user preferences

New Events

Greece / Turkey / Cyprus

no event posted in the last week
Recent articles by Phil Hearse
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Greece / Turkey / Cyprus Imperialism / War

43 χρόνια από το... Jul 20 17 by Dmitri

Slaughterers of the Palestinian people Jun 15 17 by Libertarian Initiative of Thessaloniki

Για τη διάσκε&#... May 25 17 by Δίκτυο Ομάδων Αλληλεγγύης Δωδεκανήσου

Turkey's Move into Syria: Challenging the Kurds, Overthrowing Rojava

category greece / turkey / cyprus | imperialism / war | non-anarchist press author Tuesday August 30, 2016 16:38author by Phil Hearse Report this post to the editors

Turkey's incursion into northern Syria on 24 August was flagged up as a move to drive the so-called Islamic State (ISIS) out of the border town of Jarabulus. But that is just a cover: Turkey's not very secret major objective is to crush the 50,000-strong Kurdish YPG (People's Protection Unit) militia, and overrun the three autonomous Kurdish dominated areas, collectively called “Rojava” by the Kurds.

Two days into the Turkish invasion, Prime Minister Binali Yildirim stated bluntly that this operation would not be ended until Islamic State “and other militants” had been crushed. Already there are reports of fighting between Turkish-led forces and the YPG south of Jarabulus and thousands of Turkish troops massing on the border.

Turkey struck first toward Jarabulus because the government of Islamist president Recep Erdoğan was concerned that the town should not follow the example of Manbic (Manbij), where ISIS was driven out by the Syrian Democratic Forces alliance, which has the Kurdish YPG (Peoples Protection Units) at its core. This was a stunning military and political coup for the YPG.

Within Sight of the Turkish Border


Jarabulus lies within sight of the Turkish border, just on the western side of the Euphrates. A brief glance at a map reveals its strategic significance.

Erdoğan wants to do two things. First, prevent the Kurdish YPG fighters from linking up two of the areas they control – Afrin canton on the west side and Kobani canton the east side of the Euphrates river. If these were linked, the Kurdish dominated area would form a contiguous area – effectively a mini-state – running alongside the Turkish border. On the other side of that border is Turkish Kurdistan, which the Kurds call ‘north Kurdistan’. The possibility of a political link-up between Rojava and Turkish Kurdistan would be immediately on the agenda.

The second Turkish objective is to keep open the corridor to the south which has been essential for Turkey's supplies to Islamic State and other Islamist fighters it backs (and for oil going in the other direction from the ISIS-controlled oilfields).

Erdogan's road to intervening was cleared by two diplomatic coups. First he went three weeks ago to see Russian president Vladimir Putin. Doubtless Putin, acting as the agent of Syrian president Assad, assured him that the Russian-Syrian-Iranian axis do not support the creation of a Kurdish-dominated autonomous region and would not interfere with Turkish action against the YPG and SDF.

More important perhaps was getting the U.S. to back off from its support for the Kurdish fighters. U.S. warplanes have provided cover for SDF-YPG action against ISIS. There have been U.S. Special Forces on the ground fighting with YPG units. This was only ever a short-term tactical alliance, one that the Obama government would obviously ditch the moment U.S. long-term political interests demanded it.

Turkey's medium term goal is to crush the Kurdish YPG, widely seen as the Syrian Kurdish co-thinkers of the PKK (Kurdistan Workers Party) in Turkey. Erdogan's government also wants to definitively crush the three established cantons of Rojava. But it's not only Turkey that doesn't want a self-governing Kurdish area in Syria – this is also opposed by the Syrian government and all the significant Syrian rebel groups. Indeed one of the allegedly ‘moderate’ Syrian opposition groups, the Free Syrian Army, is providing the ground troops alongside Turkish tanks and planes.

However some reports say local people recognized some ISIS fighters coming into the town with the Kurdish tanks. It certainly seems likely that ISIS were tipped off by the Turkish government and moved out to avoid a fight.

According to a statement by the Executive Council of the Kurdistan National Congress, “The Turkish state is operating in partnership with the El-Qaida affiliated Jabhat Fatah al-Sham (previously Al Nusra) and ISIS. Jarablus has been seized through an agreement between them. We believe that, the Turkish state and these terrorist groups will read their attacks across the region.”

Marriage of Convenience for Some


Backing from the United States has been crucial on the ground for the YPG's military victories against ISIS, but Erdogan's regime has been campaigning fiercely to disrupt it. On 24 August, Turkey demanded that Kurdish forces fall back to the east of the Euphrates or face an all-out attack. This was backed up by U.S. vice president Joe Biden, in the wake of his discussions with Erdogan in Ankara, who said that if the YPG did not fall “back across the river” then the U.S. would end its support for them.

