user preferences

Gli ultimi fuochi di Lisbona

category internazionale | imperialismo / guerra | opinione / analisi author Friday August 01, 2008 19:17author by Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Questa Europa nasce come creatura politicamente dominata da classi politiche antidemocratiche su mandato del capitale industrial/finanziario. Questa classe politica ha il compito di effettuare una vasta serie di riforme non solo smantellando le conquiste dei lavoratori nel trentennio successivo alla II Guerra Mondiale, ma di creare una situazione di peggioramento riportando il mondo del lavoro in una situazione ancor più grave di quella che vide il nascere dei movimenti di riscossa di coloro che vivono solo potendo dare in affitto la propria forza-lavoro.


Gli ultimi fuochi di Lisbona


Sembra ormai un dato di fatto, in questa fase della storia europea, non già l'assenza di singoli conflitti aventi natura sociale, quanto l'assenza di conflitti sociali in senso proprio: vale a dire di quei conflitti che a partire dalle questioni socio/economiche giungono a investire la sfera politica, mettendo in discussione gli assetti sociali globali.

La società dello spettacolo e del marketing, della deideologizzazione e della depoliticizzazione (di chi non governa, però), dell'incertezza e della paura per il futuro, dell'analfabetizzazione di ritorno, dell'atomizzazione individuale, dell'affievolimento del concetto stesso di solidarietà, della perdita della speranza (e delle possibilità) di cambiare il mondo, e così via - questa società ha cloroformizzato a livelli estesi la capacità degli oppressi di capire addirittura quali siano i loro veri interessi.

Eppure vari re sono con tutta evidenza nudi. Per quanto ci riguarda lo sono il sistema capitalista - che palesemente ha dimostrato e dimostra di non essere in grado a fare fronte a esigenze sociali anche minime - e le sue superstrutture locali, come l'Unione Europea. Eppure è come se sia stata metabolizzata la propagandata insostituibilità del capitalismo.

Pur tuttavia per rendersi conto delle negatività che si stanno impadronendo dell'Europa non c'è affatto bisogno di collocarsi su posizioni di sinistra radicale. Gli elettori irlandesi, per esempio, non l'hanno fatto, e non ne avevano bisogno. Basta avere chiaro quali siano i propri interessi di cittadini di paesi che, pur dicendosi "democratici" - in senso liberale - tradiscono la stessa formula politica su cui si basano e che li legittimano.

Il problema dell'Unione Europea sta diventando un chiodo fisso, ma la lingua batte dove il dente duole, anche perché sotto la copertura dell'ideologia europeista si stanno massacrando socialmente i cittadini lavoratori del continente con conseguenze di lunga durata.

È sempre più manifesto che si sta costruendo un'Europa del capitale a tutto danno di chi il capitale non possiede; ma a rendersene conto sono ancora in pochissimi.

Questa Europa nasce come creatura politicamente dominata da classi politiche antidemocratiche (anche in un'ottica liberale) su mandato del capitale industrial/finanziario. Questa classe politica - sia nazionale sia di Bruxelles - ha il compito di effettuare una vasta serie di riforme non solo smantellando le conquiste dei lavoratori nel trentennio successivo alla II Guerra Mondiale, ma di creare una situazione di peggioramento riportando il mondo del lavoro in una situazione ancor più grave di quella che vide il nascere dei movimenti di riscossa di coloro che vivono solo potendo dare in affitto la propria forza-lavoro (un tempo si usava a profusione il giusto termine di "proletariato"). La riforma, in corso di approvazione da parte del parlamento italiano, che scippa incostituzionalmente ai precari il diritto a una giusta sentenza, e che non pare che in questa calda estate del 2008 stia sensibilizzando più di tanto la popolazione dello stivale, non è solo una chicca nazionale.

