user preferences

New Events

North America / Mexico

no event posted in the last week
Recent articles by M1AA
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about North America / Mexico Anarchist movement

A Response to “In Which the Anarcho-Syndicalists Discover C4SS” Jul 17 17 by D. Morse and B. Sousa

The Road Not Taken Jul 06 17 by David Van Deusen/Lady/Black Heart Anarchist Collective

Who Are the Anarchists and What Is Anarchism? Jun 15 17 by By Thomas Giovanni

No One is Coming to Save Us

category north america / mexico | anarchist movement | opinion / analysis author Saturday November 12, 2016 13:18author by M1AA - First of May Anarchist Allianceauthor email m1aa at riseup dot net Report this post to the editors

An Anarchist Response to the Election of Donald Trump

Across the US, from cities to rural areas, it is imperative that anarchists and anti-authoritarians strive to build organizations to battle the emboldened far right, to advocate through militant action the needs of working-class communities, and to combat state repression.

What Needs to Be Done:
1. No to National “healing”, working with, or a grace period for the Trump Regime
2. Take to the streets – build a militant resistance
3. Build working-class defense organizations that resist racist attacks, sexual assault, immigration and homeland security raids and deportations, police brutality and state repression
4. Agitate and organize for workers actions – including a general strike against Trump
5. No to containment of the struggle back into the Democratic Party, electoralism and the Non-Profit Industrial Complex

The surprise victory of Donald Trump this past Tuesday has quickly presented people in this country (and around the world) with a vastly different political landscape than we had expected. We are seeing a rise in right-wing attacks as the far right is emboldened by the victory, much like what happened earlier this year after the success of the Brexit referendum in the UK. The incompetence and capitulation of the Democratic Party has forced many of its former supporters to recognize that the fight against the far right cannot be won by liberal electoral politics. This new reality forces anti-authoritarians of all stripes to rise to the challenge of building strong movements for working class self-defense in this new atmosphere.

Much writing in the coming weeks will be dedicated to figuring out, from the Democratic perspective, “what went wrong.” Already many authors have argued that Trump’s success is solely the result of white nationalism and misogyny. Part of Trump’s appeal is that his ideas are a racist response to there currently being a black president. Trump’s open embrace of white supremacy and patriarchy was crucial to his victory, but we do not believe it can tell the whole story. It cannot, for example, explain why Trump received more votes than other recent Republicans from latinos, women, and black voters.

Another narrative states that in the rust belt as in Europe, the devastating effects of decades of austerity, neoliberal trade agreements, and an orientation towards multinational corporations have been challenged. That challenge in the U.S. and elsewhere has come in the form of xenophobic nationalism. There is a significant amount of truth to this as well, but it can’t explain much of Trump’s success without acknowledging the serious appeal that open white nationalism and misogyny has gained in this election.

trumpisthesymptomPerhaps the most revealing aspect of this moment is that after spending months describing Trump as a grave threat to the lives of women, people of color, queer and trans people and the disabled, the entire Democratic Party has immediately capitulated to him. They have made clear that they always held preserving their broken system to be far more important than our lives. Many among their base are for the first time seeing the party’s true colors, and are reaching out to radical organizations in the interest of carrying on the fight that the Democrats so quickly abandoned. Already we are seeing attacks on muslims, immigrants, people of every color besides white, queer and trans people. This is not abstract, it is already happening. We should expect more of this and must make organizing to oppose it a top priority.

For anti-authoritarians, this presents a fundamental challenge that we must rise to. Many on the left will continue to advocate for independent candidates, third parties, or “progressive” Democrats like Bernie Sanders. In response, we must not only articulate that this is a dead-end strategy but offer serious alternatives for people to engage in and understand what we mean by our watchword of Community Self-Defense.

Across the US, from cities to rural areas, it is imperative that anarchists and anti-authoritarians strive to build organizations to battle the emboldened far right, to advocate through militant action the needs of working-class communities, and to combat state repression. We must encourage broad participation from those who are now looking for an alternative to the failed strategy which has got us to this moment. Moving forward, we must be sure to resist the pull of nonprofits and electoralism which will surely return to stymie any radical activity once the Democratic Party recovers.

Trump is an opportunist who understood the frustration of mostly struggling white people and tapped into that anger. He is not currently a fascist but has fascist tendencies that emboldens fascists and authoritarians of many stripes. Calling him one can limit our understanding of fascism, which we need to develop in order to better oppose it.

