user preferences

Upcoming Events

Anti-fascism

No upcoming events.
italia / svizzera / antifascismo / comunicato stampa Saturday December 17, 2016 01:56 byAlternativa Libertaria/fdca

Sulla Carta non cambierà niente.
Le modifiche alla Costituzione, presentate dal governo Renzi e sostenute da variegate espressioni del capitalismo italiano, sono state respinte dal voto con un NO senza attenuanti.

Referendum costituzionale: sconfitta l’arroganza del potere.

Sulla Carta non cambierà nulla.

Le modifiche alla Costituzione, presentate dal governo Renzi e sostenute da variegate espressioni del capitalismo italiano, sono state respinte dal voto con un NO senza attenuanti.

Ne esce sconfitta l’arroganza di un governo che voleva semplicemente mettere nero su bianco quanto già succedeva da anni (e probabilmente continuerà a succedere) nei rapporti tra potere esecutivo e potere legislativo e tra potere centrale dello Stato ed autonomie regionali: il prevalere delle decisioni del governo in ogni caso, il comando di una minoranza che si impone col premio con un bonus maggioritario.

Ma se un leader politico ed il suo governo soccombono, al tempo stesso non ne esce sconfitta la classe capitalista di cui i governi succedutisi in questi anni di crisi sono stati espressione.

Le centrali e le agenzie del capitalismo euro-italiano, che hanno sostenuto le ragioni del SI, sono saldamente al comando del paese, pronte a riorganizzare la loro espressione politica al governo con un governo di transizione o con prossime elezioni.

Del resto, non manca loro qualche consolazione dalla vittoria del NO, considerata la cospicua presenza di forze tutt’altro che anticapitalistiche che se ne facevano bandiera.

La sconfitta di un leader politico arrogante e pericoloso, talmente tronfio da organizzare persino il tempo ed il luogo della sua debacle, questa sconfitta, registra con particolare evidenza tre aspetti:

- ha vinto un NO per negare la personificazione del potere e della sua arroganza ed a cui contrapporre una resistenza sul piano dei valori della Costituzione;

- ha vinto un NO che è protesta, disagio, rabbia e insopportabilità delle condizioni di vita espresso da generazioni, ceti e realtà sociali di classe lavoratrice abbandonati nei vortici della crisi economica, e che sempre con più difficoltà riescono a darsi rappresentanza sociale e politica, rischiando spesso di essere strumentalizzati da opportunisti di tutte le risme;

- ha vinto un NO che è speculazione politica, pronto a farsi arrogante e servo delle compatibilità capitalistiche se solo gli fosse consentito di farsi potere.

Il potere in carica ha costruito con arroganza la sua stessa sconfitta, è stato travolto da una valanga di NO, ma -ancora una volta, purtroppo- non deve temere alcuna opposizione sociale e politica organizzata che abbia la forza di invertire le politiche sociali ed economiche di questi 8 anni di crisi.

Una volta assegnate quote di NO alla destra estrema, a partiti come Forza Italia, M5S, Lega e frange del PD, resta però la parte espressa da forze sociali, sindacali e politiche di quella sinistra ampia che ha contestato e respinto la riforma costituzionale e che in questi anni ha cercato di opporsi al Jobs Act ed alla legge 107 sulla scuola, alle grandi opere inutili ed allo sfruttamento dei beni comuni.

Sulle rotte di questo arcipelago diversificato di forze sociali e sindacali, politiche e culturali, occorre far viaggiare un progetto di coalizione, di costruzione di un fronte che trasformi il NO in azione sociale costante, con la creazione di un’opposizione sociale immediatamente riconoscibile come alternativa a tutte le declinazioni del renzismo, al capitalismo, al razzismo e al tempo stesso portatrice di un nuovo mondo, più libertario più giusto.

Prima chance: l’abrogazione del Jobs Act in primavera.

