Benutzereinstellungen

Neue Veranstaltungshinweise

Italia / Svizzera

Es wurden keine neuen Veranstaltungshinweise in der letzten Woche veröffentlicht

Kommende Veranstaltungen

Italia / Svizzera | Lotte sul territorio

Keine kommenden Veranstaltungen veröffentlicht

[Catalogna] Continuismo o rottura. Sulle elezioni del 21 dicembre

[Català]

category italia / svizzera | lotte sul territorio | documento politico author Dienstag Januar 02, 2018 18:55author by Embat - Organització Llibertària de Catalunya Report this post to the editors

traduzione italiana

analisi d’Embat, Organització Llibertària de Catalunya, sulle elezioni del Parlament de Catalunya del 21 dicembre. [Catalá] [Castellano]
300_0___20_0_0_0_0_0_1o_referendum_1_de_octubrecatalunadeclaracion_unilateral_de_independenciaespana_250986131_48825056_1024x576.jpg


Continuismo o rottura. Sulle elezioni del 21 dicembre



1.- Nonostante le voci che hanno tentato di porre fine al cosiddetto processo di sovranità, la sua forza numerica, il suo livello cumulativo e il suo peso nella società, così come la sua capacità di confronto, sono in costante aumento. La mobilitazione delle folle sostenuta e in aumento per alcune settimane è stata in grado di imporre la realizzazione di un referendum illegale l'1 ottobre (cosa mai vista nelle società occidentali), un massiccio sciopero generale del 3 ottobre e una prova generale di controllo territoriale con lo sciopero dei tagli delle rotte di trasporto del giorno 8 novembre. Non esiste altra società europea che al momento abbia commissioni di base e gruppi di cittadini auto-organizzati a favore della Repubblica e contro il governo del loro Stato in tutti i quartieri delle città fino all'ultimo angolo della Catalogna. La pressione popolare ha imposto la proclamazione unilaterale della Repubblica.

2.- Contro questo lo Stato ha risposto con l'applicazione dell'articolo 155: la pura e semplice repressione, con i prigionieri politici e con l'indizione delle elezioni del 21 dicembre. Lo Stato le ha concepite in modo plebiscitario e ha sollecitato la mobilitazione dei suoi sostenitori nel tentativo di sconvolgere le forze indipendentiste attraverso la repressione, la giudizializzazione della politica, l'intervento delle istituzioni e i messaggi di scoraggiamento attraverso i media. In breve, l'indipendentismo è giunto alle elezioni su posizioni difensive. Un altro handicap per l'indipendenza, a priori, era la divisione visibile tra i due partiti che guidavano il blocco sovranista.

Nonostante ciò, l’indipendentismo ha conseguito un successo di voti.

3.- A causa del carattere plebiscitario di queste elezioni, la corrente unionista in Catalogna si è raccolta intorno alla lista dei Ciutadans (sebbene con qualche resistenza da parte del PSC). L'unionismo ha serrato le fila in un "no all'indipendenza" alla ricerca di referenti di unità tra gli spagnoli o basati sull'identità ispanica. Va notato che il voto per i Ciutadans è anche un rifiuto verso il Partito Popolare ed è percepito dai suoi elettori non come un voto di estrema destra ma come un voto per un partito liberale, centrista, moderno, anti-casta ... che differisce dai modi di fare del PP. D'altro canto, i Ciutadans si sono dichiarati fermamente contrari all'indipendenza e talvolta hanno superato lo stesso PP a destra. Questo senza ignorare un possibile voto utile sulla lista che si presumeva vincitrice. In ogni caso, se lo Stato continua ad applicare la repressione senza misura (come sembra essere disposto a fare con le nuove accuse) può erodere questa vittoria.

I Ciutadans basano la loro forza elettorale su una parte della società catalana essenzialmente di lingua spagnola, legata alle loro origini familiari e culturali in altre regioni della Spagna e - cosa importante da sottolineare - lettori dei media spagnoli che in queste settimane hanno bombardato con la festa arancione.

