user preferences

New Events

Mashriq / Arabia / Iraq

no event posted in the last week
Recent articles by Ilan S. (ed.)
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Mashriq / Arabia / Iraq Workplace struggles

Αγώνες στο Ιρ&#... Nov 27 16 by Dmitri (μετάγραση-επιμέλεια)

Nouvelles du Liban Jan 25 08 by Alibabalanararabe

Η τρέχουσα κα&#... Oct 06 07 by Manuel Baptista

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

category mashriq / arabia / iraq | workplace struggles | feature author Wednesday June 01, 2016 18:59author by Ilan S. (ed.) - AAtW, ainfos.ca, Ahdut (Unity) Report this post to the editors

This is an article X wrote upon an interview with Palestinian workers at Bethlehem checkpoint

featured image

Palestinian workers are one of the most forgotten and abandoned social categories whether in the political. economical or social contexts, Almost all Palestinian workers suffer from Various sides: the Palestinian Authority, the Zionist state, and Israeli and Palestinian bosses, its noticeable that the worker’s rights. stability and future are roughly mentioned in the policies of the two conflicted Entities. since neither one of them gave any importance to reflect on the issue of Palestinian workers. besides. this point was not Discussed as it should in the Palestinian-Israeli negotiations. note that according to the Palestinian Central Bureau of Statistics ; the number of Palestinian workers in Israel is estimated of 105 thousand workers which constitutes 2.2% of the labor force in Israel and about 11.7% of the size of the labor force in the West Bank .

Who is the Palestinian worker?

The Palestinian factor is the worker in the areas inside the Green Line (Israel) and holds a Palestinian identity card and live within the Palestinian Authority zones in the West Bank, or those who live in Gaza Strip, Israeli Arabs and Arabs living in Jerusalem (holders of Israeli ID) are Considered Israeli laborers .

Work permits:

After the outbreak of the first Palestinian intifada, specifically in 1991. Israeli decision was issued limiting the freedom of movement between the West Bank, Gaza Strip and areas within the Green Line, thus. having a permit to enter Israel became obligatory for any Palestinian who wants to move legally in Israel.

Palestinian workers divided in terms of Legality and thus the possibility of obtaining their rights into two parts: the Palestinians legal workers with permits and make up 64% of the number of workers inside Israel. the Israeli labor laws are applicable on this category of workers upon the decision of the Israeli government in 1970 and the terms of Paris Convention 29 \ 04 \ 1994, which addressed the issue of Palestinian employment inside the green line. Secondly: Palestinian illegal workers (smuggled to Israel) and make up about 36% of the total number of Palestinian workers inside Israel, Netanya Magistrate's Court acknowledged the rights of this category of workers, but their rights are often neglected and ignored.

Rules and conditions for obtaining a work permit changed to become increasingly complex each year, prompting a lot Palestinian workers whom don’t fit the conditions (unmarried, younger workers, married with no children ... etc) to enter Israel illegally -according to laws of the state- with the rise in unemployment in the occupied territories. the number of illegal workers in Israel peaked and that was accompanied with the exploitation of many workers by smugglers.

Same tyranny. Different tyrants :

The Palestinian worker is being Prosecuted by several parties seeking to increase profits on the worker’s account, in the other hand, the oscillating and constantly changing laws and policies of the State of Israel and the continuous occupation of the territories occupied in 1967 constitutes the largest pressure on the lives of the Palestinian worker threatening its stability and constancy . prevents sometimes workers from access to their places of work and practice their work freely. Workers are prevented sometimes from accessing the place of work and doing their business freely when the Israeli army impose closure on the occupied territories, However, the state has worked to reduce the number of Palestinian workers after the Gulf War and replace them with foreign employment, Palestinian workers nowadays usually work in hard labor. such as construction work and servicing .

As stated previously, the Israeli government has recognized the rights of Palestinian workers and claimed to give them equal rights with their Israeli counterparts, and that any discrimination based on color, race or religion deemed against the laws of the state, Multiple items in various fields were placed to protect workers from exploitation, but, How valid are these allegations? Are Palestinian workers actually equal to Israelis? how much are these Laws applicable on the ground?