ALternativa Libertaria/fdca

Ελλάδα / Τουρκία / Κύπρος / Αντιφασισμός / Ανακοίνωση Τύπου Monday December 12, 2016 14:43 byαναρχική ομάδα “δυσήνιος ίππος”

Το Σάββατο 10/12 οι ναζί της Χρυσής Αυγής, άφαντοι στην πόλη της Πάτρας τα τελευταία χρόνια, επιχείρησαν στα κρυφά, χωρίς καμιά δημόσια ανακοίνωση νωρίτερα, να πραγματοποιήσουν εκδήλωση στα γραφεία τους με τον ευρωβουλευτή Επιτήδειο. Και αυτό γιατί την τελευταία φορά που το ανακοίνωσαν από πριν δεν κατάφεραν καν να προσεγγίσουν τα γραφεία τους (ενώ 2-3 που βρίσκονταν σε αυτά παρέμειναν εκεί εγκλωβισμένοι για ώρες), ύστερα από την άμεση συγκέντρωση αντιφασιστών στο χώρο.

Για την αντιφασιστική συγκέντρωση του Σαββάτου 10 Δεκέμβρη στην Πάτρα

Το Σάββατο 10/12 οι ναζί της Χρυσής Αυγής, άφαντοι στην πόλη της Πάτρας τα τελευταία χρόνια, επιχείρησαν στα κρυφά, χωρίς καμιά δημόσια ανακοίνωση νωρίτερα, να πραγματοποιήσουν εκδήλωση στα γραφεία τους με τον ευρωβουλευτή Επιτήδειο. Και αυτό γιατί την τελευταία φορά που το ανακοίνωσαν από πριν δεν κατάφεραν καν να προσεγγίσουν τα γραφεία τους (ενώ 2-3 που βρίσκονταν σε αυτά παρέμειναν εκεί εγκλωβισμένοι για ώρες), ύστερα από την άμεση συγκέντρωση αντιφασιστών στο χώρο.

Μόλις αντιληφθήκαμε τη συγκέντρωση των φασιστών, αρκετοί σύντροφοι και συντρόφισσες επιλέξαμε να πορευτούμε συγκροτημένα προς τα γραφεία της χρυσής αυγής με στόχο να εμποδίσουμε την πραγματοποίηση της εκδήλωσής τους. Όταν πλησιάσαμε στο σημείο, μια διμοιρία ΜΑΤ μας έκλεισε το δρόμο, προστατεύοντας ακόμα μια φορά τους δολοφόνους ναζί. Σταθήκαμε συγκροτημένα μπροστά στους μπάτσους φωνάζοντας συνθήματα, τονίζοντας πως οι φασίστες είναι ανεπιθύμητοι στην πόλη. Έπειτα από περίπου μία ώρα οι φασίστες αποχώρησαν από τα γραφεία τους υπό την προστασία των μπάτσων.

Από την πλευρά μας βρεθήκαμε ως αναρχικοί στην αυθόρμητη αντιφασιστική συγκέντρωση αντιλαμβανόμενοι ως επιτακτική την ανάγκη άμεσης αναχαίτισης του ναζιστικού συρφετού της χρυσής αυγής όπου αυτός εμφανίζεται και τη σημασία της κοινωνικής ανάδειξης του ρόλου που διαδραματίζει το ίδιο το κράτος στη συγκρότηση του σύγχρονου φασιστικού παρακράτους.