A Bruxelles di recente è stata varata una direttiva europea che consente di elevare in maniera terribile l'orario di lavoro, tanto che (addirittura) alcuni industriali portoghesi l'hanno considerata controproducente ai fini della produttività per lo "stress" accumulato dai lavoratori!

Se già gli eletti nei parlamenti borghesi non sono legati ai loro elettori da "mandato imperativo", figuriamoci i burocrati di Bruxelles, che nemmeno sono stati eletti. Sia i parlamentari nazionali sia i burocrati delle istituzioni europee hanno una paura folle della manifestazione di volontà dei loro cittadini - tant'è che finora solo l'Irlanda ha sottoposto a referendum il Trattato di Lisbona (che sostituisce l'abortita Costituzione Europea). Ora, questo frutto di riservate scrivanie, deve avere l'approvazione di tutti gli Stati-membri per potere entrare in vigore. Per cui il negativo risultato irlandese dovrebbe portare ad elaborare un nuovo testo. Manco a parlarne. Sintomaticamente, la conseguenza è diversa, e di una vomitevole ipocrisia: poiché la necessaria unanimità non si è realizzata per colpa degli spregevoli irlandesi, che non hanno il senso della storia, si dovrà rifare il referendum. Sarkozy ha fatto chiaramente intendere, e il nostro Presidente della Camera dei Deputati, il camerata Gianfranco Fini (il cui naso storto è l'indelebile ricordo di una cazzotto sferratogli da un compagno) ha avuto l'improntitudine di dichiarare che della questione del Trattato di Lisbona si devono occupare i parlamenti nazionali, in quanto... espressione dei popoli! Se in Irlanda si ripeterà il referendum, e se dovessero vincere i "no", sarà amaramente divertente vedere cosa inventeranno i "democratici" politicanti del continente.

Ma in Europa, oltre a lavorare per ridurre i lavoratori a prestatori d'opera senza tutela, abbandonati al "buon cuore" del padrone, già da tempo ci si si è affannati, e ci si affanna ancora, per creare e/o rafforzare situazioni di subalternità di interi paesi agli interessi economici (e conseguentemente politici) dei centri capitalisti e imperialisti europei. La disintegrazione della ex-Jugoslavia (non ancora terminata) rientra in questa logica. Aver fomentato i nazionalismi sloveno, croato, montenegrino e albanese - con il parallelo rafforzamento di quello serbo - ha sicuramente impedito che la Jugoslavia potesse eventualmente diventare il polo di attrazione per la formazione di un mercato comune balcanico, con cui quello europeo avrebbe dovuto fare i conti, economicamente e politicamente. Oggi invece esiste una varietà di borghesie balcaniche parassitarie e mafiose.

Le cose sono andate in modo molto più "soft" in un'altra grande penisola europea: quella iberica. E questo è avvenuto con gli ingressi di Portogallo e Spagna. Questa operazione richiedeva che gli interessi spagnoli (già all'epoca la Spagna era l'ottava potenza industriale a livello mondiale) fossero tutelati a spese di quelli portoghesi, non supportati da una borghesia forte come quella ispanica. Ragion per cui, il Portogallo ha pagato il suo biglietto di ingresso abbandonando al capitale spagnolo quattro settori socio/economici: il mercato agricolo, quello del lavoro, quello della finanza e quello immobiliare. Di modo che l'agricoltura portoghese non doveva essere messa in condizione di fare concorrenza a quella spagnola, la cui produzione ha logicamente invaso il mercato lusitano; le imprese spagnole che si sarebbero installate in Portogallo dovevano trovarvi una forza-lavoro a basso costo; le banche spagnole dovevano poter mettere le mani su quelle portoghesi, altrimenti incapaci di resistere da sole; e il settore immobiliare doveva essere aperto a una sfrenata speculazione, tanto che oggi la crisi di questo settore è maggiore in Portogallo che non in Spagna (dove già è forte). Dulcis in fundo si potrebbe ricordare l'endemico fenomeno estivo degli incendi forestali in Portogallo. Molti agricoltori furono convinti e incentivati a installare nei propri terreni alberi, e soprattutto eucalipti (che rovinano il terreno) con la prospettiva dei guadagni con la vendita del legname e della pasta di legno alle grandi industrie nordeuropee. I periodici incendi dolosi non distruggono la pasta de madeira, ma ne riducono abbondantemente il prezzo di vendita. Nel 1976, Mario Soares, che una certa "sinistra" considera ancora positivamente, ebbe la faccia tosta di sostenere che il Portogallo, nazione in cammino verso il socialismo, era interessato a entrare nella CEE per trasformare l'Europa dei trusts in "Europa dei lavoratori"!