Will the YPG pull back to the other side of the Euphrates or stand and fight? One YPG commander was quoted as saying that the Kurdish fighters would refuse to comply with the Turkish order to move east. Other statements said that the YPG-SDF were in fact moving east to make preparations for an attack on Raqqa – de facto headquarters of ISIS in Syria.

The American alliance with the YPG has always been a paradox. The U.S. backed the Kurdish fighters because it saw them as an effective fighting force against ISIS, in fact spectacularly the most effective force. However, the Kurdish controlled cantons of Rojava have been the site of a spectacular radical social experiment in both democratic self-organization and women's equality as well as ethnic inclusion, absolutely not the kind of thing the U.S. wants to support. So this was always a marriage of convenience, very time limited.

The U.S. says it will stop helping the YPG unless they accede to Turkey's demand and retreat east of the Euphrates, but the more that Turkey directly engages the YPG-SDF forces, the more the U.S. will back off support for the YPG.

Erdogan had for two years demanded the creation of a ‘buffer zone’ along the Turksh border in which Syrian refugees from the fighting could be placed. This was always a euphemism for ‘destroy Rojava’ and drive out the Kurds. Now Turkey is trying to put this into action.

The situation is now extremely dangerous. After the failed coup, Turkish president Erdogan feels he is in an unchallengeable situation. The destruction and massacre of hundreds of thousands in Syria is a grim warning. The West will do little or nothing to prevent a massacre of the Kurdish people and Rojava being overrun if Erdogan unleashes the full weight of his military might against them. The need for solidarity with the Kurdish people has never been greater.

Related Link: http://www.marxsite.com
author by Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionalipublication date Wed Aug 31, 2016 22:43Report this post to the editors


La Turchia muove in Siria: una sfida ai Curdi per rovesciare la Rojava

L'incursione della Turchia in Siria settentrionale, il 24 agosto, è stata interpretata come una mossa per scacciare il cosiddetto Stato Islamico (ISIS) dalla città di confine di Jarabulus. Ma questa è solo una copertura: l'obiettivo principale e tutt'altro che segreto della Turchia è quello di schiacciare la milizia curda YPG (Unità di protezione del popolo) forte di 50.000 unità, e invadere le tre aree autonome governate dai Curdi, chiamate collettivamente "Rojava".

Due giorni dopo l'inizio dell'invasione, il primo ministro turco Binali Yildirim ha dichiarato senza mezzi termini che questa operazione non sarebbe finita fino a quando non fossero stati schiacciati lo Stato islamico "ed altri miliziani". Già ci sono segnalazioni di combattimenti tra forze turche e le YPG a sud di Jarabulus e migliaia di truppe turche ammassate al confine.

La Turchia ha colpito prima verso Jarabulus perché il governo del presidente islamista Recep Erdogan era preoccupato che la città potesse seguire l'esempio di Manbic (Manbij), dove ISIS era stato cacciato dall'alleanza delle Forze Democratiche Siriane, il cui nucleo è composto dai Curdi delle YPG. Uno straordinario successo militare e politico per le YPG.


Sul confine turco


Jarabulus si trova sul confine turco, proprio sul versante occidentale dell'Eufrate. Un rapido sguardo sulle carte geografiche ne rivela l'importanza strategica.

Erdogan vuole fare due cose. In primo luogo, evitare che i combattenti curdi delle YPG colleghino due delle aree che controllano, vale a dire il cantone di Afrin sul lato ovest ed il cantone di Kobanê sul lato est del fiume Eufrate. Se queste due entità territoriali diventassero contigue, l'area governata dai Curdi costituirebbe un continuum territoriale - di fatto un mini-stato - che costeggia il confine turco. Dall'altra parte del confine c'è il Kurdistan turco, che i Curdi chiamano 'Kurdistan settentrionale'. La possibilità di una politica di collegamento tra Rojava e Kurdistan turco sarebbe immediatamente all'ordine del giorno.

Il secondo obiettivo della Turchia è quello di tenere aperto il corridoio meridionale che è stato fondamentale per far passare i rifornimenti turchi all'ISIS e ad altri miliziani islamisti, nonchè nell'altro senso il passaggio del greggio dai campi petroliferi controllati dall'ISIS verso la Turchia.

Il via libera all'intervento turco viene aperto da due fatti di carattere diplomatico. In primo luogo il viaggio di tre settimane fa di Erdogan in Russia per incontrare il presidente russo Vladimir Putin. Senza dubbio Putin, in qualità di alleato del presidente siriano Assad, deve aver assicurato Erdogan che l'asse russo-siriano-iraniano non appoggia la creazione di una regione autonoma curda e non avrebbe interferito con l'azione turca contro le YPG e le SDF.
Ancora più importante forse era stato ottenere dagli USA una sorta di marcia indietro rispetto al loro supporto per i combattenti curdi. Gli aerei da guerra statunitensi hanno fornito la copertura per l'azione delle SDF-YPG contro ISIS. Ci sono state forze speciali combattenti degli Stati Uniti sul terreno a fianco delle unità YPG. Ma questa è sempre stata solo un'alleanza tattica a breve termine, pronta ad essere regolarmente affossata dalla amministrazione Obama qualora gli interessi a lungo termine degli Stati Uniti lo avessero richiesto.

