user preferences

New Events

Brasile/Guyana/Suriname/Guiana francese

no event posted in the last week

Breve sguardo sul Brasile alla vigilia delle Olimpiadi

category brasile/guyana/suriname/guiana francese | vari | opinione / analisi author Saturday July 09, 2016 23:42author by Un brasiliano residente in Italia e militante di Alternativa - 1 of Anarkismo Editorial Group Report this post to the editors

Di questo si tratta, sin dal 1500, costruire un alternativa di paese, un altra storia, un altro potere. Le Olimpiadi passeranno, e lasceranno dietro di sé una scia di sangue e abusi percettibili nelle nuove opere e riorganizzazione dello spazio urbano. Ma la ruspa delle classi dominanti che ha rimosso interi quartieri e intere vite, non è ancora riuscita a passare sopra l’indignazione organizzata, e ci auguriamo che non passerà mai, dando tutta la nostra solidarietà a chi tutti i giorni combatte il razzismo, il terrore, il sessismo e lo sfruttamento.
olimpiadirio675.jpg

Il 30 giugno l’Istituto di Sicurezza Pubblica ha divulgato i dati degli omicidi commessi dalle forze di polizia e possiamo constatare l’allarmante risultato di crescita di questi crimini alla vigilia delle olimpiadi. Se prendiamo maggio come esempio abbiamo a Rio de Janeiro nel 2015 17 persone uccise dalla polizia, mentre nel 2016 sono 40!

Questo aumento del 137% di casi di violenza poliziesca non è un caso e possiamo connetterlo direttamente all’arrivo dei giochi olimpici, in una dinamica a cui abbiamo già assistito nel 2014 con l’arrivo dei Mondiali.

Una situazione percettibile anche a chi a Rio ci vive in questo momento e che mentre la torcia olimpica sfila per il paese (non senza incidenti quale quello in cui un ragazzo ha provato a spegnerla lanciano acqua da un secchio a metà giugno) deve confrontarsi con incursioni delle squadre di polizia e contrattacchi del traffico di droghe che rialza la testa sempre di più, malgrado l’operazione in corso dal 2010 di occupazione da parte della Polizia Militare dei quartieri di periferia detti “favelas”.

Anche che il processo per l’omicidio di 5 ragazzi che erano in una macchina e hanno ricevuto 33 spari dalla polizia sia finito nel nulla assoluto, senza nessuna condanna, è un indicatore del clima che il Governo dello Stato di Rio de Janeiro vuole instaurare. Oppure dal mantenimento in carcere di Rafael Braga Vieira, condannato a 4 anni di carcere per porto di esplosivi in un corteo dove lui non era neanche presente (una bottiglia di plastica contenente detersivo) che esprime tutto il razzismo di questa guerra ai poveri che miete in alcuni casi tragici anche la vita di bambini, ma che si maschera per guerra al narcotraffico.

Complicata la situazione quella del governatore sostituto di uno stato fallito che ha dichiarato la bancarotta mentre proclamava lo “stato di calamità pubblica” (delegando alle forze dell’ordine la gestione della sicurezza pubblica visto che lo stato non ha soldi per fare niente) e che non paga più i salari dei funzionari pubblici con il risultato diretto di chiusura di università e sciopero dell’istruzione.

E se consideriamo che nei mesi precedenti il sindaco di Rio assieme al segretario dei trasporti hanno annunciato il taglio di centinaia di linee d’autobus dopo un altro vergognoso aumento del biglietto a cui ora si aggiungono probabili tagli alle agevolazioni resta ancora più chiara l’intenzione di isolare le periferie sempre di più e controllare ogni velleità rivendicativa tramite la politica del terrore.

Questo il lascito delle Olimpiadi e di tutti i grandi eventi. Una città che si dimostra in gran parte vetrina per turisti, totalmente diversa da quella reale. Come quando venne il Papa nel 2013 e per due giorni la metro è rimasta in funzionamento soltanto per i pellegrini in possesso della tessera speciale, escludendo tutti i cittadini che ancora non erano stati esclusi dai prezzi esorbitanti dei biglietti.

Alzando lo sguardo alla politica nazionale, il quadro non migliora e il progetto di paese che il Brasile è diventa sempre più chiaro: il nuovo governo, punta di lancia del colpo di stato appena consumato, sta accelerando riforme che il governo anteriore aveva dato mostra di volerle realizzare. Precarizzazione del lavoro, alzamento dell’età pensionabile ai 70 anni, fine della demarcazione delle terre indigene e contadine… Per non parlare delle proposte che girano in parlamento da parte dei settori più reazionari (rappresentanti di latifondisti, banchieri, produttori di armi, clero neo-pentecostale) come il “scuola senza partito” che proibisce agli insegnanti di esprimere qualsiasi opinione politica (ovviamente di sinistra) e chiude definitivamente le lezioni già scarse di sociologia e filosofia.