With a close look to the Israeli labor law you can easily find certain gaps through which to view distinction between the Palestinian and Israeli workers, since labor law gave the Israeli Boss the right to recall work permits and whenever he wished. which means depriving the worker from claiming future rights When denied entry to Israel, it means that he could not file a lawsuit against the Israeli Boss or head to the authorities involved in protection workers, which Forces the Palestinian workers to Hire an Israeli lawyer to represent them.many workers become a victim of a scam and Fraud by the lawyers. The Palestinian worker (O.A) said “"There was a dispute between me and my employer, and I was surprised the next day when I was on my way to Israel heading to the relevant authorities that the permit had been cancelled, then I had to appoint an Israeli lawyer and after long months of waiting and Signing on several legal papers in Hebrew which I do not speak, I found out that the lawyer had made a deal with the employer and got paid money on my account ". Israeli law also gives the Israeli employer the right to contract workers on prior agreements often have the form of "waiver your rights, and get the job" it contain workers commitment not to prosecute the operator in case the employer infringed the labor law such as exceeding disciplinary discounts limit . Minimum Wage law provides that “ Any employee of 18 years of age or over employed in a full-time position is entitled to receive a wage which is not less than a minimum per month, day or hour “ This law becomes effective if and only if the worker completed the so-called minimum number of weekly working hours, which amounts to (186) hours, and here can be observed another gap in the labor law, as the form of wage voucher for Palestinian workers. a document that shows the Duration and density. differs from wage voucher for Israelis. as it Contain a column for the number for weekly working days and hours for the Israelis and only weekly working days for Palestinians and herein comes the role of the Palestinians and the Israelis operators in counterfeiting, forgery and theft of workers in broad daylight

The Israeli work accidents law distinguishes clearly between the Israeli and Palestinian counterpart. Since the risks faced by Palestinians in the way of going to work and returning from it goes beyond the limits of what's bearable as the accidents caused by the Violations of the Israeli army are often ignored and lawsuits against it are dropped usually, besides the law defines the worker roundtrip path. and If it was changed even for an Emergency. or if the worker had to stop in the path for a specific need like going to the bank or getting food and had an accident. it will not be considered as a work accident .

As stated previously, the labor law creates the right conditions for the employers to usurp the rights of workers, moreover, the employers don’t care about labor law in the case of Palestinian workers since if they cancelled the worker’s permit it’s halfway to waste and ignore their rights. anyhow.the lack of awareness of rights and lack of proficiency in the Hebrew is considered one of the most important factors to reinforce digesting their rights since sometimes they sign a labor contract obliging themselves to receive daily wage. That means releasing the employer from commitment to the maximum daily working hours (8 hours) to exceed the duration of the work to 10 hours and thus the worker does not get paid for overtime. The salary voucher is the first defense line of the worker and therefore the first goal to be attacked by the Israeli employer, where some falsify salary voucher by reducing The number of weekly working days to get discounts from income tax, the Department of payments, national insurance at the expense of the worker, as well as taking advantage of Palestinians voucher’s form to reduce the number of weekly hours worked below the minimum of (186) and therefore the employer does not have to commit to the minimum wage, Furthermore, The Palestinian employer (for example : the contractor in construction works) becomes a partner in crime since profits earned by the Israeli employer are often shared with the Palestinian counterpart as a far for pressuring them and forcing them to sign the pre agreements and stay silent in case of violations of the labor law under the coverage of the tribal law which is utilized in some parts of the west bank and hence. the worker is Obliged to stay silent and show acquiescence if he’s not a member of a powerful Hamula .

As for non-legal Palestinian workers Despite the recognition of their rights, the absence of labor contracts and vouchers wages lead to their inability to claim their rights and consequently the workers cannot to even mention the issues of minimum wage. health and social Insurance. or Work accidents which leads to giving this category of workers very low wages and very bad work conditions .

Violations by the IOF :

A Picture of Palestinian workers on Bethlehem densely crowded checkpoint has spread recently on Social media. many activists compared the conditions of Palestinians at checkpoints to the Situations in the Ghettos in Nazi Germany. after a direct look at the circumstances at Bethlehem checkpoint and the treatment of Palestinians by the Israeli soldiers Including Physical torture. Daily flouts. racist Comments and discrimination we can say it’s a fair comparison. workers have to leave their homes to work at very early time in order to get to the checkpoint before congestion time. Palestinian worker (M.M) said "I finish my work in Kfar Saba at four o'clock pm and get to my house in Hebron at about seven o'clock pm. the next day I’m forced to leave the house at four o’clock in the morning to avoid the congestion, so it leaves me only two hours of a free time ". some consider the Intentionally failure of the soldiers to do their Job properly the main cause behind checkpoint’s overcrowding. where some soldiers deliberately

