user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

E' il momento della Terza Intifada - la lotta unitaria continua

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Sunday October 25, 2015 20:08author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; A-Infos; Ahdutauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 12.10.15

Il fallimento da parte dell'imperialismo USA nel prendere il controllo di paesi relativamente indipendenti come l'Iraq e la Siria ha portato al compromesso con l'indipendente Iran. Il ruolo minaccioso di Israele durante la trattativa ha permesso ad Israele di poter agire più liberamente nella repressione contro i Palestinesi. Il ritorno della Russia sullo scenario siriano ridà fiato ad Israele che può intensificare i suoi tentativi di assumere il controllo dell'area C in Cisgiordania. La terza intifada è una risposta disperata dei Palestinesi che vedono la fine dell'occupazione israeliana allontanarsi fino a scomparire all'orizzonte. La lotta unitaria continua non come speranza che cresce ma come tenace Tsumud (persistenza, ndt) di non arrendersi. [English]


E' il momento della Terza Intifada - la lotta unitaria continua


Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Nabi Saleh, Qaddum, Sheikh Jarrah e Colline a sud di Hebron

Il fallimento da parte dell'imperialismo USA nel prendere il controllo di paesi relativamente indipendenti come l'Iraq e la Siria ha portato al compromesso con l'indipendente Iran. Il ruolo minaccioso di Israele durante la trattativa ha permesso ad Israele di poter agire più liberamente nella repressione contro i Palestinesi. Il ritorno della Russia sullo scenario siriano ridà fiato ad Israele che può intensificare i suoi tentativi di assumere il controllo dell'area C in Cisgiordania. La terza intifada è una risposta disperata dei Palestinesi che vedono la fine dell'occupazione israeliana allontanarsi fino a scomparire all'orizzonte. La lotta unitaria continua non come speranza che cresce ma come tenace Tsumud (persistenza, ndt) di non arrendersi. L'intensificarsi degli attacchi da parte dello stato di Israele e dei suoi agenti di destra ha dato luogo ad una serie di risposte sociali ed individuali. I media e l'opinione pubblica israeliani non sono al 100% dalla parte dello Stato.

Bil'in

25-9-15: Quindici Israeliani e alcuni internazionali si sono uniti ai residenti ed altri per la manifestazione del venerdì. Le forze di stato israeliane ci hanno dedicato i soliti 30 minuti per aggredire la manifestazione del venerdì proprio appena dopo la partenza ai piedi della collina del villaggio. Nonostante i temporanei sintomi da soffocamento a causa della grande quantità di gas lacrimogeni, i pochi attivisti che sono riusciti a meglio sopravvivere ai gas si sono diretti verso la zona proibita del nuovo muro della separazione dove si sono scontrati con i soldati.

https://www.facebook.com/rani.fatah/posts/10207679924779291
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/8200506...94265
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=820050251427642
yisraelpnm https://www.youtube.com/watch?t=30&v=wQVOZlvYRqo

2-10-15: Un altro venerdì a Bil'in. Un altro incontro ravvicinato per gli attivisti israeliani e per gli attivisti di Bilin. Accompagnati da anarchici catalani ed altri internazionali siamo scesi lungo la collina. Avvicinandoci ai soldati israeliani, questi hanno iniziato a sparare candelotti lacrimogeni. A causa dei venti da nord non potevamo che ritirarci per un po' e proseguire la manifestazione fino alla ritirata dei soldati. Preso solo qualche lacrimogeno - a compensare il diluvio di gas della settimana scorsa.

https://www.facebook.com/rani.fatah/posts/10207722794851016
Ilan in https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10207722783210725
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/8226699...99008
Ilan in https://www.facebook.com/photo.php?fbid=822668184499182
https://www.facebook.com/anatllanat/posts/773142902794941

9-10-15: https://www.facebook.com/hamde.a.rahma/videos/162459594...0776/
https://www.facebook.com/rani.fatah/posts/10207760649037347
https://www.facebook.com/LunaDitLulu/posts/1651108558476497
Israel Puterman: https://www.youtube.com/watch?v=Uc5FGK2Ui5k&feature=you...tu.be

Qaddum

25-9-15: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1011951508826...14816

Venerdì 9-10-15 La repressione sulla manifestazione a Kafr Qaddum oggi è stata una vera carneficina. Un vecchio è stato colpito alla pancia ed ora è in condizioni di salute precarie. A decine sono stati gravemente feriti.

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1018209548201...14816

10_10-2015 di nuovo per tutto il weekend l'esercito israeliano ha terrorizzato il villaggio di Kufr Qaddum, i cui abitanti protestano con risolutezza per ottenere la riapertura della strada principale. Si lotta con la forza di volontà, con i megafoni, con gli pneumatici e con le pietre, ed Israele risponde con proiettili letali, incursioni notturne, arresti, lacrimogeni ed acqua fetida.

https://www.youtube.com/watch?v=-NYTi96dHWU
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1015007125188...14816

