user preferences

Contro la distruzione ambientale a Mori

category italia / svizzera | ambiente | cronaca author Thursday March 02, 2017 17:17author by Alternativa Libertaria/FdCA - Trentino Alto Adige Report this post to the editors

manifestazione del 12 febbraio

Domenica 12 febbraio, cinquecento persone hanno attraversato le strade di Mori per dire ancora una volta “Fissare il diedro subito. Resistere all'arroganza”. In centinaia siamo poi entrati nel cantiere per vedere da vicino la devastazione compiuta dalle ruspe e apporre su uno dei pochi muri a secco rimasti un enorme striscione: “Questa è devastazione, non sicurezza. Fermare i lavori, fissare il diedro subito”

Domenica 12 febbraio, cinquecento persone hanno attraversato le strade di Mori per dire ancora una volta “Fissare il diedro subito. Resistere all'arroganza”. In centinaia siamo poi entrati nel cantiere per vedere da vicino la devastazione compiuta dalle ruspe e apporre su uno dei pochi muri a secco rimasti un enorme striscione: “Questa è devastazione, non sicurezza. Fermare i lavori, fissare il diedro subito”. Una violazione di massa dei loro recinti. Un po' di gente avrebbe voluto togliere altre recinzioni, attraversare una parte di cantiere . Altri non erano d'accordo, per cui siamo usciti per continuare il corteo e finire la giornata in piazza Cal di Ponte.Il giorno prima della manifestazione il pd e l'amministrazione avevano dato avvio ad una campagna del terrore prevedendo il giorno della manifestazione,disordini,vetrate e macchine bruciate o danneggiate e chi più ne ha più ne metta..Invece la manifestazione si è svolta in maniera pacifica e quel giorno dopo giorni di militarizzazione del paese, dell'esercito manco l'ombra..Solamente 2 vigili urbani per regolare il traffico.
Somma urgenza definita dall'assessore Mellarini il 23 maggio 2016.Dopo il 18 gennaio si è lavorato x distruggere prima possibile i terrazzamenti delle fratte e non per mettere in sicurezza il diedro.Dopo la manifestazione del 12 febbraio la polizia è sparita,i terrazzamenti distrutti,il diedro ovviamente non è stato messo in sicurezza ,il faro che lo illuminava dal comune è stato spento ,i lavori rallentati e nel cantiere solo 4 lavoratori e un geometra. Con il diedro di roccia pericolante non ancorato,le fratte distrutte,i lavori che dureranno mesi e la gente non evacuata nelle case,in caso di crollo improvviso della roccia,i massi non incontrerebbero nessuna barriera Con la distruzione dei terrazzamenti forse l'amministrazione pensava di aver demolito le speranze e la voglia di lottare della "Tribù delle fratte",ma si sbagliavano di grosso.Infatti dopo le varie assemblee settimanali sabato si è deciso di organizzare una nuova forma di protesta denominata " se per loro è normale distruggere le fratte,noi blocchiamo la normalità".Sabato mattina per circa 2 ore c'è stato il blocco del traffico sulla statale, causato dal continuo attraversamento della strada sulle strisce pedonali e conseguente volantinaggio da parte di circa 40 persone .Qualche automobilista ha capito e si è interessato per conoscere le motivazioni della protesta,qualcuno si è infuriato e qualcuno dopo ingiurie si è limitato alla retromarcia.
Ieri in occasione della seduta comunale straordinaria alcuni attivisti nonostante le forze dell'ordine chiamate dal sindaco, hanno fatto irruzione in comune per appendere uno striscione con la scritta"siamo venuti a portarvi un pò delle vostre macerie" e spargendo la terra delle fratte nell'aula consiliare..Ovviamente il sindaco come suo solito ha minacciato denunce e provvedimenti per aver, a detta di lui, ostacolato la democrazia..La risposta di uno degli esponenti più anziani della tribù al sindaco è stata:"questa non è illegalità,questa è resistenza alla vostra illegalità".Ovviamente non ci si ferma qua, la lotta prosegue!