disable the movement at the checkpoint to do provocative activity such as chatting with another soldier and pretending to be engaged in another Job. Some soldiers confess “We received orders to tighten the procedures and disturb the movement", Others considered that the checkpoints are designed in a way does not fit thousands of Palestinians move through it daily, whether structural design or distribution of inspection soldiers in an unregulated manner. where it is rare to find all the soldiers in the filling all inspection booths ; one or two soldiers often are in charge of duty. not to mention that Soldiers sometimes pick Palestinians randomly for Scrutiny ; where they detain "Suspects " in a closed room for a duration of 30-40 minutes and force them to take off all their clothes and get double checked .

As for the soldiers themselves you can notice cases of obvious daily violations. some soldiers comments are racist and insulting. others scream in the face of Palestinians and it might reach physical assault. besides. a lot of workers get their permits Confiscated upon their appearance. The Palestinian worker “M.H” in Jabal Abu Ghniem settlement (Har Huma) said “ I witnessed a lot of mockery by the soldiers on Checkpoints. some called me Osama. Others accused me with being an ISIS member. On another day, when I was doing my job, I was attacked by a force of the Israeli border guards and they handcuffed me and threw me on the ground and pulled out their guns at me. an hour later they said that it was just a training and that they were sorry for the inconvenience ". However. the dilemma is worse in case of Illegal workers. there is recorded cases of broken bones. torture and Bullet Injury almost everytime Border Guards beaten catch Illegal Palestinian workers .

Settlements and industrial zones workers:

Settlement workers suffer from the lack of recognition of their rights and thus their inability to Demand the rights from all sides that might be relevant, the Palestinian Authority considers the settlements illegal and therefore it dismissed the legitimacy of Settlements workers. Sarcastically. The Jordanian labor law is still applied on them despite the decision made by the Israeli High Court of Justice (2007) to apply the Israeli labor on this division thence are the law of the minimum wage, maximum hours of daily work, health and social insurance, etc.... are not applied in this case, You can imagine the quantity of abuse exercised on them for this reason.

Related Link: http://unityispa.wordpress.com/
author by Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionalipublication date Mon Jun 06, 2016 01:11Report this post to the editors

Lavoratori palestinesi in Israele: tra Scilla e Cariddi
category mashriq / arabia / iraq | workplace struggles | feature author Wednesday June 01, 2016 17:59author by Ilan S. (ed.) - AAtW, ainfos.ca, Ahdut (Unity)

Articolo scritto dopo un'intervista a lavoratori palestinesi al checkpoint di Betlemme

I lavoratori palestinesi sono una delle categorie sociali più dimenticate ed abbandonate sia in ambito politico, che economico o sociale. Quasi tutti i lavoratori palestinesi sono vessati da vari lati: dall'Autorità Palestinese, dallo Stato Sionista e dai padroni sia israeliani che palestinesi. E' il caso di notare che i diritti dei lavoratori palestinesi, la loro stabilità ed il loro futuro vengono raramente citati nelle politiche delle due Entità in conflitto, dal momento che nessuna delle due ritiene importante riflettere sui problemi dei lavoratori palestinesi. Nè si tratta di un punto affrontato come si dovrebbe in sede di negoziati Palestino-israeliani. Secondo l'istituto di statistica palestinese, il numero di lavoratori palestinesi in Israele è stimato in 105mila, pari al 2,2% della forza lavoro in Israele e pari all'11,7% della forza-lavoro della Cisgiordania.

Chi sono i lavoratori palestinesi?

I lavoratori palestinesi sono coloro che lavorano nelle aree all'interno della Linea Verde, che hanno un documento di identità palestinese e che risiedono nelle zone sotto l'Autorità Palestinese in Cisgiordania; oppure sono coloro che vivono nella Striscia di Gaza, sono Arabi Israeliani o Arabi che vivono a Gerusalemme (con documento di identità israeliano) e sono considerati lavoratori israeliani.

I permessi di lavoro

Dopo lo scoppio della prima Intifada palestinese, specificatamente nel 1991, Israele assunse la decisione di limitare la libertà di movimento tra la Cisgiordania, la Striscia di Gaza e le aree all'interno della Linea Verde, per cui divenne obbligatorio per ogni palestinese che voleva recarsi legalmente in Israele, avere un permesso di lavoro.

