user preferences

Afrin: la guerra degli Stati verrà sconfitta dalla guerra popolare

category mashrek / arabia / irak | imperialismo / guerra | comunicato stampa author Sunday January 28, 2018 17:41author by Devrimci Anarşist Faaliyet - DAF Report this post to the editors

Afrîn appartiene alla gente di Afrîn. La gente che vive nel cantone di Afrîn è nata in questa terra e vuole morire su di essa. Vivere lì non ha nulla a che fare con nessun piano o programma. Gli abitanti di Afrîn non vivono nel cantone di Afrîn per motivi strategici. Afrîn, per loro, è l’acqua, il pane, il cibo, il gioco, la storia, l’amicizia, la solidarietà, l’amore, la strada, la casa, il vicinato. Ma per lo Stato non è che un pezzo di una strategia. Una strategia che non si preoccupa certo della terra di Afrîn o della sua gente. [Türkçe] [English] [Castellano] [Ελληνικά] [Français]
df0c1da5b22e4a8fbe74d256ebb68e2a_3.jpg

L’aggressione militare contro il cantone di Afrîn è inserito nella strategia della guerra dell’Energia, che risulta dallo smantellamento della Siria e che porterà allo smantellamento di altri Stati della regione. Gli Stati creano l’illusione di fare queste guerre per “i loro cittadini”. Costruiscono una propaganda nazionalista conservatrice per convincere i loro abitanti di false credenze. Per gli Stati questo è un bisogno ineludibile sia sul fronte interno che su quello esterno. Sono menzogne necessarie per il fronte elettorale all’interno, e utili per i tavoli dii negoziato sul fronte estero. I dirigenti che prendono parte ai processi commerciali, in particolare l’estrazione, il trasporto e la commercializzazione delle risorse energetiche utilizzano ogni possibile risorsa per accrescere i loro profitti.

In queste discussioni, in cui il numero di fucili, di tanks e di aerei da guerra è importante, il numero dei soldati ha un suo posto fondamentale. Un soldato non è differente da una merce. Ecco dunque che serve l’illusione nazionalista conservatrice.

Chi si unirebbe a una guerra in cui solo qualcun altro ci guadagna? Chi combattebbe per il petrolio, che è sempre venduto dagli Stati o dalle Compagnie petrolifere, ma di cui una goccia costa più del pane? Noi, quelli che vivono sulla propria pelle la montata crescente dei prezzi causata dall’aumento del prezzo del petrolio, noi che perdiamo comunque, perchè dovremmo combattere per chi ci guadagna comunque? E infatti, nessuno di noi combatterebbe per loro. Per questo hanno bisogno del nazionalismo e del conservatorismo.

E oggi, loro urlano dai giornali e dai canali televisivi lo slogal nell’illusione: “La Nazione, la Nazione, la Nazione”. Volontà nazionale, unità nazionale. Non potranno mai dire chiaramente ” Vi stiamo derubando” , oppure “Combattete, così vi venderemo del petrolio , e chissà cos’ altro. Noi continueremo a farvi produrre, a farvi consumare, a sfruttarvi”. Ecco il piano, il programma, la strategia, la guerra degli Stati. Noi, quelli che stanno in basso, forzatamente cittadini e cittadine degli Stati, possiamo però cambiare tutto. Oggi, gli abitanti di Afrîn vivono liberamente perchè sono riusciti a cambiare tutto. Così come nel cantone di Kobanê, nel cantone di Cizere o nel Chiapas Zapatista. Ed è lì la differenza cruciale tra la guerra popolare e la guerra degli Stati. Nelle loro guerre, gli Stati attaccano e brutalizzano senza rispettare nessuna regola, per accrescere i profitti. Bombardano con tutti i loro tank e i loro aerei. Feriscono, uccidono, assassinano e sarebbero contenti di fare prigioniera ogni forma di vita. Mentre nella guerra popolare c’è la libertà.

Nel corso degli ultimi giorni, ognuna delle bombe lanciate su Afrîn, ogni proiettile, è stato un attacco alla libertà. Lo stato Turco, a cui piacerebbe aumentare la propria fetta di torta, ha lanciato la sua offensiva sul cantone di Afrîn. E’ una strategia fondata sul nazionalismo, sul conservatorismo e basata su menzogne. E’ una strategia elettorale. E’ una strategia completamente commerciale. La guerra di Stato è una strategia. Ma la guerra popolare è la libertà. E nessuno Stato può sconfiggere chi lotta per la libertà.

Afrîn vincerà.

Devrimci Anarşist Faaliyet (DAF) Turchia

traduzione a cura di Alternativa Libertaria

Related Link: http://www.anarsistfaaliyet.org/

This page has not been translated into 한국어 yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Rojava: Mensaje urgente de un compañero anarquista en Afrin

Front page

Εργατική και κοινωνική αυτοδιαχείριση

Nota da CAB sobre a Intervenção federal e militar no Rio de Janeiro

A intervenção federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Το εθνικιστικό συλλαλητήριο της 4 Φλεβάρη

Confederalism, Democratic Confederalism and Rojava

Out with the old, in with the not so new

Against Imperialism: International Solidarity and Resistance

The Cacahuatepec Massacre, Guerrero: First notes concerning an emergency that “nobody wants to see”

Fire and Fury in the Time of Trump

La revolución rusa. Una interpretación crítica y libertaria

¿Por dónde cortar el nudo gordiano en la negociación ELN-Gobierno de Colombia?

Decades of organising wins new abortion referendum in Ireland

Geopolítica del pueblo kurdo y el caso de Rojava

Vanguards of Humanity: Why I support Afrin & the Rojava Revolution

Για μια Θεωρία της Στρατηγικής

Solidarity for Afrin and Rojava against the Turkey State

A call for solidarity: defend Afrin — defend humanity!

The geopolitics of the Kurds and the case of Rojava

Saguenay (Canada) : Les morts vont prendre leur revanche

[Book Review] “Anarchist Encounters. Russia in Revolution”. Edited by A.W. Zurbrugg (London: Anarres Editions -Merlin Press, 2017)

Les États en guerre contre les peuples subiront la défaite

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Τα κράτη θα ηττηθούν

© 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]