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

Prison Sentence to Managing Editor of Anarchist Meydan Newspaper in Turkey

Liberación de la Uma Kiwe, autonomía y territorio: una mirada libertaria para la comprensión de la lucha nasa

Misunderstanding syndicalism

American Anarchist and Wobbly killed by Turkey while fighting ISIS in Rojava

Devlet Tecavüzdür

Attaque fasciste sur la Croix Rousse et contre la librairie libertaire la Plume Noire

Italia / Svizzera | Ambiente | Cronaca | it

Tue 25 Apr, 18:31

browse text browse image

ilva.jpg imageRete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori 05:15 Mon 28 Jan by Lia Didero 0 comments

Una cinquantina di attivisti hanno partecipato all'assemblea delle Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori ospitata nei locali dell'Unicobas di Roma, Si è trattato di un'assemblea in parte di formazione- grazie agli interventi di Gatti sulle nanopatologie, ovvero sulle patologie da particelle ultrasottili, e Aucone, sul rischio sismico, ma in cui la parte centrale, ovviamente, è stato però l'incontro con i tre delegati operai di Taranto, da anni , forse decenni, attivi sul fronte ILVA.

taranto.jpg imageTaranto libera! 15:34 Fri 28 Dec by Tulipanonero 0 comments

Il 15 Dicembre le strade di Taranto sono state protagoniste del Corteo “Taranto Libera” organizzato dal comitato15dicembre che raccoglie cittadini di Taranto e non, uniti per l’occasione.

imageBiologico, collettivo, solidale-Biologico, dalla filiera agricola alle azioni mutualistiche Sep 01 by Coordinamento Lotte e Territorio 0 comments

Irriducibilità al capitalismo significa lavorare in termini di partecipazione

textBarbarie e fatalismo Aug 26 by Lucio Garofalo 0 comments

Tra le abitazioni private e gli edifici pubblici che sono crollati a causa del sisma dell'altra notte, rientra addirittura una scuola costruita nel 2012, per cui dovrebbe essere stata, almeno in teoria, una struttura antisismica. In ogni caso, alcuni giorni fa si è verificata in Giappone una scossa della stessa entità (magnitudo 6 scala Richter), ma non si sono registrati danni alle persone...

textLa terra trema ancora Aug 24 by Lucio Garofalo 0 comments

La terra trema ancora in Italia, ma non abbiamo imparato nessuna lezione...

textIl giallo del treno scomparso Nov 06 by Roberto Pisani 0 comments

Nella giornata di venerdì, su televisioni, giornali online in diretta, tv locali e nazionali e tramite passaparola via internet, una valanga di foto e di parole hanno accompagnato gli aggiornamenti sulla ennesima, tragica alluvione a Genova. Tra queste notizie alcuni ricordano di aver sentito parlare di un treno deragliato a causa di una frana. Un treno che deraglia, qualcuno avrà pensato, non è cosa da poco...

textRischio sismico nelle strutture lavorative e nei territori Jan 28 by Francesco Aucone 0 comments

Testo dell'intervento fatto durante l'Assemblea della Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori tenutasi a Roma il 25 gennaio 2013.

more >>

textContinueremo a vigilare affinché le norme vigenti, che in Italia e in Friuli vietano le coltivazioni... Feb 20 Friuli Venezia Giulia 0 comments

Va cercata e distrutta ogni coltivazione ogm presente sui nostri territori e le aziende agricole coinvolte devono essere punite e messe sotto sequestro cautelativo.

textLa prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.
Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.

imageLavorare senza padroni Nov 30 1 comments

La cooperazione nel XXI secolo

imageContro il MUOS, per una Sicilia terra di pace Oct 05 2 comments

Gli effetti del MUOS saranno quelli gravissimi di porre la "portaerei" Sicilia come base (e quindi obiettivo) di un eventuale conflitto nucleare e di aumentare l'inquinamento elettromagnetico nel raggio di decine di chilometri, con un seguito inevitabile di malformazioni infantili e tumori per gli abitanti della Sicilia sud-orientale. Inoltre, la realizzazione del MUOS distruggerà l'economia del territorio (agricoltura, allevamenti, turismo, ecc.) e limiterà drasticamente la mobilità dei siciliani pregiudicando l'attività degli scali aerei (Comiso, Fontanarossa, Punta Raisi, Trapani-Birgi) già ampiamente danneggiati dalle servitù militari.

imageSolidarietà ai No Tav italiani Apr 05 0 comments

Documento proposto da USI - Unione Sindacale Italiana ed approvato al Congresso della Rete europea del sindacalismo alternativo e di base

more >>
© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]