Benutzereinstellungen

Neue Veranstaltungshinweise

Italia / Svizzera

Es wurden keine neuen Veranstaltungshinweise in der letzten Woche veröffentlicht

Kommende Veranstaltungen

Italia / Svizzera | Antifascismo

Keine kommenden Veranstaltungen veröffentlicht

Comunicato congiunto di CNT, CGT e Solidaridad Obrera sulla situazione in Catalogna

[Castellano] [English] [Ελληνικά] [Français]

category italia / svizzera | antifascismo | comunicato stampa author Samstag Oktober 28, 2017 23:58author by CNT, CGT y Solidaridad Obrera Report this post to the editors

traduciòn italiana

Le organizzazioni sottoscritte, in qualità di sindacati a livello nazionale, condividono la stessa preoccupazione per la situazione in Catalogna, per la repressione che lo Stato ha scatenato, per la riduzione dei diritti e delle libertà che questo presuppone e paventa e per l'aumento di un nazionalismo rancido che si ripropone in gran parte dello Stato spagnolo.
catalunya.jpg


Comunicato congiunto di CNT, CGT e Solidaridad Obrera sulla situazione in Catalogna


Le organizzazioni sottoscritte, in qualità di sindacati a livello nazionale, condividono la stessa preoccupazione per la situazione in Catalogna, per la repressione che lo Stato ha scatenato, per la riduzione dei diritti e delle libertà che questo presuppone e paventa e per l'aumento di un nazionalismo rancido che si ripropone in gran parte dello Stato spagnolo.

Noi difendiamo l'emancipazione di tutti i lavoratori della Catalogna e nel resto del mondo. Forse, in questo contesto, è necessario ricordare che noi non intendiamo il diritto all'autodeterminazione in modo statalista, come proclamano i partiti e le associazioni nazionalisti, bensì come diritto all'autogestione della nostra classe in un determinato territorio. In questo senso, l'autodeterminazione si realizza più attraverso il controllo della produzione e del consumo da parte dei lavoratori e di una democrazia diretta dal basso verso l'alto, organizzata secondo principi federalisti, piuttosto che con l'istituzione di una nuova frontiera o con la creazione di un nuovo Stato.

Come internazionalisti, sappiamo che la solidarietà tra i lavoratori non deve limitarsi ai confini nazionali, per cui ci importa poco dove questi vengono tracciati. Ciò che ci sembra molto preoccupante è la reazione che si sta vivendo in molte parti del resto dello Stato, con l'esaltazione di uno spagnolismo rancido, che ricorda per lo più epoche passate, coccolato da parte dei media e in sintonia con la deriva autoritaria del governo, viatico per l'imprigionamento di persone accusate di aver convocato atti di disobbedienza o per l'applicazione dell'articolo 155 della Costituzione. Siamo consapevoli che questa epidemia nazionalista pone le basi per ulteriori tagli dei diritti e delle libertà, contro cui dobbiamo agire in modo preventivo. L'asfissiante unità delle cosiddette "forze democratiche" per giustificare la repressione, fa presagire un quadro desolante per tutte le dissidenze future. Sembra che il regime post-franchista che ci governa da 40 anni, serrerà i ranghi per garantire la sua continuità.

Questo regime, che è esistito ed esiste in Catalogna e nel resto della Spagna, ritiene che sia in gioco la sua sopravvivenza. Ampiamente messo in discussione e immerso in una profonda crisi di legittimità, questo regime è allarmato all'accumularsi di fronti aperti. La minaccia per l'integrità territoriale dello Stato si aggiunge agli scandali di corruzione, al discredito della monarchia, alla questione dei salvataggi finanziari e dei tagli che sono stati imposti alla popolazione, al malcontento per la schiavitù nei luoghi di lavoro derivata dalle recenti riforme del lavoro, allungando l'età pensionabile e tagliando gli assegni pensionistici, ecc ... Gli appelli continui per difendere la Costituzione devono essere intesi come rintocchi di campane per affrontare questa vera e propria crisi esistenziale in cui versa il regime. Il pericolo è che in questo processo si legittimo e diventino normalità i comportamenti repressivi come quelli recentemente osservati in molte città catalane. O peggio.