Questo settore della popolazione ha un problema comune a tutte le cinture metropolitane in Europa, minacciate dal populismo di destra. Sono i quartieri più svantaggiati che cadono nell'orbita ideologica o socioculturale del settore più reazionario della nostra società e non quelli della classe media lavoratrice e professionale (molto meno nella sinistra rivoluzionaria). Non è la stessa cosa essere nati e cresciuti in famiglie e quartieri che apprezzano la cultura, che sono interessati alle associazioni o alla cultura popolare, che sono interessati alla politica, che sono linguisticamente diversi, rispetto a chi nasce e cresce sia in quelle famiglie che cercano solo di sopravvivere, sia in quelle che hanno già attraversato questo stadio e ora godono di una posizione salariale con un certo potere d'acquisto o che cercano di salire all'ascensore sociale dell '"imprenditorialità", così caratteristico del nostro tempo, che bevono dalla cultura delle masse del capitalismo.

È necessario capire che questa parte della popolazione ha - in generale - un'idea non solo della questione nazionale, ma anche delle questioni sociali, dei diritti civili, del femminismo, ecc. questo la colloca negli antipodi del movimento popolare quando la sua base sociale dovrebbe esserne parte.

4.- Da parte del movimento popolare della Catalogna, è estremamente necessario porre l'accento sul conflitto politico tra la Catalogna e la Spagna nelle politiche sociali. Questo non significa rinunciare alla questione nazionale, se non lavorando in parallelo. È vitale una costruzione simultanea per risolvere i problemi materiali della sepoltura dello Stato spagnolo e della logica repubblicana di cercare un paese migliore per la sua gente. I militanti rivoluzionari devono essere coinvolti nei sindacati, nelle associazioni di quartiere, nelle case collettive, nella rivitalizzazione delle ondate di mobilitazione, ecc. essere in contatto con la popolazione più colpita dalla crisi. Si devono avanzare alcune richieste che si scontrino con lo status quo sociale, forse a partire dalle misure sociali abrogate dal Tribunale Costituzionale o che ci difendano dall'attacco contro la scuola pubblica catalana.

Crediamo che l'indipendentismo debba abbandonare il tono vittimistico e smettere di crearsi un'identità sulla base della superiorità morale in quanto sono atteggiamenti alienanti verso le classi meno favorite. Un catalanismo escludente non fa che lasciare ampi settori della popolazione al di fuori del quadro ideologico dell'indipendenza, lasciando terreno abbondante per l'unionismo.

In breve, dobbiamo rafforzare e consolidare tutte quelle strutture incipienti di Popolo Forte degne di essere preparate per espandere la nostra base sociale indirizzandosi verso le classi popolari con un chiaro messaggio: la disgregazione e la creazione di una nuova società è vitale per avere una vita migliore.

(traduzione a cura di Alternativa Libertaria/fdca - Ufficio Relazioni Internazionali)

Link esterno: http://embat.info/continuisme-o-ruptura-sobre-les-elecc...-21d/

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
#Nobastan3Causales: seguimos luchando por aborto libre en Chile

Hauptseite

Nota sobre o atual cenário da luta de classes no Brasil

Devrimci Anarşist Faaliyet: "The state’s project of eliminating revolutionary opposition hasn’t finished yet"

Μετά την καταστροφή τι;

Aufruf zur Demonstration am 2.9.2018 in Unterlüß "Rheinmetall entwaffnen – Krieg beginnt hier"

Mass protest in central and southern Iraq

Ecology in Democratic Confederalism

[Colombia] Perspectivas sobre la primera vuelta de las elecciones presidenciales de Colombia 2018

Call for Solidarity with our Russian Comrades!

8 reasons anarchists are voting Yes to Repeal the hated 8th

Comunicado de CGT sobre la Nakba, 70 años de dolores para el Pueblo Palestino

[ZAD] Les expulsions ont commencé, la zad appelle à se mobiliser

Assassinato Político, Terrorismo de Estado: Marielle Franco, Presente!

