user preferences

greece / turkey / cyprus / repression / prisoners / news report Wednesday February 15, 2017 01:02 byDevrimci Anarşist Faaliyet

Revolutionary Anarchist prisoner and Anarchist Meydan Newspaper writer Umut Fırat Süvarioğulları has ended his hunger strike action that he started on December 11, 2016, against the conditions of State Of Emergency (SOE) he was exposed in Izmir Yenisakran T Type Prison number 4, where he was "transferred for exile", being forced with 20 people to stay in 14 person cells and sleep on torn beds with blood, against continued pshycological pressure, torture and unrecognition of his revolutionary anarchist political identity, on its 55. day.

Prison administration took a back step as a result of Umut Fırat's determined struggle and they changed his cell as per the demands of our comrade. Comrade Umut Fırat communicated through his family, that he ended his hunger strike when his demands were met and his health condition is fine.
The victory that comrade Umut Fırat won on the 55th day of his hunger strike against the practices that create a SOE inside SOE in prisons , is a response to state institutions that want to take advantage of the arbitrariness and flexibility of the SOE process. The victory is also a victory in the name of all prisoners who are exposed to similar practives in the SOE process.

Umut Fırat's struggle that he carried out with determination, were supported with solidarity actions in the geography that we live in and in other parts of the world; trying to add voices to his voice. We salute all revolutionary organizations that didn't leave him alone and everyone who showed solidarity during the hunger strike action of comrade Umut Fırat Süvarioğulları.

Long Live Anarchist Solidarity!
Umut Fırat Süvarioğulları Is Not Alone!
Revolutionary Hearts Will Destroy The Cells!

yunanistan / türkiye / kıbrıs / repression / prisoners / news report Wednesday February 15, 2017 01:00 byDevrimci Anarşist Faaliyet

Devrimci anarşist tutsak ve Anarşist Meydan Gazetesi yazarı Umut Fırat Süvarioğulları, “sürgün sevki”nin gerçekleştiği İzmir Yenişakran 4 No’lu T Tipi Hapishanesi’nde maruz kaldığı OHAL koşullarına, 14 kişilik odalara 20 kişi yerleştirilmesine, parçalanmış kanlı yataklarda yatılmaya zorlanmasına, psikolojik baskının ve işkencenin sürekli bir şekilde devam ettirilmesine ve devrimci anarşist siyasi kimliğinin yok sayılmasına karşı 11 Aralık 2016 tarihinde başlattığı açlık grevi eylemini 55. gününde sonlandırmıştır.

Hapishane yönetimi Umut Fırat’ın kararlı mücadelesi sonucunda geri adım atmış ve yoldaşımızın açlık grevine konu olan talepleri doğrultusunda kaldığı odayı değiştirmiştir. Yoldaş Umut Fırat taleplerinin karşılanmasıyla birlikte açlık grevi eylemini sonlandırmış olduğunu ve sağlık durumunun iyi olduğunu ailesi aracılıyla bildirmiştir.

Yoldaş Umut Fırat’ın hapishanelerde OHAL içerisinde OHAL yaratan uygulamalara karşı açlık grevinin 55. gününde ulaştığı kazanım, OHAL sürecinin keyfiyetinden ve esnekliğinden faydalanmak isteyen tüm devlet kurumlarına verilmiş bir cevaptır. Bu kazanım aynı zamanda, OHAL sürecinde söz konusu uygulamalara maruz kalan tüm tutsaklar adına bir kazanımdır.

Umut Fırat’ın kararlılıkla sürdürdüğü bu mücadele, yaşadığımız coğrafyada ve dünyanın farklı yerlerinde yapılan dayanışma eylemleriyle desteklenmiş; onun sesine ses katılmaya çalışılmıştır. Yoldaş Umut Fırat Süvarioğulları’nın açlık grevi eylemi süresince onu yalnız bırakmayan tüm devrimci kurumları ve dayanışma gösteren herkesi selamlıyoruz.