Από τις επιθέσεις των παρακρατικών φασιστών στις καταλήψεις στέγης των προσφύγων και ευρύτερα σε αυτοδιαχειριζόμενους και κατειλημμένους χώρους του αγώνα, τους εμπρησμούς στα κέντρα κράτησης, μέχρι την κρατική καταστολή και την εκκένωση των καταλήψεων στέγης προσφύγων στη Θεσσαλονίκη, το στοίβαγμα των προσφύγων και των μεταναστών σε στρατόπεδα συγκέντρωσης, τον εξευτελισμό και την φυσική εξόντωση τους στα σύνορα της Ευρώπης-φρούριο είναι ολοφάνερη η βαρβαρότητα ενός καθεστώτος που γεννά τον πόλεμο και την εξαθλίωση, που χρησιμοποιεί τις φασιστικές συμμορίες για να χτυπήσει τους μετανάστες, τους πρόσφυγες και όσους αγωνίζονται, αλλά και για να εκφοβίσει όσους έχουν κάθε λόγο να αντισταθούν. Ένα καθεστώς που ανεξάρτητα από τον πολιτικό του διαχειριστή είναι πάντοτε εναρμονισμένο στην κατεύθυνση της δημιουργίας μιας κοινωνίας-κάτεργο. Απέναντι σε αυτό το καθεστώς, οι από τα κάτω έχουν μόνο ένα δρόμο να διαβούν, αυτόν της αυτοοργάνωσης, της αντίστασης και της αλληλεγγύης. Της κοινωνικής αυτοάμυνας και της δημιουργίας δομών ταξικής αλληλοβοήθειας. Να προτάξουμε την κοινωνική και ταξική αυτοοργάνωση, τους κοινούς αγώνες ντόπιων και μεταναστών/προσφύγων ενάντια στη φτώχεια, την εξαθλίωση, τον φόβο, τον ρατσισμό και την κρατική και παρακρατική τρομοκρατία. Να προωθήσουμε τον διαρκή αγώνα για την παγκόσμια κοινωνική επανάσταση, την αναρχία και τον ελευθεριακό κομμουνισμό.

ΑΛΛΗΛΕΓΓΥΗ ΣΕ ΠΡΟΣΦΥΓΕΣ ΚΑΙ ΜΕΤΑΝΑΣΤΕΣ

Ο ΦΑΣΙΣΜΟΣ ΤΣΑΚΙΖΕΤΑΙ ΣΤΟ ΔΡΟΜΟ ΑΠΟ ΤΟΝ ΚΟΣΜΟ ΤΟΥ ΑΓΩΝΑ

ΚΟΙΝΩΝΙΚΗ ΑΥΤΟΟΡΓΑΝΩΣΗ-ΤΑΞΙΚΗ ΑΛΛΗΛΕΓΓΥΗ-ΜΑΧΗΤΙΚΗ ΑΝΤΙΣΤΑΣΗ

αναρχική ομάδα “δυσήνιος ίππος” – μέλος της Αναρχικής Πολιτικής Οργάνωσης

mashrek / arabia / irak / antifascismo / cronaca Wednesday December 07, 2016 21:01 byVario

Il volontario statunitense che si era unito alla milizia delle YPG e che è caduto combattendo contro l'ISIS in Rojava questa settimana era un anarchico ed iscritto all'Industrial Workers of the World. E' morto vittima di un bombardamento aereo turco diretto a colpire i combattenti curdi che stavano incalzando i clerico-fascisti dell'ISIS. [English]


ANARCHICO AMERICANO UCCISO COMBATTENDO CONTRO L'ISIS IN ROJAVA

Il volontario statunitense che si era unito alla milizia delle YPG e che è caduto combattendo contro l'ISIS in Rojava questa settimana era un anarchico ed iscritto all'Industrial Workers of the World. E' morto vittima di un bombardamento aereo turco diretto a colpire i combattenti curdi che stavano incalzando i clerico-fascisti dell'ISIS.

Lo scorso agosto, poco dopo essere ritornato in Rojava, Mike Israel aveva scritto

"Con la liberazione di Manbîc, le YPG e le YPJ sono più vicine a tagliare all'ISIS i collegamenti logistici con la loro base al di là del confine turco per il trasporto di persone e rifornimenti. Una volta tagliata questa linea di rifornimento, l'ISIS resterebbe del tutto isolato.