Beit Jala

Manifestazione del 27-9-15, video di David Reeb su https://youtu.be/Z_VNmQk11rU

Nabi Saleh

2.10.2015: I residenti di Nabi Saleh e gli attivisti hanno dato vita al corteo settimanale verso la fonte d'acqua di al-Qaws, che è stata espropriata nel 2009 dai coloni del vicino insediamento di Halamish. Queste manifestazioni settimanali sono iniziate dopo che i coloni avevano preso il controllo della fonte e di terre di proprietà dei villaggi di Nabi Saleh e Deir Nizam, dopo che avevano dato al sito il nome di "Maayan Meir" e dopo aver impedito ai Palestinesi di usare la fonte con l'aiuto dell'esercito israeliano. Nel 2013, la Corte suprema aveva ordinato ai coloni di interrompere ogni altro lavoro nel sito e lo smantellamento immediato delle strutture già costruite. Nonostante ciò, l'esercito continua ad proibire ai Palestinesi l'accesso alle loro terre. Il primo venerdì di ottobre, i coloni hanno fatto una manifestazione da Halamish alla fonte quale prova di forza, sotto protezione militare, mentre i Palestinesi erano costretti ad assistere dalla collina di fronte.

Per altre foto, cliccare qui: http://schwarczenberg.com/?p=6090

Proiettili veri sparati sui manifestanti palestinesi http://schwarczenberg.com/?p=6116
https://www.youtube.com/watch?t=4&v=qTwYJi-2XKY
David Reeb: https://youtu.be/9sbPNA8JmQU
https://www.facebook.com/ismpalestine/posts/10153373238...39145

21.8.2015:
David Reeb: https://youtu.be/-etglPh1uJo

09/10/2015: Dopo una settimana di crescenti violenze di Israele contro i Palestinesi e di ripetute incursioni sulla moschea di al-Aqsa a Gerusalemme, i residenti di Nabi Saleh si sono scontrati con l'esercito israeliano, protestando contro l'occupazione, contro l'espropriazione delle terre e contro gli arresti di massa. L'esercito israeliano ha cercato di disperdere i manifestanti usando i candelotti lacrimogeni, proiettili d'acciaio ricoperti di gomma e bombe assordanti. Nessun ferito grave.

http://schwarczenberg.com/?p=6119
https://www.facebook.com/belal.tamimi/posts/10152982616...81371
David Reeb: https://youtu.be/Mjw5QPVv9tI
https://antinarrativeblog.wordpress.com/2015/10/10/nabi...7%97/

Ni'lin

02.10.2015: Manifestazione settimanale del venerdì oggi in solidarietà con Shukri Kawaja, di 47 anni, prigioniero politico in isolamento in un carcere militare israeliano da 245 giorni!

https://www.facebook.com/Saeed.Amireh/posts/10154250769...69447

"Non dite che non lo sapevamo", n°467

Giovedì 3 settembre 2015, alle ore 3.00, i soldati israeliani sono entrati nelle case di 6 famiglie palestinesi a Hebron per operazione ispettive. Hanno rotto le porte, danneggiato il mobilio e le auto. Tre uomini sono stati arrestati, poi rilasciati e convocati per essere interrogati. I Palestinesi hanno sporto denuncia contro i soldati per aver rubato 1.200 NIS (€280, ndt) ed un ciondolo d'oro.

Lunedì 7 settembre 2015, rappresentanti del governo, scortati dalla polizia, hanno demolito una casa a Umm Batin, vicino Omer. A El-Ghara, vicino alla Strada 31, hanno demolito una casa.

"Non dite che non lo sapevamo", n°468

Mercoledì 16 settembre 2015, soldati israeliani sono giunti nel villaggio beduino di Khirbet Umm El Jamal, vicino all'insediamento di Maskiot, a nord della Valle del Giordano occupata. Hanno confiscato un trattore di proprietà di un residente e minacciato gli altri di sequestrare le taniche di acqua e l'attrezzatura agricola se non se ne fossero andati via.
Nel gennaio di quest'anno l'esercito aveva già demolito l'intero villaggio.
Giovedì 17 settembre 2015, rappresentanti del governo, scortati dalla polizia, hanno nuovamente sradicato alberi di ulivo nel villaggio di Za'arura, vicino Kseife, nel Negev. Hanno anche demolito ancora una volta El-Araqib.

"Non dite che non lo sapevamo", n°469

Lunedì 21 settembre 2015, 170 bambini palestinesi di Hebron sono passati per il check-point di Qitioun per andare a scuola. Uno o due ragazzini hanno lanciato pietre contro i soldati. Che hanno risposto sparando candelotti lacrimogeni e granate assordanti contro i bambini. Al ritorno da scuola, ci sono stati altri lanci di pietre ed i soldati hanno di nuovo reagito con 4 lacrimogeni sparati sui ragazzini.

"Non dite che non lo sapevamo", n°470

Martedì 22 settembre 2015, un pastore palestinese di Fasayil, nella Valle del Giordano occupata, ha attraversato la strada col suo gregge di pecore vicino all'insediamento di Masua. Mentre stava attraversndo la strada, è arrivato un israeliano (presumibilmente un colono) con una Toyota 4x4. Il pastore gli ha segnalato di fermarsi e di attendere fino a che il gregge fosse passato. Invece l'israeliano non si è fermato, ha investito ed ucciso 40 pecore per poi andarsene via immediatamente.

Questions and queries: amosg@shefayim.org.il

 
Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Blog di Ahdut (Unità - organizzazione comunista anarchica israeliana): http://unityispa.wordpress.com/
Documento politico di Ahdut sulla lotta palestinese: http://www.anarkismo.net/article/27038

Traduzione a cura di Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]