We are encouraged that so many have taken to the streets across the country. We hope more will do the same. Trump’s attacks in the form of policy and his supporters physical attacks and intimidation, must be opposed from day one.

Our organizations must be effective. The sense of despair many are feeling is grounded in the reality of an ascendant far right. Right now, they face little resistance. The sense of urgency many of us have felt is a recognition of the need to build that resistance. It is time for us to take up that task, to find new comrades ready to fight, and to fight. No one is coming to save us–we cannot use the electoral system to fight the far right effectively. It’s time to stop waiting and defend each other in the streets!

What Needs to Be Done:
1. No to National “healing”, working with, or a grace period for the Trump Regime
2. Take to the streets – build a militant resistance
3. Build working-class defense organizations that resist racist attacks, sexual assault, immigration and homeland security raids and deportations, police brutality and state repression
4. Agitate and organize for workers actions – including a general strike against Trump
5. No to containment of the struggle back into the Democratic Party, electoralism and the Non-Profit Industrial Complex

Related Link: http://m1aa.org/?p=1268
author by Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionalipublication date Tue Nov 15, 2016 06:24Report this post to the editors


Nessuno verrà a salvarci

Risposta anarchica all'elezione di Donald Trump

In tutti gli Stati Uniti, dalle città alle aree rurali, è imperativo che gli anarchici e gli anti-autoritari si impegnino a costruire organismi per combattere un'estrema destra imbaldanzita, per sostenere attraverso l'azione militante le esigenze della classe lavoratrice, per contrastare la repressione di Stato.

Cosa bisogna fare:
1. No a lavorare per un "lenimento" nazionale, no ad un periodo di grazia per il regime di Trump
2. Prendere le strade – costruire una resistenza militante
3. Costruire organizzazioni di difesa della classe lavoratrice che resistano agli attacchi razzisti, alle aggressioni sessuali, ai raid securitari ed alle deportazioni ai danni degli immigrati e dei senza tetto, alla violenza della polizia ed alla repressione di stato
4. Mobilitarsi ed organizzarsi per la lotta dei lavoratori – compreso uno sciopero generale contro Trump
5. No al contenimento della lotta interna al Partito Democratico, no all'elettoralismo ed al Complesso Industriale del Non-Profit

La vittoria a sorpresa di Donald Trump lo scorso martedì ha rapidamente mostrato alla gente di questo paese (e di tutto il mondo) un panorama politico molto diverso di quanto ci aspettassimo. Stiamo assistendo a un aumento degli attacchi da parte di una destra imbaldanzita dalla vittoria, in uno scenario molto simile a quello che è successo all'inizio di quest'anno dopo il successo del referendum sulla Brexit nel Regno Unito. L'incompetenza e la capitolazione del PD ha costretto molti dei suoi ex sostenitori a riconoscere che la lotta contro l'estrema destra non può essere vinta con una politica elettorale liberale. Questa nuova realtà obbliga gli anti-autoritari di ogni colore a raccogliere la sfida di costruire forti movimenti per la difesa della classe lavoratrice in questa nuova atmosfera.
Molto si scriverà nelle prossime settimane per capire, dal punto di vista democratico, "che cosa è andato storto." Già molti autori hanno sostenuto che il successo di Trump è solo il risultato del nazionalismo bianco e della misoginia. Parte del fascino di Trump sta nel fatto che le sue idee sono una risposta razzista all'attuale presidente nero. L'aperto abbraccio di Trump alla supremazia bianca e al patriarcato è stato cruciale per la sua vittoria, ma non crediamo che possa raccontare tutta la storia. Non può, per esempio, spiegare perché Trump ha ricevuto più di altri recenti candidati repubblicani, voti dai latinos, dalle donne e dagli elettori neri.