Per voi che siete in Occidente, questo significa che loro non saranno più in grado di trasferire così facilmente i loro uomini negli Stati europei.

La Rojava sta così rendendo più sicure le vostre vite dal pericolo di questi fascisti, pur vivendo così lontano dai loro confini. Per favore non dimenticate i sacrifici che la Rojava ha fatto per contrastare e contenere le bande criminali dell'ISIS.
"


Due settimane dopo aveva scritto

"Eccone una davvero bella, USA. Dopo che le YPG hanno buttato l'ISIS fuori da Manbîc e liberato l'area, siamo in stallo mentre lo stato turco fa incursioni in Siria e pretende che le forze della Rojava si ritirino subito da tutto il territorio che hanno conquistato finora."


-
Mike è quello a sinistra nella foto in alto e quello vestito di blu nella foto in basso. Il cartoncino rosso che ha nelle mani è la sua tessera dell'IWW.

************

Volontario internazionale con le YPG ucciso dall'aviazione turca combattendo contro l'ISIS

http://kurdishquestion.com/article/3662-international-y...dated

Due volontari delle Unità di Difesa Popolari (YPG), l'americano della California Michael Israel (Robin Agiri,di 27 anni) ed il tedesco Anton Leschek (Zana Ciwan), sono stati uccisi da aerei di guerra turchi lo scorso 24 novembre come reso noto da un altro volontario internazionale che combatteva con i due caduti a ovest di Manbij, contro l'ISIS.

Così scrive sulla sua pagina Facebook, il volontario internazionale che era col gruppo colpito dagli aerei turchi:

"Stavamo prendendo un piccolo villaggio quando siamo stati colpiti da aerei turchi nel corso della notte. Due miei amici, Anton e Michael sono stati uccisi insieme a molti altri. Resterò a finire i miei 6 mesi. Che Erdogan e la Turchia si fottano."

Le YPG hanno informato le famiglie di entrambi i caduti.

Un altro compagno di Micheal Israel ha postato il seguente messaggio sulla sua pagina Facebook:

"E' con la morte nel cuore che ho appreso oggi della morte del mio heval [amico] Michael Israel mentre combatteva come volontario con le YPG contro l'ISIS in Rojava. Michael era un uomo di fortissime convinzioni; un combattente idealista ed ispirato, che lottava come nessun altro per un mondo migliore, non solo per il bene del Kurdistan e per un'America migliore. Ha dedicato tutta la sua vita a combattere il sistema di ingiustizie che nega la pace ed a visitare diversi paesi per diffondere una piena consapevolezza contro la guerra in Iraq. Ha condiviso con tutti l'esperienza e gli insegnamenti acquisiti in Siria ed in altri stati. E' morto nel modo in cui è vissuto, ciò che lascia è di esempio di come dovrebbe essere un vero rivoluzionario. La storia lo esalterà come uno dei più grandi della nostra generazione, al pari di molti altri. Mi ha insegnato molto. Non lo dimenticherò mai. Riposa in pace heval"

In base ad alcune fonti, Michael Israel era un socialista iscritto all'IWW (Industrial Workers of the World).

In un messaggio su Facebook dell'11 agosto 2016, così scriveva Israel, che aveva passato due periodi in Rojava:

"Sono tornato in Rojava e resterò qui per i prossimi mesi a difendere la rivoluzione.

La lotta in Rojava è il movimento rivoluzionario più dinamico e più conflittuale nella realtà dei nostri tempi. Sono convinto che compito degli alleati e degli internazionalisti di sinistra sia quello di supportare questo movimento, per sostenerlo e per trarne insegnamenti. Le cose che abbiamo solo sognato o teorizzato negli scritti sono ora esperienza viva in Rojava, modificate ed adattate per la loro lotta e rese reali. In Rojava si sta facendo tutto questo e si sta riorganizzando la società nonostante il caos e le distruzioni di 5 anni di guerra civile. Le conquiste della rivoluzione in queste dure ed austere condizioni sono state davvero notevoli.