La Huelga General del 8 de Marzo, un hito histórico

A intervenção federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Ciao, Donato!

[Uruguay] Ante el homicidio de un militante sindical: Marcelo Silvera

[Argentina] Terrorista es el Estado: Comunicado ante el Informe Titulado "RAM"

[Catalunya] Continuisme o ruptura. Sobre les eleccions del 21D

Reconnaissance par Trump de Jérusalem comme capitale d'Israël : de l'huile sur le feu qui brûle la Palestine

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcèlement et toutes les violences patriarcales !

The Old Man and the Coup

Italia / Svizzera | Lotte sul territorio | it

Mi 17 Okt, 22:52

browse text browse image

text[Italia] Pesaro: Ritirare urgentemente il provvedimento di sgombero, restituire il maltolto allo spa... 06:41 Mo 23 Jan by Alternativa Libertaria/FdCA 1 comments

La decisione autoritaria e inopportuna, tra l'altro poco trasparente da un punto di vista amministrativo, di chiudere il Malarlevèt sopprime un luogo di partecipazione, presidio di democrazia reale contro le sempre più minacciose presenze della destra fascista e razzista in questa città.

textItalia - Pulizie di Natale a Genova 00:24 Do 15 Dez by Alternativa Libertaria/fdca 0 comments

E così, questa mattina, la Questura di Genova ha provveduto a sgomberare il Centro Sociale Pellicceria ex Giustiniani. Una volta le pulizie in grande stile si facevano in primavera ma in questo caso si sono scelte le feste di Natale per cercare di mettere la parola fine ad un'esperienza autogestionaria di spazi abbandonati, recuperati e restituiti alla collettività.

textItalia, Genova Multedo: Simbiosi - difendi il territorio 06:00 Di 30 Aug by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Due giornate di festa sulla difesa del territorio da quelle opere dell'uomo che incidono negativamente su tutto ciò che ci circonda! Quando parliamo di territorio noi ci vorremmo collegare alla salute degli abitanti e non a opere inutili, costose e inquinanti! Pensiamo al Terzo Valico, alla Gronda a Genova, al TAV in Val Susa, alle Navi a Venezia, piuttosto che al MUOS in Sicilia e queste sono solo alcuni dei disastri sul territorio italiano.
Le due giornate vogliono essere un modo per confrontarsi con lotte già esistenti.

textRete Spartaco per Emergency 02:15 Do 14 Jul by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

23 luglio Casa Popolare Spartaco

textNO TAV - contro gli espropri alla Sereta 01:43 Do 14 Jul by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Le nostre montagne hanno subito fin troppi scempi e ora un’altra devastazione è in corso. Noi pensiamo che queste montagne vadano lasciate in pace e, se una vocazione economica ci deve essere, questa deve essere quella di favorire e salvaguardare una piccola agricoltura, da anni abbandonata.

textItalia - Elezioni amministrative 2016 - Ballottaggi e sballottamenti 07:23 Mo 27 Jun by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

il carro del vincitore è già stato prenotato da élite imprenditoriali e commerciali ansiose di aprirsi il proprio varco sulla scia del nuovo auriga, così presentabile, così compatibile.

textItalia - Elezioni amministrative 2016 - Per cosa si vota? Per chi votare? 04:08 Sa 04 Jun by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

In questa direzione va la vendita di immobili di proprietà comunale, spesso già occupati da centri sociali, associazioni culturali e comitati di inquilini che hanno occupato e rivitalizzato edifici fatiscenti, su cui si abbatte la scure della repressione, degli sgomberi e della distruzione di reti di solidarietà incompatibili con la legge del profitto.

textTrento: sgombero della Nave Assillo 09:57 Mi 27 Jan by Alternativa Libertaria/FdCA 1 comments

Dopo quasi 3 mesi di occupazione di un vecchio stabile Itea a Trento promossa dai compagni di Trento e Rovereto per riportare all'attenzione pubblica il tema della casa e del diritto all'abitare e per organizzare serate e dibattiti"alternativi" il 19 gennaio è avvenuto lo sgombero da parte della polizia.