Ovviamente non sappiamo in quale senso evolveranno gli eventi. Rimarremo attenti a ciò che succede, pronti a difendere gli interessi dei lavoratori in tutto lo Stato. Ci opporremo con tutte le nostre forze alla repressione e alla legittimazione, già in atto, delle manifestazioni della destra radicale. Naturalmente, non ci metteremo al servizio delle strategie dei partiti politici i cui obiettivi ci sono estranei. Allo stesso tempo, non smetteremo di incoraggiare le mobilitazioni della classe lavoratrice quando è essa stessa a decidere, infine, è il momento di scrollarsi di dosso la dittatura di élite politiche ed economiche che da troppo tempo gestiscono il controllo del territorio per servire esclusivamente i propri interessi. Come sindacati di classe combattivi e libertari saremo nelle strade, nelle mobilitazioni, come abbiamo dimostrato in molte occasioni, contro la repressione, per i diritti e per le libertà, contro i tagli e contro la corruzione.

La crisi catalana può essere il punto di volta di un modello di stato morente. Se questo cambiamento andrà in una certa direzione o in un'altra dipenderà dalla nostra capacità, come classe, di portare il processo in atto nella direzione opposta alla repressione e alla crescita dei nazionalismi. Speriamo che il risultato finale sia più libertà e più diritti e non viceversa. La posta in gioco è alta.

PER I DIRITTI E PER LE LIBERTA'! NO ALLA REPRESSIONE CONTRO LE CLASSI LAVORATRICI!

CGT - Solidaridad Obrera - CNT
(traduzione a cura di Alternativa Libertaria/fdca - Ufficio Relazioni Internzionali)
Link esterno: http://cnt.es/noticias/comunicado-conjunto-de-cnt-cgt-y...lunya

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!

Italia / Svizzera | Antifascismo | Comunicato stampa | it

Do 02 Apr, 12:52

browse text browse image

18057710_1869497109955605_8479540780920188529_n.jpg imageCorreggio, 2 dicembre 2017: quando cacciammo i fascisti da casa. Le barricate di Parma del 1922 23:51 Mo 27 Nov by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

l'avvincente cronaca di quei giorni di straordinaria partecipazione popolare contro l'occupazione fascista della città, ma avremo anche modo di approfondire il contesto socio politico in cui, in quel delicatissimo momento storico, il proletariato trovò quella forza e quel senso di unità necessari per compiere questa impresa, che ancora oggi ricordiamo con grande orgoglio antifascista.

23659631_1526726660754023_2453934581672843198_n.jpg imageGenova, 2 dicembre 2017: Neofascismo: contro la galassia reazionaria nel nuovo secolo 23:44 Mo 27 Nov by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

convegno organizzato da Libero Spazio Utopia, Alternativa Libertaria, Collettivo Genova City Strike

textItalia, 1 maggio 1947: La strage di Portella della Ginestra 19:02 Fr 05 Mai by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Nel suo ultimo lavoro ‟Il bandito della Guerra Freddaˮ, Pietro Orsatti ripercorre questa storia in occasione del 70° anniversario della strage di Portella della Ginestra, perpetrata il Primo Maggio 1947: strage fascista, strage mafiosa, strage di Stato.

textItalia - 25 aprile 2017: per sempre in lotta, per sempre in resistenza 22:18 Mo 24 Apr by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Il fascismo si combatte nelle piazze, con l’azione diretta, con la conquista maggiore di nuove libertà, con l’autogestione e con l’organizzazione dal basso.

hammerswastika.png imageCorreggio antifascista 20:13 Mi 01 Mär by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Correggio si impegna a vigilare perché sul proprio territorio la bestia scacciata più di settant'anni fa non osi più mettere piede

textmanifestazione contro il convegno delle ultra destre europee a Genova 17:42 Do 09 Feb by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

"L’Antifascismo è pratica quotidiana

cameradeideputati1.jpg imageItalia - Referendum costituzionale, sconfitta l'arroganza del potere 02:56 Sa 17 Dez by Alternativa Libertaria/fdca 0 comments

