user preferences

New Events

Grecia / Turchia / Cipro

no event posted in the last week
Recent articles by Organizzazione delle Donne Anarchiche
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Grecia / Turchia / Cipro Genero

Ο σύγχρονος φ&#... Oct 03 18 by DmitriΑναρχική Συλλογικότητα Manifesto

Κοινωνικός κ ... Sep 29 18 by Ελευθεριακή Συνδικαλιστική Ένωση

Για την κουλτ&#... Apr 16 18 by Μωβ καφενείο

Lo Stato E' Stupro

category grecia / turchia / cipro | genero | comunicato stampa author Monday November 28, 2016 22:52author by Organizzazione delle Donne Anarchiche Report this post to the editors

traduzione a cura di ALternativa Libertaria/fdca - Ufficio Relazioni Internazionali

Anche se la legge sugli "abusi sessuali" presentata il 17 novembre da 6 deputati dell'AKP Ŕ stata ritirata, Ŕ importante capire cosa significhi per noi donne questa proposta che Ŕ stata contestata dalle nostre proteste fin dagli inizi. La bozza di legge abbassava l'etÓ minima per il consenso sessuale da 15 a 12 anni a puntava a disporre una situazione di impunitÓ per i colpevoli di molestie e di stupri attualmente sotto processo nonchŔ per quelli futuri: una depenalizzazione dei crimini sessuali. Assoluzione per i colpevoli di violenze e di stupri nel caso sposino le bambine di cui hanno abusato; esposizione delle ragazze al rischio di violenze e stupro all'etÓ di 12 anni e la previsione di bambine spose. Il ritiro della legge da un lato Ŕ diventato uno degli esempi pi¨ consistenti di come noi donne diventiamo libere se resistiamo e dall'altro ha mostrato la politica di stallo dello Stato.
[English] [TŘrkše] [Ελληνικά] [Castellano]
460_0___30_0_0_0_0_0_15111087_1786563878290518_1121866889955481545_o_2.jpg

Anche se la legge sugli "abusi sessuali" presentata il 17 novembre da 6 deputati dell'AKP Ŕ stata ritirata, Ŕ importante capire cosa significhi per noi donne questa proposta che Ŕ stata contestata dalle nostre proteste fin dagli inizi. La bozza di legge abbassava l'etÓ minima per il consenso sessuale da 15 a 12 anni a puntava a disporre una situazione di impunitÓ per i colpevoli di molestie e di stupri attualmente sotto processo nonchŔ per quelli futuri: una depenalizzazione dei crimini sessuali. Assoluzione per i colpevoli di violenze e di stupri nel caso sposino le bambine di cui hanno abusato; esposizione delle ragazze al rischio di violenze e stupro all'etÓ di 12 anni e la previsione di bambine spose. Il ritiro della legge da un lato Ŕ diventato uno degli esempi pi¨ consistenti di come noi donne diventiamo libere se resistiamo e dall'altro ha mostrato la politica di stallo dello Stato.

Le politiche di genere dello Stato vanno ben oltre l'ignorare l'identitÓ ed il corpo delle donne, esse sono disegnate per creare una "societÓ conservatrice". Portare all'ordine del giorno la questione del controllo delle nascite dicendo che "Ŕ un peccato", proibire l'aborto dicendo che "Ŕ un massacro", sono ovviamente politiche demografiche di per sŔ. Ma al di lÓ di ci˛, tutte queste politiche sono connesse con la natura autoritaria dell'AKP, per creare e costituire una societÓ conservatrice.

Lo Stato che Ŕ interessato a "conservare" la donna che procrea "molto" o la donna che Ŕ costretta dal divieto di aborto a procreare dopo essere finita incinta a causa di stupro, da un lato conserva l'identitÓ "soppressa" della donna e dall'altro conserva l'autoritÓ dell'uomo, attraverso le politiche demografiche e sul corpo contro le donne.

Lo Stato che vieta oggi le manifestazioni con lo stato di emergenza come scusa, non fa che eseguire la politica di aggressione diretta contro la lotta delle donne, chiudendo le associazioni delle donne, arrestando le donne che lottano contro il patriarcato e torturando le donne. Lo Stato, che con le sue leggi, basa la sua esistenza sul suo maschilismo, diventa un attacco totale alla nostra vita, alla vita delle donne.

Anche se prima aveva proposto nuove leggi per assolvere i colpevoli di molestie e di stupro, e poi le ha ritirate, lo Stato sta attaccando le nostre vite mediante l'esecuzione di tutte le sue politiche sulle donne. Noi Donne Anarchiche, sappiamo che la nostra emancipazione non dipende dalle leggi che lo Stato propone e poi ritira, nÚ dalle sue punizioni, nÚ dalla sua presunta giustizia. Sappiamo per certo che il disegno di legge sugli "abusi sessuali" sarÓ rivisto e riproposto tra qualche tempo e portato all'ordine del giorno di nuovo con nuove proposte che mirano ad aggredire le nostre vite.

Per questo vogliamo sottolineare ancora una volta che l'unico modo per noi per poter esistere contro lo Stato, il quale sostiene la sua esistenza distruggendo la nostra vita, Ŕ attraverso la nostra organizzazione e la nostra lotta. Contro lo Stato e le sue leggi, contro i suoi divieti e la sua presunta giustizia, che ci si aspetta sia da noi invocata, stiamo resistendo per diventare libere di creare una nuova vita; noi chiediamo a tutte le donne di lottare fino a quando distruggeremo il patriarcato e lo Stato.

Lunga vita alla nostra lotta!
Lunga vita alla solidarietÓ delle donne!

Related Link: https://www.facebook.com/anarsistkadinlariz/?fref=ts
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
#Nobastan3Causales: seguimos luchando por aborto libre en Chile

Front page

[Colombia] Entre la crisis actual y las posibilidades latentes

Nota sobre o atual cenßrio da luta de classes no Brasil

Devrimci Anarşist Faaliyet: "The stateĺs project of eliminating revolutionary opposition hasnĺt finished yet"

Μετά την καταστροφή τι;

Aufruf zur Demonstration am 2.9.2018 in UnterlŘ▀ "Rheinmetall entwaffnen ľ Krieg beginnt hier"

Mass protest in central and southern Iraq

Ecology in Democratic Confederalism

[Colombia] Perspectivas sobre la primera vuelta de las elecciones presidenciales de Colombia 2018

Call for Solidarity with our Russian Comrades!

8 reasons anarchists are voting Yes to Repeal the hated 8th

Comunicado de CGT sobre la Nakba, 70 a˝os de dolores para el Pueblo Palestino

[ZAD] Les expulsions ont commencÚ, la zad appelle Ó se mobiliser

Assassinato PolÝtico, Terrorismo de Estado: Marielle Franco, Presente!

La Huelga General del 8 de Marzo, un hito histˇrico

A intervenšŃo federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Ciao, Donato!

[Uruguay] Ante el homicidio de un militante sindical: Marcelo Silvera

[Argentina] Terrorista es el Estado: Comunicado ante el Informe Titulado "RAM"

[Catalunya] Continuisme o ruptura. Sobre les eleccions del 21D

Reconnaissance par Trump de JÚrusalem comme capitale d'IsraŰl : de l'huile sur le feu qui brűle la Palestine

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcŔlement et toutes les violences patriarcales !

ę 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]