La politica monetaria, la cui incidenza su quella economica in senso lato è di tutta evidenza, viene ormai gestita da altri burocrati specializzati: quelli della Banca Centrale Europea, indipendenti da tutto e tutti. A essere molto meno indipendenti, invece, dovrebbero essere i giudici della Corte di Giustizia Europea, per come è prevista dal Trattato di Lisbona: essi infatti verrebbero nominati... "di comune accordo dai governi degli Stati membri"! Alla faccia dell'indipendenza del potere giudiziario, sancito dalla Costituzione Italiana. Per inciso, di questo specifico problema, e del più generale contrasto fra Trattato di Lisbona e Costituzione Italiana (per esempio in merito al ripudio della guerra) non ritiene di occuparsene il "compagno" Napolitano.

In buona sostanza, a mano a mano che le istituzioni europee continuano a lavorare, e a rafforzarsi, estendendo la sfera della riforma negativa dell'economia e della società, i cittadini europei si troveranno governati da una ristretta cerchia internazionale - intenzionata a introdurre massicciamente il devastante modello statunitense - che si comporteranno come i signori incontrollati di una moderna confederazione repubblicana aristocratica. I cruciali eventi della moderna storia europea, dalla Rivoluzione francese in poi, diventeranno cose da museo, o peggio, da immondezzaio della storia?

Quello che accadrà in Irlanda lo vedremo. Ma a parte ciò resta il fatto che l'anno prossimo ci saranno le elezioni per il parlamento europeo. Non è azzardato ritenere che i partiti della sinistra ormai extraparlamentare (ma ancora non se ne sono accorti) cercheranno una specie di rivincita rispetto alle elezioni politiche nazionali, punteranno a sistemare loro esponenti nei ben pagati scranni bruxellesi, guardandosi certo bene dal concretizzare posizioni antieuropee che potrebbero apparire "politicamente scorrette".

Le prossime scadenze elettorali europee potranno invece essere occasione di una campagna di (contro)informazione semplice e chiara su quello che questa Europa - non dei popoli, ma del capitale e dei suoi burocrati - significa per i cittadini lavoratori, che in buona parte hanno dimenticato di essere sia cittadini, sia lavoratori. In quel bellissimo film anarchico che è "V per Vendetta", a un certo punto il protagonista asserisce l'opportunità di fare in modo che finalmente siano i governi ad avere paura dei loro cittadini. Si concretizzerà mai questa speranza?

Federazione dei Comunisti Anarchici

1 agosto 2008

Related Link: http://www.fdca.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

Prison Sentence to Managing Editor of Anarchist Meydan Newspaper in Turkey

Liberación de la Uma Kiwe, autonomía y territorio: una mirada libertaria para la comprensión de la lucha nasa

Misunderstanding syndicalism

American Anarchist and Wobbly killed by Turkey while fighting ISIS in Rojava

Devlet Tecavüzdür

Attaque fasciste sur la Croix Rousse et contre la librairie libertaire la Plume Noire

Red November, Black November – An Anarchist Response to the Election

Resistance at Standing Rock

1986-2016: 30° anniversario di Alternativa Libertaria/fdca

Internazionale | Imperialismo / Guerra | it

Wed 29 Mar, 15:19

browse text browse image

textGIUSTIZIA PER SAKINE, FIDAN E LEYLA 14:28 Fri 16 Dec by Gianni Sartori 1 comments