L'obiettivo a medio termine della Turchia è quello di schiacciare le curde YPG, ampiamente viste come i Curdo-siriani collegati col PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan) in Turchia. Il governo di Erdogan vuole anche schiacciare definitivamente i tre cantoni nella Rojava. Ma non è solo la Turchia a non volere una zona curda autonoma in Siria - a questa vi si oppongono anche il governo siriano e tutti i più importanti gruppi ribelli siriani. In effetti uno dei presunti gruppi "moderati" dell'opposizione' siriana, il Libero Esercito di Siria, sta fornendo le truppe di terra a fianco dei carri armati ed aerei turchi.

Tuttavia alcuni reports dicono che le popolazioni locali avrebbero riconosciuto alcuni combattenti ISIS entrare in città con i carri armati curdi. Certamente sembra probabile che ISIS sia stato avvertito dal governo turco e si sia spostato per evitare uno scontro.

Secondo un comunicato del Consiglio Esecutivo del Congresso Nazionale Curdo: “Lo Stato turco sta operando in collaborazione con la milizia di Jabhat Fatah al-Sham (ex-Al Nusra) affiliata ad Al-Qaeda e con l'ISIS. Jarablus è stata presa grazie ad un accordo tra le parti. Noi riteniamo che lo stato turco e questi gruppi terroristi porteranno i loro attacchi in tutta la regione.”

Un matrimonio di convenienza per qualcuno


Il sostegno degli Stati Uniti è stato fondamentale a terra per le vittorie militari delle YPG contro ISIS, ma il regime di Erdogan ha condotto una campagna feroce per contrastarlo. Il 24 agosto, la Turchia ha chiesto che le forze curde si ritirassero ad est dell'Eufrate se volevano evitare un attacco turco a tutto campo. Questo è stato quanto sostenuto dal vice-presidente americano Joe Biden, sulla scia dei suoi colloqui con Erdogan ad Ankara, affermano che se le YPG non si fossero ritirate "dall'altra parte del fiume", allora gli Stati Uniti avrebbero messo fine al loro sostegno.

Le YPG si ritireranno verso l'altro lato dell'Eufrate o resisteranno e combatteranno? Un comandante delle YPG avrebbe dichiarato che le unità curde si sarebbero rifiutate di rispettare l'ordine turco di muoversi ad est. Secondo altre dichiarazioni, le YPG-SDF si stavano in realtà già spostando ad est per fare i preparativi per un attacco a Raqqa - de facto il quartier generale dell'ISIS in Siria.

L'alleanza americana con le YPG è sempre stata un paradosso. Gli USA hanno sostenuto le unità curde perché le vedevano come una forza di combattimento efficace contro l'ISIS, ed è stata infatti spettacolare la loro efficacia, più di altri. Ma, i Cantoni curdi della Rojava sono stati protagonisti di un grande esperimento sociale radicale sia per l' auto-organizzazione democratica che per l'uguaglianza delle donne, così come per l'inclusione etnica, cioè assolutamente non il genere di cose che gli Stati Uniti intendono sostenere. Quindi questo è stato sempre un matrimonio di convenienza, molto limitato nel tempo.

Gli USA dicono che non sosterranno più le YPG a meno che non accolgano la richiesta della Turchia di un loro ritiro ad est dell'Eufrate, eppure più la Turchia preme direttamente sulle forze delle YPG-SDF, più gli USA potrebber ridurre il loro appoggio alle YPG.
Sono due anni che Erdogan chiede la creazione di una 'zona cuscinetto' lungo il confine turco in cui poter collocare i profughi siriani in fuga dai combattimenti. Questo è sempre stato un eufemismo per 'distruggere la Rojava' e scacciare i Curdi. Ora la Turchia sta cercando di mettere in atto questo progetto.

Ora la situazione si è fatta estremamente pericolosa. Dopo il fallito golpe, il presidente turco Erdogan si sente di essere in una situazione vincente. La distruzione della Siria ed il massacro di centinaia di migliaia di siriani è un sinistro avvertimento. L'Occidente farà ben poco o nulla per impedire un massacro del popolo curdo e la Rojava potrebbe essere invasa se Erdogan dovesse scatenare la potenza militare del suo esercito. La necessità di solidarietà col popolo curdo non è mai stata così urgente.

Phil Hearse

(traduzione a cura di Alternativa Libertaria/fdca - Ufficio Relazioni Internazionali)
Link esterno: http://www.marxsite.com

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]