggio. Le manovre continueranno nei prossimi venerdì.

Rettifica: Al contrario di quanto precedentemente comunicato, i terreni su cui è avvenuta la distruzione di raccolti sulle Colline sud di Hebron si trovano su suolo di proprietà israeliana. Tali terreni erano di proprietà dei residenti prima della guerra del 1948. Dopo la guerra, dal momento che si trovavano sul versante israeliano del confine, Israele ne ha preso la proprietà. I proprietari originari ne reclamano la restituzione.

"Non dite che non lo sapevamo", n°441

Mercoledì 4 febbraio 2015, i trattori dell'Autorità per i Parchi e le Riserve Naturali hanno distrutto quasi 800 dune (1 duna=1000 mq) di raccolti di proprietà palestinese sulle colline a sud di Hebron, su terreni appartenenti a residenti dei villaggi di Jinba, Halawa e Markaz.

Martedì 3 febbraio 2015, rappresentati del governo scortati dall'unità Yoav della polizia sono giunti nelle località beduine nel Negev a sradicare e distruggere i raccolti. Prima hanno colpito Abu Grinat, vicino Aroer junction, e poi Hura. Di ritorno da Hura sono stati coinvolti in un incidente in cui sono rimaste uccise 8 donne beduine e 30 sono i feriti.

Per altre informazioni: amosg@shefayim.org.il

 
Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Blog di Ahdut (Unità - organizzazione comunista anarchica israeliana): http://unityispa.wordpress.com/
Documento politico di Ahdut sulla lotta palestinese: http://www.anarkismo.net/article/27038

Traduzione a cura di Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]