Ora che sono tornato in Rojava, so che non mi mancherà nulla. So che qui non soffrirò della privazione delle cose necessarie a causa della mancanza di soldi. Io, come tutti in Rojava, non resteremo mai senza cibo e senz'acqua, senza vestiti o senza un posto in cui potersi riposare di notte. Questo movimento si prende cura delle persone.

Il che non vuol dire che la Rojava e la Siria non abbiano bisogno di aiuto.

Faccio appello a tutti i miei amici ed ai compagni perchè imparino dalla rivoluzione in Rojava e sappiano di come qui ci si sia presi il carico di guidare la guerra contro i fascisti dell'ISIS. Faccio appello a tutti voi di fare la vostra parte per quello che potete sostenendo o mandando donazioni affinchè questa rivoluzione possa diventare più forte con l'aiuto della comunità internazionale.
"


Michael Israel è il quinto americano volontario con le YPG che muore in battaglia in Rojava contro l'ISIS, ma è il primo che cade per mano turca.

Anton Leschek è il quarto tedesco che rimane ucciso nei ranghi delle forze curde.

Non si sa quante altre vittime abbiano fatto gli attacchi aerei turchi nelle file delleYPG, che è la forza guida all'interno delle multietniche Forze Democratiche Siriane che hanno lanciato l'operazione "Collera dell'Eufrate" per liberare Raqqa dall'ISIS.

*******************

Comunicato del Consiglio Militare di Manbij su Michael Israel ed Anton Leschek, uccisi dall'aviazione turca in Siria

http://kurdishquestion.com/article/3663-mmc-statement-o...syria

Il Consiglio Militare di Manbij ha diramato un comunicato sui due volontari internazionalisti che sono morti recentemente sotto l'aviazione turca.

Lo statunitense Michael Isreal (Robin Agiri) ed il tedesco Anton Leschek (Zana Ciwan) sono stati uccisi da attacchi aerei turchi il 24 Novembre 2016.

Il comunicato dice che entrambi erano rimasti a Manbij dopo la liberazione della città dall'ISIS avvenuta il 15 agosto scorso per "assistere le unità locali di Manbij nella difesa della regione. Specialmente dopo che una forza di occupazione era entrata sullo scenario di guerra siriano, questi volontari che non tolleravano il terrore e l'oppressione, non potevano accettare che l'occupazione turca minacciasse Manbij e la Siria del nord."

Il comunicato dice che Michael Israel si era unito alla rivoluzione nel luglio 2016 con la motivazione di voler "proteggere la rivoluzione popolare in Rojava e lottare contro i nemici della rivoluzione."

Anton Leschek viene descritto come "giovane tedesco senza paura" che si era unito al Consiglio Militare di Manbij nel settembre 2016.

Leschek ebbe a dichiarare: "Per me la vera lotta è in Rojava, perchè qui il popolo non si arrende nè alla tirannia nè al terrore. Sosterrò questa rivoluzione democratica fino alla fine."

Il comunicato conferma che entrambi sono stati uccisi dagli aerei turchi a ovest di Manbij il 24 Novembre dove "il consiglio continua a reggere una fiera resistenza contro le forze di occupazione turche e i terroristi a loro affiliati."

La Turchia, insieme a gruppi del Libero Esercito Siriano (FSA) ha lanciato il 24 agosto, 10 giorni dopo la liberazione di Manbij dall'ISIS, l'operazione "Scudo Eufrate".

Sebbene tale operazione sia stata apparentemente lanciata per estromettere l'ISIS dall'area, in realtà non ha fatto altro che prendere di mira sempre di più le posizioni del Forze Democratiche Siriane, di cui il Consiglio Militare di Manbji fa parte.

Secondo alcuni commentatori la Turchia vuole impedire che i Curdi acquistino posizioni nella regione ed allo stesso tempo indebolire il sistema democratico costruito nella Siria settentrionale.