Mentre si avvicina la scadenza del processo per l'assassinio delle tre militanti curde, dalle organizzazioni curde arriva la richiesta di fare luce anche sui mandanti

1378325_795285173893636_5297279479773835095_n1.jpg imageStiamo vincendo a Kobanê oggi e vinceremo in tutto il Kurdistan domani! 17:13 Sun 08 Feb by DAF 0 comments

Oggi, le bande criminali che gli Stati avevano creato per i loro interessi si stanno ritirando da Kobanê lasciandosi alle spalle le rovine che hanno provocato. Mentre l'eco della vittoria della resistenza sale per le vie di Kobanê, si rafforza la convinzione della libertà al di sopra delle stesse rovine. Come ebbe a dire il compagno Durruti:"Non abbiamo paura delle rovine". Oggi e domani, a Kobanê ed in molti altri posti, sappiamo che una nuova vita nascerà tra quelle stesse rovine. [English]

binladensnipershotdead.jpg imageOsama Bin Laden: L'uomo che sapeva troppo 18:09 Thu 09 Jun by Melbourne Anarchist Communist Group 0 comments

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha annunciato che le forze speciali USA hanno ucciso Osama bin Laden e altre quattro persone, incluso almeno un membro della sua famiglia. Il mondo non si è certo impoverito con la morte dell'architetto delle atrocità dell'11 settembre 2001 e, visti i suoi standard, bin Laden non può lamentarsi per il trattamento ricevuto. Il problema, comunque, non è questo. [English]

textNATO fuori dall'Afghanistan! 19:37 Thu 17 Apr by Alternative libertaire 0 comments

Lo Stato francese ha scelto la strada della escalation militare in Afghanistan. Non solo si aumenteranno di 1.000 unità le forze sul terreno portandole entro l'estate a 2.700 uomini, ma si manderà un battaglione di 700 soldati in una zona operativa caratterizzata da un'intensità di conflitto superiore a quella dell'area di Kabul dove attualmente è stabilito il quartier generale della task force francese. [ Français ]

textMare Nostrum 23:36 Mon 11 Sep by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La pace nel Mediterraneo infatti non può contare sulle missioni militari di pace, ma solo sulla rinascita della società civile e sulla ripresa dell'autonomia del movimento dei lavoratori in ogni singolo paese, insieme ad una smilitarizzazione ed al disarmo su tutti i fronti.

textI comunisti anarchici dicono BASTA CON LA GUERRA, BASTA CON LO STATO! 19:06 Tue 04 Oct by Northeastern Federation of Anarchist Communists 0 comments

Gli USA devono andarsene immediatamente dall'Iraq e dall'Afghanistan, così come devono smettere di sostenere Israele. Dare sostegno alla persistente occupazione dell'Iraq è una giustificazione per la persistente imposizione del dominio degli Stati Uniti.

imageL’Europa del capitale, 60 anni di distruzione di diritti e democrazia Mar 17 by Alternativa Libertaria/fdca 0 comments

Compie 60 anni il processo di costruzione dell’Unione Europea, iniziato nel 1957 e passato attraverso varie fasi che hanno fatto scempio delle buone intenzioni dei vari movimenti federalisti europei e che oggi alimentano -a destra come in certa sinistra- spinte nazionalitarie e sovraniste che non spostano di un millimetro la questione fondamentale fin dalle origini: il parto tutto capitalistico dello spazio europeo.

textSturmTrump ringrazia Obama Nov 16 by Lucio Garofalo 0 comments

Provo a mettere un po' d'ordine tra le varie interpretazioni e le valutazioni più disparate che ho letto in questi giorni sulla vittoria di Trump (imprevista solo per i media "mainstream") alle elezioni presidenziali USA...

