user preferences

In memoria di Carlo Giuliani e degli avvenimenti del G8

category italia / svizzera | repressione / prigionieri | opinione / analisi author Monday July 22, 2019 00:21author by Lucio Garofalo Report this post to the editors

18 anni fa, il 20 luglio del 2001, Carlo Giuliani era un ragazzo di 23 anni. Era nato nel 1978, un anno di notevoli e straordinari mutamenti della società italiana anzitutto sul terreno dei diritti e delle conquiste civili...
d1a7tr8844d17b000345539be5273f2110f598.gif

18 anni fa, il 20 luglio del 2001, Carlo Giuliani era un ragazzo di 23 anni. Era nato nel 1978, un anno di notevoli e straordinari mutamenti della società italiana anzitutto sul terreno dei diritti e delle conquiste civili. Basti pensare a due leggi fondamentali promulgate in quell'anno: la legge 180 del 13 maggio 1978 (esattamente 4 giorni dopo gli omicidi di Peppino Impastato e Aldo Moro), meglio nota come Legge Basaglia, che prese il nome da Franco Basaglia, fondatore ed esponente di primo piano del movimento della "Psichiatria Democratica" in Italia ed uno dei principali promotori della riforma psichiatrica, che intervenne a legiferare su una disciplina assai delicata e controversa: "Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori" (in pratica, abolì l'abominio incivile e disumano dei manicomi); e la legge 194 del 22 maggio 1978, che regolamenta la interruzione volontaria di gravidanza. In altri termini, si tratta di due tra le più significative e preziose conquiste di civiltà giuridica e progresso della società italiana, su cui non sarebbe scorretto avviare una seria ed onesta disamina per vagliare e verificare i limiti e le criticità sociali prodotte da un'applicazione distorta dei succitati provvedimenti legislativi. In ogni caso, il 1978 fu un anno eccezionale ed unico per svariate e molteplici ragioni storiche, politiche, culturali, per le profonde innovazioni dei costumi e delle consuetudini di vita in Italia e nel mondo, dopo un lungo, vivace ed intenso decennio (iniziato nel 1968) contrassegnato da mobilitazioni e contestazioni di massa, da lotte e rivendicazioni politiche e sociali radicali, che furono espresse da un imponente movimento generazionale che mai si era visto di tale entità e portata, di rivolte studentesche ed operaie (in Francia, in Germania e in Italia, più che altrove). Ebbene, dopo i sommovimenti giovanili insorti nel 1968 e nel 1977, l'apice e, nel contempo, le origini del declino e del riflusso storico-politico e culturale della società italiana, coincisero e si intersecarono (temo) proprio nel 1978. Da quel momento "debuttarono" gli anni del distacco e del disimpegno civile, gli anni del ripiegamento individuale nella sfera esistenziale del privato, gli anni del cosiddetto "edonismo reaganiano": gli anni Ottanta. Sorvolo sul periodo, che in un certo senso ha assistito ad una successione di mode e di fenomeni socio-culturali all'insegna del conformismo e del consumismo di massa. Credo che bisognerà attendere proprio la fine degli anni Novanta e l'inizio del 2000 (direi fino al luglio del 2001), per poter vivere una nuova ondata di lotte, di proteste e di proposte messe in campo da un movimento sociale e politico di massa: il "popolo di Seattle", meglio noto come "movimento no-global", altrimenti denominato come "movimento dei movimenti". All'indomani dei drammatici e luttuosi avvenimenti del luglio 2001, durante il G8 a Genova, con l'assassinio del giovane Carlo Giuliani (il 20 luglio), le botte ed i massacri compiuti nella Scuola Diaz, dove la notte del 21 luglio fecero irruzione i Reparti mobili della Polizia di Stato, con il supporto operativo di alcuni battaglioni dei Carabinieri, e gli atti di tortura subiti dai manifestanti presso la caserma di Bolzaneto, temo che quella vasta ed enorme passione civile e politica si spense assieme alla vita di Carlo ed alle speranze dei numerosi attivisti, militanti e simpatizzanti che provenivano da diverse nazioni per dare vita a quel grandioso movimento di massa. L'ultimo al quale anch'io mi convinsi ad aderire, senza esitazioni, con immediata e piena fiducia, con risolutezza e con sincero entusiasmo interiori.

This page has not been translated into 한국어 yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!

Front page

Βλέπεις κανέναν πόλεμο στις γειτονιές μας;

¡La Guerra Contra las Comunidades del Norte del Cauca, Continúa!

India’s Kashmir Crackdown Poses Risk of War

July 2019 Kate Sharpley Library Bulletin online

Η Αναρχική Ομοσπονδία Σαντιάγο γεννήθηκε

[Chile] Nace La Federación Anarquista Santiago

„Wir wollen da sein, wo es brennt!” – Interview mit dem re:volt Magazine

Maoism vs. Libertarian Socialism? Review of Elliot Liu, Maoism and the Chinese Revolution; A Critical Introduction (2016)

Syndikalismus oder Plattformismus? Syndikalismus UND Plattformismus! – eine Entgegnung

Documentos de la Revolución majnovista (1917-1921)

Ενάντια στον εξουσιαστικό πολιτισμό

A proposito del tema della violenza

Encuentro Ácrata: Conmemorando la Revolución Española

Movie Review: ‘Gun City/Sombra De LA Ley' (2018)

Moving from Crisis in South Africa's Municipalities to Building Counter-Power

Η Mνήμη συνεχίζει να οπλίζει τις μνήμες

Los soviets libres de Ucrania en la historiografía soviética

About the conditions under which we fight and the current state of the anarchist movement in the German-speaking region – for the creation of a revolutionary, platformist organization!

Nuevas tecnologías en el trabajo. El panóptico laboral

Μ. Μπακούνιν: Διαχρονική αξία των ιδεών του

[Book Review] “Anarchist Perspectives in Peace and War 1900-1918” by A.W. Zurbrugg (London: Anarres Editions -Merlin Press, 2018)

Αποχή για την ταξική μας αξιοπρέπεια

O ΠΟΛΕΜΟΣ ΣΑΝ ΕΠΑΝΑΣΤΑΣΗ.

Trump is Not the Main Problem

© 2005-2019 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]