Sulla Carta non cambierà niente.
Le modifiche alla Costituzione, presentate dal governo Renzi e sostenute da variegate espressioni del capitalismo italiano, sono state respinte dal voto con un NO senza attenuanti.

textItalia, Vittorio Veneto: L'antifascismo oggi 05:55 Di 30 Aug by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Vittorio Veneto (TV) 2 settembre alle ore 20:30 presso la Biblioteca comunale, “L'Antifascismo oggi”, con l'intervento del giornalista milanese del Manifesto Saverio Ferrari dell'Osservatorio Democratico Sulle Nuove Destre.»

text25 aprile 2016, 1 Maggio 2016 18:06 Mi 27 Apr by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Il 25 aprile 1945 il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclamava l'insurrezione in tutti i territori italiani ancora occupati dai nazifascisti.
Nel giro di 6 giorni, quasi tutta l'Italia settentrionale era stata liberata dai partigiani.
Così il Primo Maggio si festeggiarono contemporaneamente la liberazione e la giornata internazionale dei lavoratori,

textReggio Emilia: manifestazione antifascista del 16 gennaio 2016 02:45 Di 12 Jan by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Per dire no al fascismo, al razzismo, all’omofobia,al patriarcato,alla guerra ed al militarismo

more >>

text25 aprile 2017: per sempre in lotta – per sempre in resistenza Apr 25 by Alternativa Libertaria 0 comments

.

textIl Beato Rolando Rivi, la lotta partigiana ed il martirio della Chiesa Cattolica Nov 18 by Gino 0 comments

Ha fatto un certo clamore, soprattutto in Emilia, la proclamazione da parte della chiesa cattolica della beatificazione di Rolando Rivi, quattordicenne seminarista di Castellarano (RE) fucilato dai partigiani del Battaglione “Frittelli” della Brigata Garibaldi Modena Montagna comandata da Mario Ricci (Armando) il 10 aprile del 1945 in un bosco nelle vicinanze di Palagano sulle colline Modenesi.

textItaliani brava gente Feb 15 by Coordinamento Anarchico Palermitano 0 comments

L'esodo degli italiani e le foibe furono il tragico prodotto del fascismo, della guerra e del razzismo di stato. Le foibe erano state usate dagli stessi fascisti italiani durante l'occupazione contro la popolazione slava; poi dai tedeschi, fin dal 1941; poi addirittura dai partigiani, che non volevano lasciare i loro morti o le loro sepolture affinché i nazisti non capissero i loro movimenti.

imageCorreggio, 2 dicembre 2017: quando cacciammo i fascisti da casa. Le barricate di Parma del 1922 Nov 27 sezione di Correggio 0 comments

l'avvincente cronaca di quei giorni di straordinaria partecipazione popolare contro l'occupazione fascista della città, ma avremo anche modo di approfondire il contesto socio politico in cui, in quel delicatissimo momento storico, il proletariato trovò quella forza e quel senso di unità necessari per compiere questa impresa, che ancora oggi ricordiamo con grande orgoglio antifascista.

imageGenova, 2 dicembre 2017: Neofascismo: contro la galassia reazionaria nel nuovo secolo Nov 27 sezione "Nino Malara" di Genova 0 comments

convegno organizzato da Libero Spazio Utopia, Alternativa Libertaria, Collettivo Genova City Strike

textItalia, 1 maggio 1947: La strage di Portella della Ginestra Mai 05 sezione "Silvia Francolini" di Fano-Pesaro 0 comments

Nel suo ultimo lavoro ‟Il bandito della Guerra Freddaˮ, Pietro Orsatti ripercorre questa storia in occasione del 70° anniversario della strage di Portella della Ginestra, perpetrata il Primo Maggio 1947: strage fascista, strage mafiosa, strage di Stato.

textItalia - 25 aprile 2017: per sempre in lotta, per sempre in resistenza Apr 24 0 comments

Il fascismo si combatte nelle piazze, con l’azione diretta, con la conquista maggiore di nuove libertà, con l’autogestione e con l’organizzazione dal basso.

imageCorreggio antifascista Mär 01 sezione di Correggio 0 comments

Correggio si impegna a vigilare perché sul proprio territorio la bestia scacciata più di settant'anni fa non osi più mettere piede

more >>
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]