textItalia: No allo smantellamento della sanità pubblica! 11:45 Di 11 Aug by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Costituire comitati e coordinamenti misti di cittadini ed operatori per monitorare, denunciare e contrastare disservizi, incuria, riduzioni del servizio e sprechi causati dai tagli e da atti e delibere lesivi del diritto alla salute.

images.jpg imageEXPO 2015: nutrire il capitalismo, energie per lo sfruttamento 00:44 Mo 27 Apr by Alternativa LIbertaria/FdCA 0 comments

1 Maggio manifestazione internazionale a Milano

contro un'altra grande opera inutile,

contro 6 mesi di menzogne e annichilimento dei diritti,

per liberare l'agricoltura dal profitto e dallo spreco

more >>

textRisveglio civile e democratico Aug 29 by Lucio Garofalo 0 comments

Non mi dispiacerebbe affatto se si risvegliasse una vivace e sincera dialettica democratica e pluralistica nella comunità lionese...

textPer una vita senza tornelli Okt 25 by Tucum 0 comments

Il 2 ottobre a Roma c’è stato uno sciopero di 24 ore dei mezzi di trasporto pubblici. Ancora una volta abbiamo assistito al classico gioco dei padroni, attraverso i media, del “divide et impera”, opponendo utenti e lavoratori, su un disagio che ambedue dividono: la condizione di un servizio spazzatura.

textIl vento delle Alpi Nov 14 by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Un vento di rivolta soffia. Soffia dall’Esagono e passa le Alpi. Molto divide la rivolta delle banlieu parigine dalla rivolta in Val di Susa...

text[Italia] Pesaro: Ritirare urgentemente il provvedimento di sgombero, restituire il maltolto allo spa... Jan 23 sezione "Silvia Francolini" di Fano-Pesaro 1 comments

La decisione autoritaria e inopportuna, tra l'altro poco trasparente da un punto di vista amministrativo, di chiudere il Malarlevèt sopprime un luogo di partecipazione, presidio di democrazia reale contro le sempre più minacciose presenze della destra fascista e razzista in questa città.

textItalia - Pulizie di Natale a Genova Dez 15 sezione "Nino Malara" di Genova 0 comments

E così, questa mattina, la Questura di Genova ha provveduto a sgomberare il Centro Sociale Pellicceria ex Giustiniani. Una volta le pulizie in grande stile si facevano in primavera ma in questo caso si sono scelte le feste di Natale per cercare di mettere la parola fine ad un'esperienza autogestionaria di spazi abbandonati, recuperati e restituiti alla collettività.

textItalia, Genova Multedo: Simbiosi - difendi il territorio Aug 30 sezione "Nino Malara" Genova 0 comments

Due giornate di festa sulla difesa del territorio da quelle opere dell'uomo che incidono negativamente su tutto ciò che ci circonda! Quando parliamo di territorio noi ci vorremmo collegare alla salute degli abitanti e non a opere inutili, costose e inquinanti! Pensiamo al Terzo Valico, alla Gronda a Genova, al TAV in Val Susa, alle Navi a Venezia, piuttosto che al MUOS in Sicilia e queste sono solo alcuni dei disastri sul territorio italiano.
Le due giornate vogliono essere un modo per confrontarsi con lotte già esistenti.

textRete Spartaco per Emergency Jul 14 sezione di Correggio 0 comments

23 luglio Casa Popolare Spartaco

textNO TAV - contro gli espropri alla Sereta Jul 14 sezione "Nino Malara" Genova 0 comments

Le nostre montagne hanno subito fin troppi scempi e ora un’altra devastazione è in corso. Noi pensiamo che queste montagne vadano lasciate in pace e, se una vocazione economica ci deve essere, questa deve essere quella di favorire e salvaguardare una piccola agricoltura, da anni abbandonata.

more >>
© 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]