Il 2013 ha segnato un momento molto importante per il Brasile, quando a giugno milioni di persone scesero in piazza rispondendo all’appello del Movimento Passe Livre per impedire l’alzamento dei biglietti d’autobus. Non solo giornate di protesta che non si vedevano da anni e che hanno lasciato polizia, giornalisti e politici impalliditi e incapaci di reagire ma che sono riuscite ad arrivare alla vittoria nel giro di tre settimane.

Se non è stato un fulmine a ciel sereno come molto si è detto in giro tra sociologi e giornalisti internazionali, di sicuro è stato un incredibile alzamento del conflitto, merito dei movimenti popolari che si organizzano e lottano da quasi 30 anni. Merito di chi si sta dedicando alla vera ricostruzione democratica del paese, dopo i 21 anni di dittatura finiti nel 1985.

Davanti a tale pericolo di un salto di qualità della classe nel portare avanti le proprie lotte, la borghesia si è vista a dover ammettere che il governo di “patto di classe” del Partito dei Lavoratori (PT) aveva funzionato nel 2003, ma ormai dopo più di 10 anni non funziona più. Per questo la scelta del colpo di stato “bianco”, di rovesciare sulla presidentessa Dilma Roussef il malcontento dei ceti medi e alti che dopo le politiche di assistenza del Governo verso i più poveri si sentivano minacciati nei propri privilegi e che con paura hanno sempre visto il montare delle mobilitazioni. E in tale contesto è passata quasi sotto silenzio la legge che ha introdotto il reato di terrorismo nel codice penale, una delle ultime misure del governo Dilma, quella di lasciare ancora più margine alla repressione dei movimenti popolari e alla criminalizzazione della protesta.

Purtroppo dal 2013 poco si è imparato, e la maggior parte delle organizzazioni politiche hanno pensato di poter capitalizzare l’evento per i propri scopi sia istituzionali o insurrezionali. Una strategia che si è dimostrata disastrosa all’inizio del 2014, per concretizzarsi e diventare evidente durante i mondiali.

Per fortuna possiamo contare su chi invece ha preferito (e da prima del 2013) investire nella costruzione del sociale, spazi e movimenti popolari in grado di aggregare diversi settori sfruttati con l’intento di diventare essi stessi protagonisti, indipendenti da qualsiasi avanguardia.

E abbiamo visto che il lascito del 2013 ha potuto andare anche molto oltre il 2014 (un l’ondata di scioperi) e a fine 2015 fino ad esso centinaia di scuole in diverse regioni del paese sono state occupate dagli studenti di 13-18 anni che denunciavano le condizioni assurde della scuola pubblica. Significativo il fatto che i tentativi dei sindacati studenteschi gialli di cooptare le occupazioni e negoziare col governo siano sempre caduti a vuoto, screditando ancora una volta gli organi della sinistra istituzionale della conciliazione.

Una nuova generazione che si è dimostrata capace di gestire una lotta intensa e complicata e di uscirne vittoriosa nelle richieste ottenuta e rafforzata con il costituirsi di tante realtà che puntano alla costruzione di sindacati studenteschi autonomi e autogestiti.

In Brasile si avvicinano le elezioni, e possiamo constatare felicemente che si stiano muovendo in alcune città quegli spazi che già da molti anni si strutturano sotto l’insegna dell’Altra Campagna, aggregazioni di lotte e movimenti che rifiutano di partecipare al gioco elettorale e costruiscono dal basso e sul loro territorio discussioni e delineando strategie di cambiamento tramite il potere popolare, molto al di la delle retoriche. Significativi per questo processo organizzazioni sociali come la Resistenza Popolare e il Movimento di Organizzazione di Base che si fanno sentire nei quartiere di periferia, nell’educazione popolare di giovani e bambini.

Per concludere possiamo constatare che il fallimento della politica istituzionale e insurrezionalista (quest’ultima in pezzi dopo il 2014) non vuol dire il fallimento delle istanze politiche e ideologiche, lo vediamo con la crescita lenta ma costante della Coordinazione Anarchica Brasiliana, che da 4 anni in qua si sta aprendo la propria strada e che ormai conta con 12 organizzazioni in 12 stati del paese, e centinaia di militanti.

Una crescita che non è isolata dal resto del Sud America, dove l’anarchismo di matrice specifista (che in Europa chiamiamo comunismo anarchico) diventa sempre più riconoscibile nella sua inserzione sociale, tra le lotte e l’organizzazione della classe.

Di questo si tratta, sin dal 1500, costruire un alternativa di paese, un altra storia, un altro potere. Le Olimpiadi passeranno, e lasceranno dietro di sé una scia di sangue e abusi percettibili nelle nuove opere e riorganizzazione dello spazio urbano. Ma la ruspa delle classi dominanti che ha rimosso interi quartieri e intere vite, non è ancora riuscita a passare sopra l’indignazione organizzata, e ci auguriamo che non passerà mai, dando tutta la nostra solidarietà a chi tutti i giorni combatte il razzismo, il terrore, il sessismo e lo sfruttamento.

Related Link: http://alternativalibertaria.fdca.it/wpAL/blog/2016/07/02/breve-sguardo-sul-brasile-alla-vigilia-delle-olimpiadi/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]