I lavoratori palestinesi si ritrovarono divisi in due parti in termini di legalità e della possibilità di ottenere i loro diritti. Per primi, i lavoratori palestinesi legali con permessi, pari al 64% del numero di lavoratori palestinesi in Israele. La legislazione israeliana sul lavoro si applica anche a questa categoria di lavoratori dal 1970 e sulla base della Convenzione di Parigi del 29 aprile 1994, che si era fatta carico della questione dell'impiego di lavoratori palestinesi all'interno della Linea Verde. Poi, ci sono i lavoratori illegali (che lavorano clandestinamente in Israele) pari a quasi il 36% del totale dei lavoratori palestinesi all'interno di Israele. Il tribunale di Netanya ha riconosciuto i diritti di questa categoria di lavoratori, ma i loro diritti sono spesso misconosciuti ed ignorati.

Le regole e le prerogative per ottenere un permesso di lavoro diventano più complesse ogni anno che passa, costringendo i lavoratori palestinesi che non rispondono alle prerogative stabilite (cioè gli scapoli, i più giovani, quelli sposati ma senza figli...) ad entrare in Israele illegalmente -in base alle leggi dello Stato- e provocando un aumento della disoccupazione nei territori occupati. Il numero dei lavoratori illegali è cresciuto moltissimo e con esso lo sfruttamento di molti lavoratori da parte dei "caporali".

Stessa tirannia. Tiranni differenti.

In diversi cercano di accrescere i propri profitti sfruttando i lavoratori palestinesi, d'altra parte le oscillazioni ed i continui cambiamenti nella legislazione e nelle politiche dello Stato di Israele unitamente al perpetuarsi dell'occupazione dei territori invasi nel 1967 esercitano una forte pressione sulle condizioni di vita dei lavoratori palestinesi, minacciandone stabilità e progettualità di vita, impedendo a volte agli stessi lavoratori di recarsi al lavoro e di farsi un lavoro liberamente. Ai lavoratori è impedito a volte di recarsi al lavoro e di occuparsi dei propri affari liberamente quando l'esercito israeliano impone la chiusura dei territori occupati. Comunque, lo Stato ha ridotto il numero dei lavoratori palestinesi all'indomani della Guerra del Golfo per sostituirli con forza-lavoro immigrata. Attualmente i lavoratori palestinesi vengono di solito impiegati in lavori pesanti quali l'edilizia e riparazioni meccaniche.

Come detto prima, il governo israeliano ha riconosciuto i diritti dei lavoratori palestinesi ed ha dichiarato di voler dare loro gli stessi diritti dei lavoratori israeliani, dal momento che ogni discriminazione basata sul colore della pelle, della razza o della religione si pone contro le leggi dello Stato. Sono tanti ed in vari campi gli impegni assunti per proteggere i lavoratori palestinesi dallo sfruttamento, ma quanto sono credibili? I lavoratori palestinesi sono davvero equiparati ai lavoratori israeliani? Le leggi esistenti sono davvero applicabili sul campo?

Dando un'occhiata più ravvicinata alla legislazione israeliana sul lavoro, si possono facilmente trovare certe differenze di status tra i lavoratori palestinesi e quelli israeliani, dato che tale legislazione dà ai padroni israeliani il diritto di revocare i permessi di lavoro quando vogliono. Il che significa impedire al lavoratore palestinese di rivendicare futuri diritti. Una volta che gli viene negato l'ingresso in Israele, succede che egli non può fare vertenza contro i padroni israeliani e nemmeno rivolgersi alle autorità della previdenza sociale che costringono il lavoratore palestinese a rivolgersi ad un avvocato israeliano che lo rappresenti. Molti lavoratori sono vittime di imbrogli e di frode da parte degli avvocati. Un lavoratore palestinese (O.A.) ci ha raccontato che c'era una vertenza tra lui ed il suo datore di lavoro, si è ritrovato da un giorno all'altro senza permesso di lavoro, si è poi rivolto ad un avvocato israeliano e dopo lunghi mesi e tante firme su documenti legali scritti in ebraico, lingua a lui sconosciuta, si è accorto che l'avvocato aveva fatto un accordo col datore di lavoro e si era preso l'onorario che gli doveva. La legge israeliana dà anche al datore di lavoro israeliano il diritto di assumere lavoratori sulla base di un pre-accordo che spesso ha la forma tipo "rinuncia ai tuoi diritti e ti dò il lavoro"; questo pre-accordo serve a impedire che il lavoratore possa aprire una vertenza nel caso il datore di lavoro infrangesse la legge sul lavoro. La legge israeliana sul salario minimo recita così “ Ogni assunto a tempo pieno di età pari o superiore a 18 anni ha diritto a ricevere un salario non inferiore al minimo mensile, giornaliero od orario". Questa legge si attiva solo se il lavoratore ha effettuato il cosiddetto numero minimo di ore settimanali lavorative, pari a 186 ore, e qui si riscontra un'altra differenza nella legislazione nel ricorso al voucher per i lavoratori palestinesi. Che è diverso da quello per i lavoratori israeliani, dal momento che conteggia i giorni e le ore lavorati in una settimana per gli israeliani e solo i giorni lavorati in una settimana per i palestinesi e qui entra in gioco il ruolo dei mediatori palestinesi ed israeliani nello sfruttare e derubare i lavoratori palestinesi alla luce del sole.