Un'altra narrazione afferma che nella rust-belt americana come in Europa, ci sia stato un voto di sfida agli effetti devastanti di decenni di austerità, di accordi commerciali neoliberisti e di orientamento verso le multinazionali. Questa sfida, negli Stati Uniti e altrove, si è espressa nella forma del nazionalismo xenofobo. Vi è una notevole quantità di verità anche in questo, ma non può spiegare molto del successo di Trump senza riconoscere il guadagno ottenuto in questa elezione da un grave richiamo esercitato da un aperto nazionalismo bianco e dalla misoginia.
sintomi trumpisti
Forse l'aspetto più rivelatore di questo momento è che dopo aver trascorso mesi nel descrivere Trump come una grave minaccia per la vita delle donne, per le persone di colore, per i queer, i trans e i disabili, l'intero PD ha subito capitolato davanti all'avversario. Hanno chiarito che per essi preservare questo sistema a pezzi è di gran lunga più importante delle nostre vite. Molti nella loro base stanno vedendo per la prima volta i veri colori del partito, e stanno aderendo al di fuori di esso a organizzazioni radicali allo scopo di portare avanti quella lotta che i democratici così rapidamente hanno abbandonato. Già stiamo assistendo ad attacchi contro i musulmani, contro gli immigrati, contro persone di ogni colore oltre il bianco, contro i queer e i trans. Questa non è astrazione, sta già accadendo. Dovremmo aspettarci un peggioramento e dobbiamo fare dell'organizzazione dell'opposizione una priorità assoluta.

Per gli anti-autoritari, questa è una sfida fondamentale da affrontare. Molti a sinistra continueranno a sostenere candidati indipendenti, terzi partiti, o democratici "progressisti" come Bernie Sanders. A costoro non solo dobbiamo rispondere che si tratta di una strategia senza via d'uscita, ma dobbiamo offrire serie alternative alle persone per impegnarsi e capire ciò che intendiamo con la nostra parola d'ordine di Comunità Auto-Difesa.

Attraverso gli Stati Uniti, dalle città alle aree rurali, è imperativo che gli anarchici e gli antiautoritari si sforzino di costruire organizzazioni per combattere una estrema destra imbaldanzita, di sostenere attraverso l'azione militante le esigenze delle comunità della classe operaia, di combattere la repressione di stato. Dobbiamo incoraggiare un'ampia partecipazione di quelli che sono ora alla ricerca di una alternativa alla strategia fallita che ci ha portato a questo momento. Andando avanti, dobbiamo essere sicuri di resistere alla forza del non profit e dell'elettoralismo che sicuramente torneranno ad ostacolare qualsiasi attività radicale una volta che il PD recuperi.

Trump è un opportunista che ha capito la frustrazione dei bianchi per lo più in difficoltà e rosi da quella rabbia. Egli non è un vero fascista, ma ha tendenze fasciste che incoraggiano fascisti e autoritari di tutte le risme. Dargli del fascista può limitare la nostra comprensione del fascismo, che abbiamo bisogno di sviluppare al fine di contrastarlo meglio.

Siamo incoraggiati dal fatto che in tanti sono scesi per le strade in tutto il paese. Speriamo che molti di più faranno lo stesso. Agli attacchi di Trump sotto forma di scelte politiche ed agli attacchi fisici ed alle intimidazioni dei suoi sostenitori, bisogna opporsi fin dal primo giorno.

Le nostre organizzazioni devono essere efficaci. Il senso di disperazione che molti avvertono è il frutto della realtà di un'ascesa dell'estrema destra, che in questo momento, si trova ad affrontare ben poca resistenza. Il senso di urgenza che molti di noi avvertono è un riconoscimento della necessità di costruire questa resistenza. E' tempo per noi di assumerci tale compito, per trovare nuovi compagni pronti a combattere, e combattere. Nessuno verrà a salvarci, non possiamo usare il sistema elettorale per la lotta contro l'estrema destra in modo efficace. E' ora di smettere di aspettare e di difenderci reciprocamente per le strade!

Cosa bisogna fare:
1. No a lavorare per un "lenimento" nazionale, no ad un periodo di grazia per il regime di Trump
2. Prendere le strade – costruire una resistenza militante
3. Costruire organizzazioni di difesa della classe lavoratrice che resistano agli attacchi razzisti, alle aggressioni sessuali, ai raid securitari ed alle deportazioni ai danni degli immigrati e dei senza tetto, alla violenza della polizia ed alla repressione di stato
4. Mobilitarsi ed organizzarsi per la lotta dei lavoratori – compreso uno sciopero generale contro Trump
5. No al contenimento della lotta interna al Partito Democratico, no all'elettoralismo ed al Complesso Industriale del Non-Profit

First of May Anarchist Alliance

(traduzione a cura di AL/fdca - Ufficio Relazioni Interazionali)
Link esterno: http://m1aa.org/?p=1268

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

Hands off the anarchist movement ! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazil !

URGENTE! Contra A Criminalização, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

¡Santiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]