Esponenti delle forze militari curde hanno dichiarato che la Turchia punta a creare un mini-stato sunnita nelle aree che ha occupato.

Recentemente il presidente turco Erdogan ha dichiarato che sono intervenuti in Siria per "mettere fine al governo di Assad."

mashriq / arabia / iraq / anti-fascism / feature Saturday December 03, 2016 15:14 byVarious
featured image

Selection of articles on the murder of anarchist Michael Israel, together with volunteer Anton Leschek, while fighting with the YPG against ISIS fascists in Rojava. They were bombed by Turkish airplanes.

[Italiano]

Γαλλία / Βέλγιο / Λουξεμβούργο / Αντιφασισμός / Νέα Friday November 25, 2016 16:41 by«La Plume Noire»

Συγκέντρωση χρημάτων για την υποστήριξη του «La Plume Noire» και των δραστηριοτήτων του

Συγκέντρωση χρημάτων για την υποστήριξη του «La Plume Noire» και των δραστηριοτήτων του

Μετά τη φασιστική επίθεση στο βιβλιοπωλείο «La Plume Noire» που πραγματοποιήθηκε στις 19 Νοεμβρίου 2016, η ομάδα του «La Plume Noire» απευθύνει έκκληση για αλληλεγγύη, προκειμένου να συνεχίσει τη δραστηριοποίησή του σε αξιοπρεπείς συνθήκες.
Διατηρώντας αυτόν το χώρο ζωντανό και ακόμα αναπτύσσοντά τον ως ένα κεντρικό σημειο αναφοράς για τους λαϊκούς αγώνες και το αναρχικό κίνημα, είναι ο καλύτερος τρόπος για να απαντήσουμε στις απειλές της ακροδεξιάς.

Τέλος πάντων, λίγο, πολύ, με χαρά και πάθος, δώστε ό, τι μπορείτε!

-Μέσω ίντερνετ στο https://www.lepotcommun.fr/pot/ukh1owag

-Στέλνοντας τσεκ στο
«La Plume Noire»
8 rue Diderot
69001 Lyon
France

-Μέσω τράπεζας «La Plume Noire»
IBAN: FR16 2004 1010 0711 8625 8J03 850

This page has not been translated into 한국어 yet.

This page can be viewed in
English Italiano Català Ελληνικά Deutsch



Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Anti-fascism

Mon 16 Jan, 17:45

browse text browse image

cameradeideputati1.jpg imageItalia - Referendum costituzionale, sconfitta l'arroganza del potere Dec 17 01:56 by Alternativa Libertaria/fdca 0 comments

15492140_385104425165921_6011479682811637548_n.jpg imageΗ αντιφασιστική `... Dec 12 14:43 by αναρχική ομάδα “δυσήνιος ίππος” 0 comments

15241785_10209403311172933_3995120781899577416_n_1.jpg imageAnarchico Americano e 'Wobbly' uccisi dalla Turchia, mentre combatteva ISIS in Rojava Dec 07 21:01 by Vario 0 comments

15241785_10209403311172933_3995120781899577416_n.jpg imageAmerican Anarchist and Wobbly killed by Turkey while fighting ISIS in Rojava Dec 03 15:14 by Various 1 comments

laplumenoirenouvellefacade9608.jpg imageΥποστηρίξτε το «La Plume ... Nov 25 16:41 by «La Plume Noire» 0 comments

cga_3.jpg imageFascistische aanval in Croix Rousse (Lyon) en tegen de anarchistische boekenwinkel La Plum... Nov 24 18:35 by Coordination des Groupes Anarchistes - Lyon 0 comments

cga_2.jpg imageAttacco fascista in Croix Rousse (Lione) ed alla libreria anarchica la Plume Noire Nov 24 18:19 by Coordination des Groupes Anarchistes - Lyon 0 comments