La legge israeliana sugli infortuni da lavoro distingue chiaramente tra lavoratori palestinesi e lavoratori israeliani. Dal momento che i rischi che corrono i Palestinesi per andare e tornare dal lavoro vanno al di là del sopportabile visto che ci si può imbattere in azioni illegali commesse dall'esercito che vengono di solito condonate, la legge è giunta a definire quale deve essere il percorso che il lavoratore palestinese deve rispettare. Percorso che non si può cambiare nemmeno per un'emergenza, o se il lavoratore ha bisogno di fermarsi lungo la strada per una necessità specifica come dover andare in banca o procurarsi da mangiare, oppure per un incidente, che non verrà considerato come incidente sul lavoro.

La legislazione israeliana sul lavoro crea le condizioni ottimali per gli imprenditori per violare i diritti dei lavoratori, inoltre essi non rispettano la stessa legislazione nel caso dei lavoratori palestinesi, dato che basta non rinnovare loro il permesso di lavoro per fare scempio dei loro diritti. Ad ogni modo, per i lavoratori palestinesi la mancanza di coscienza dei propri diritti e la scarsa conoscenza dell'ebraico sono considerati due dei più importanti fattori su cui lavorare per aumentare la coscienza dei loro diritti dato che a volte firmano contratti di lavoro con cui sono costretti ad accettare un salario su base gornaliera. In questo modo gli imprenditori sono liberi di portare l'orario di lavoro da 8 a 10 ore quotidiane senza pagare le due ore in più. Il voucher è la prima linea di difesa del lavoratore, ma anche il primo obiettivo sotto attacco da parte degli imprenditori israeliani, che falsificano i dati riducendo il numero di giorni settimanali lavorati per ottenere vantaggi fiscali ed assicurativi a spese del lavoratore, come pure approfittando del tipo di voucher per i lavoratori palestinesi per ridurre il numero di ore settimanali lavorate sotto il minimo di 186 e quindi non dover corrispondere il salario minimo. Ma c'è di più: l'imprenditore palestinese (ad esempio: l'appaltatore di lavori edili) diviene complice di questi abusi dal momento che i profitti intascati dall'imprenditore israeliano vengono spesso spartiti con la controparte palestinese, con un pre-accordo che prevede il loro silenzio in caso di violazioni della legge sul lavoro e con la copertura delle leggi tribali che sono ancora in vigore in alcune zone della Cirgiordania ed oltre. Il lavoratore viene obbligato a tacere e ad essere acquiescente, a meno che non faccia parte di una potente Hamula (clan palestinese, ndt)

Per quanto riguarda i lavoratori palestinesi in nero, nonostante il riconoscimento dei loro diritti, l'assenza di un contratto di lavoro e di vouchers li mette nelle condizioni di non poter rivendicare i loro diritti e di conseguenza non possono nemmeno accedere al salario minimo, all'assistenza sanitaria, all'assicurazione sociale o alla cassa infortuni sul lavoro, con salari molto bassi e pessime condizioni di lavoro.