textUno "specchietto" per le allodole o cosa? Aug 02 by Lucio Garofalo 0 comments

Chi ha tutto l'interesse ad arruolare, addestrare e strumentalizzare i miliziani jihadisti, temo che non insegua affatto delle finalità religiose. Mi riferisco a quei manovratori politici che siedono nelle "alte sfere" del potere che agiscono sul terreno internazionale. L'Isis si insinua dentro i conflitti intestini al mondo islamico, in primis nello scontro secolare tra sunniti e sciiti, per rovesciare i rapporti di forza vigenti nel quadro politico arabo-islamico, in regioni geopolitiche e strategiche assai delicate e determinanti per le sorti del capitalismo, quali il Medio Oriente o il Golfo Persico, non soltanto perché ricche di materie prime e giacimenti petroliferi. Da noi, nelle società secolarizzate occidentali, gli ideali religiosi sono stati soppiantati da altri moventi, che costituiscono dei veri e propri surrogati della dimensione religiosa. Mi viene in mente il tifo calcistico, giusto per indicare un esempio...

imageDa Kabul a Strasburgo: la NATO è la guerra! Apr 14 by Alternative Libertaire 0 comments

Lo Stato francese, che ha riunito a Strasburgo i capi di Stato della NATO in occasione del vertice di questa organizzazione al servizio delle politiche imperialiste, ha fatto di tutto perché la contestazione non si potesse esprimere. [Français]

imageRiflessioni sull'attuale scontro interimperialista Oct 02 by Pier Francesco Zarcone 0 comments

Lo scenario internazionale si sta obiettivamente annuvolando. All'imperialismo statunitense, sempre più all'attacco a far tempo dalla implosione dell'URSS, si va contrapponendo un nuovo imperialismo russo, che nell'aggressività del primo trova ottimi appigli per dispiegarsi. Il nazionalismo grande-russo grazie a Stalin ritornò alla grande nella società sovietica (ormai tale di nome, ma non più di fatto), e certamente ha patito le più dolorose ferite nel periodo dalla caduta di Gorbaciov fino all'avvento al potere di Putin...

more >>

imageOsama Bin Laden: L'uomo che sapeva troppo Jun 09 MACG 0 comments

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha annunciato che le forze speciali USA hanno ucciso Osama bin Laden e altre quattro persone, incluso almeno un membro della sua famiglia. Il mondo non si è certo impoverito con la morte dell'architetto delle atrocità dell'11 settembre 2001 e, visti i suoi standard, bin Laden non può lamentarsi per il trattamento ricevuto. Il problema, comunque, non è questo. [English]

textNATO fuori dall'Afghanistan! Apr 17 AL 0 comments

Lo Stato francese ha scelto la strada della escalation militare in Afghanistan. Non solo si aumenteranno di 1.000 unità le forze sul terreno portandole entro l'estate a 2.700 uomini, ma si manderà un battaglione di 700 soldati in una zona operativa caratterizzata da un'intensità di conflitto superiore a quella dell'area di Kabul dove attualmente è stabilito il quartier generale della task force francese. [ Français ]

textMare Nostrum Sep 11 FdCA 0 comments

La pace nel Mediterraneo infatti non può contare sulle missioni militari di pace, ma solo sulla rinascita della società civile e sulla ripresa dell'autonomia del movimento dei lavoratori in ogni singolo paese, insieme ad una smilitarizzazione ed al disarmo su tutti i fronti.

textI comunisti anarchici dicono BASTA CON LA GUERRA, BASTA CON LO STATO! Oct 04 NEFAC 0 comments

Gli USA devono andarsene immediatamente dall'Iraq e dall'Afghanistan, così come devono smettere di sostenere Israele. Dare sostegno alla persistente occupazione dell'Iraq è una giustificazione per la persistente imposizione del dominio degli Stati Uniti.

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]