300_0___20_0_0_0_0_0_arton214.jpg imageΦασιστική επίθεσ... Nov 22 20:05 by Coordination des Groupes Anarchistes 0 comments

cga_1.jpg imageAtaque fascista en la Croix-Rousse en contra de la librería libertaria la Plume Noire Nov 22 15:35 by Coordination des Groupes Anarchistes - Lyon 0 comments

cga.jpg imageFascist attack in Croix Rousse (Lyon) and on the anarchist bookstore la Plume Noire Nov 22 03:13 by Coordination des Groupes Anarchistes - Lyon 4 comments

arton214.jpg imageAttaque fasciste sur la Croix Rousse et contre la librairie libertaire la Plume Noire Nov 21 16:17 by Coordination des Groupes Anarchistes - Lyon 2 comments

phph7o5u6am.jpg imageHDP arrests: on the road to dictatorship in Turkey Nov 15 00:40 by Francis O'Connor 0 comments

ourdreamsblurry.jpg imageΚανείς δεν έρχετ^... Nov 12 18:10 by First of May Anarchist Alliance 0 comments

iwanttomakeamericagreatagain.jpg imageTrump’s victory speaks to a crumbling liberal order Nov 10 14:38 by Jerome Roos 1 comments

cn808dwiaaranl_1.jpg imageGli artigli del califfo: Erdoğan e i Curdi Nov 10 06:04 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

cn808dwiaaranl.jpg imageLos zarpazos del Califa: Erdoğan y los kurdos Nov 09 05:42 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

textIN MEMORIA DI DUE ANTIFASCISTI Oct 08 21:40 by Gianni Sartori 0 comments

030416trumpc_fitbox_1000x1000.jpg imageIs Trumpism Fascism? Oct 07 08:34 by Wayne Price 3 comments

cf89cf81ceb1ceb9cebfcebaceb1cf83cf84cf81cebf1.jpg imageΣυγκέντρωση στο ]... Sep 19 20:13 by Συλλογικότητα για τον Κοινωνικό Αναρχισμό «Μαύρ 0 comments

14322692_644223005744531_4289434076265418037_n.jpg imageΚράτος-κεφάλαιο ^... Sep 15 19:10 by Αναρχική Πολιτική Οργάνωση 0 comments

20160728t231731z_1_lynxnpec6r1mc_rtroptp_4_australiaelectionfarright.jpg imageRise and rise of the extreme right Sep 01 17:13 by Melbourne Anarchist Communist Group 0 comments

textItalia, Vittorio Veneto: L'antifascismo oggi Aug 30 03:55 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

cc9oxc8xeaiipd5.jpg imageUna lengua, una raza, una bandera, una religión: Erdoğan y su proyecto nacional-islam... Aug 09 01:24 by José Antonio Gutiérrez D. 1 comments

turkey_coup_2737355_1.jpg imageDarbe Devlettir, Devrim Özgürlük! Jul 20 04:54 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

turkey_coup_2737355.jpg imageCoup is the State, Revolution is Liberty! Jul 20 04:41 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

169912_600_1.jpg imageLe coup d'État raté, un "don de Dieu" pour exacerber la dérive autoritaire en Turquie Jul 18 06:00 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

169912_600.jpg imageUn “regalo de Dios”: el fallido golpe militar y la profundización del autoritarismo turco Jul 17 05:54 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

tinderbox_turkey__marian_kamensky.jpeg imageKurdish Movement Releases Statement on Turkey Coup Attempt Jul 17 02:12 by Kurdish Question 0 comments

front.png imageFascism, Anti-fascism, and a coffee shop full of white liberals Jun 18 17:36 by GeorgeK 0 comments

casapoundstudentspietrochiocca600x378.jpg imageΦασισμός στην Ευ`... Jun 12 18:04 by Martin Smith - Tash Shifrin 0 comments

more >>
© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]