Recentemente ha fatto il giro dei social una foto di lavoratori palestinesi all'affollato checkpoint di Betlemme. Molti attivisti hanno paragonato le condizioni dei Palestinesi ai checkpoint con la situazione nei ghetti ebrei nella Germania nazista. Dopo aver osservato da vicino la situazione che si crea al checkpoint di Betlemme ed il trattamento riservato ai Palestinesi da parte dei soldati israeliani con violenze fisiche, insulti quotidiani, commenti razzisti e discriminazioni, possiamo dire che il paragone ci sta. I lavoratori devono uscire di casa molto presto al mattino per arrivare al checkpoint prima delle ore di punta. Un lavoratore palestinese (M.M) ci dice che finisce di lavorare a Kfar Saba alle 4 del pomeriggio ed arriva a casa sua a Hebron alle 7 di sera ed il giorno dopo deve uscire di casa alle 4 del mattino per evitare le code al checkpoint, per cui gli restano solo 2 ore di tempo libero per sè. Secondo alcuni è proprio il modo di agire intenzionalmente lesivo da parte dei soldati nello svolgere le loro mansioni che provoca gli affollamenti al checkpoint. Alcuni di loro bloccano deliberatamente il flusso con comportamenti provocatori quali fermarsi a chiacchierare con un commilitone o fingere di dover svolgere un'altra mansione. Alcuni soldati hanno ammesso di aver ricevuto ordini per burocratizzare le procedure e fare innervosire le persone. Per altri i checkpoint sono fatti in modo da non poter gestire il flusso di migliaia di Palestinesi che vi transitano quotidianamente, sia nel come sono stati progettati sia nella distribuzione dei soldati secondo criteri irregolari: infatti è raro trovare tutti i soldati presenti nelle cabine di controllo, salvo uno o due in servizio, senza dimenticare che i soldati a volte scelgono a caso dei Palestinesi in coda per procedere ad un'ispezione, ed i "sospetti" malcapitati vengono trattenuti per 30-40 minuti per essere sottoposti a perquisizione dovendosi spogliare di tutti i vestiti per ottenere di passare.

Per quanto riguarda i soldati, sono evidenti casi di quotidiane violazioni. Alcuni loro commenti sono razzisti e calunniosi. Altri urlano sul volto dei Palestinesi e sono lì lì per passare ad un'aggressione fisica. Inoltre molti lavoratori si vedono confiscati i loro permessi di lavoro appena li esibiscono per poter passare. Un lavoratore palestinese “M.H” che lavora nell'insediamento coloniale di Jabal Abu Ghniem (Har Huma) ci dice di essere stato testimone di sfottò da parte dei soldati ai checkpoint. Alcuni lo hanno apostrofato come Osama. Altri lo hanno accusato di essere un miliziano dell'ISIS. Un giorno, mentre stava facendo il suo lavoro è stato aggredito con forza da una guardia di confine israeliana che lo ha ammanettato e messo a terra puntandogli la pistola. Dopo un'ora gli hanno detto che si trattava di un'esercitazione e che erano spiacenti per l'inconveniente. Ma le cose vanno peggio per i lavoratori palestinesi clandestini: ci sono stati casi di ossa rotte, di torture e di ferite da arma da fuoco ogni volta che un lavoratore palestinese illegale si sia imbattuto in una guardia di confine.

Lavoratori palestinesi negli insediamenti coloniali e nelle zone industriali

I lavoratori palestinesi negli insediamenti coloniali soffrono della mancanza di riconoscimento dei loro diritti e dunque della incapacità a rivendicare i loro diritti da parte di tutti coloro che potrebbero fare qualcosa. L'Autorità Palestinese considera illegali gli insediamenti coloniali e dunque ha smesso di occuparsi di legittimare i Palestinesi che vi lavorano. Sarcasticamente, viene loro applicata la legislazione giordana sul lavoro nonostante la sentenza del 2007 della Alta Corte di Giustizia di applicare la legislazione israeliana anche negli insediamenti, salvo che il salario minimo, il numero massimo di ore al giorno, l'assistenza sanitaria, l'assicurazione sociale, ecc...... non sono applicabili in questo caso. Ci si può immaginare la quantità di abusi commessi sui lavoratori palestinesi in queste condizioni.
Ilan Shalif - AAtW, ainfos.ca, Ahdut (Unity)
(traduzione a cura di ALternativa Libertaria/fdca - Ufficio Relazioni Internazionali)

Link esterno: http://unityispa.wordpress.com/

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

Hands off the anarchist movement ! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazil !

URGENTE! Contra A Criminalização, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

¡Santiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]