Devrimci Yürekler Yıkılacak Hücreler!
Umut Fırat Süvarioğulları Yalnız Değildir!
Yaşasın Devrimci Dayanışma!

argentina/uruguay/paraguay / represión / presos / anarchist communist event Monday February 06, 2017 17:54 byFederación de Organizaciones de Base

Desde la Federación de Organizaciones de Base -Regional Corrientes- convocamos para este Martes 7 de Febrero a todas las organizaciones y militantes del campo popular a movilizarnos en solidaridad con compañeras de la FOB a quienes se cita a declarar en una causa judicial vinculada a la jornada de lucha del pasado 4 de Octubre en reclamo de colectivo para viajar al Encuentro Nacional de Mujeres, a partir de lo cual fueron reprimidas en la bajada del puente y luego detenidas y torturadas por la policía bajo las ordenes de Colombi y su secretario Álvarez. Las citaciones se darán desde el 7 hasta el 10 de Febrero a las 9hs. La movilización se concentrará el martes a las 8hs en Plaza Vera para dirigirse hasta el Juzgado de Instrucción n 1 cito en Pellegrini 1058.

En un contexto nacional donde se profundiza el ajuste y los sectores populares nos vemos cada vez mas empujados a las calles para defender derechos básicos como el alimento o la propia vida de las mujeres, los gobiernos a lo largo y ancho del país acentúan la criminalización de la pobreza y la protesta social. Con herramientas heredadas como la ley antiterrorista o con nuevos procedimientos como el protocolo antipiquetes buscan no solo legitimar la represión sino ademas barrer con todos los logros de la lucha por los derechos humanos en el país, tal como lo indican sin pelos en la lengua los propios funcionarios reaccionarios y fascistas del gobierno nacional.

En la provincia de Corrientes el gobierno de Colombi alineado al macrismo ha fracasado desde el 2016 primero en su intento de prohibir las manifestaciones frente a casa de gobierno y luego en su intento de implementar un protocolo anti piquetes "adaptado" con la modalidad de corte de media calzada. Contra la resistencia y unidad de lxs de abajo no pudieron sacarnos de las calles. Finalmente desataron una brutal represión y cacería sobre una manifestación pacífica de la FOB en Octubre de 2016, pero nuevamente y a pesar de la gravedad de esa respuesta del gobierno la fuerza del poder popular logro torcer el brazo del estado y su aparato represivo con una enorme solidaridad hacia las compañeras reprimidas y detenidas que se extendió desde la provincia de Corrientes hacia todo el país.

Es así que llegamos a esta instancia donde el gobierno provincial avanza judicializando la protesta social y poniendo en marcha mecanismos represivos orientados a la infiltración e inteligencia sobre las organizaciones populares. La celeridad de la "justicia" para intimar a nuestras compañeras desocupadas contrasta fuertemente con el archivamiento de nuestras denuncias a oficiales de la policía por torturas y vejaciones.

Entendemos que esta embestida del gobierno de Colombi no esta aislada del contexto nacional y por eso mismo no es contra nosotras sino contra todo el campo popular, el avance de este caso de judicialización por luchar sentaría un terrible precedente en la provincia y se constituiría en ejemplificador para imponer el miedo y la aceptación pasiva de un modelo político de despojo y pobreza creciente.

Pero sabemos que tenemos herramientas propias como la unidad, la sororidad y la solidaridad de clase, y con ellas potenciando la acción directa el gobierno nos escuchará gritar una vez mas:


¡¡¡ARRIBA LXS QUE LUCHAN!!!

italia / svizzera / repressione / prigionieri / intervista Monday February 06, 2017 15:28 byGianni Sartori

Dal passato recente, una testimonianza "scomoda" sull'universitario carcerario e sulla repressione del dissenso politico che colpiva anche i familiari

Questa intervista risale al 1995. In teoria avrebbe dovuto uscire su “Frigidaire”, ma per ragioni varie (la mancata uscita del mensile per due-tre numeri consecutivi) era poi finita nel dimenticatoio. In seguito (1996) trovò momentanea ospitalità su “La Fucina”, opuscolo ciclostilato del Collettivo vicentino Spartakus. E' perciò possibile che sia già stata letta, all'epoca, da una cinquantina di persone. Tenendo conto della durata media della vita e dei tempi inclementi, così come sono scomparsi lo stesso Gallinari e alcune delle donne di cui si parlava nel libro, è probabile che nel frattempo siano deceduti anche un quarto o un terzo di costoro.

Quindi (per quanto “datata”) questa testimonianza è praticamente, se non proprio inedita, sconosciuta ai più e forse non priva di interesse. Un tassello per storicizzare quel periodo, gli anni settanta e per contribuire all'assunzione di una autentica memoria storica. Buona lettura.
GS

DALL'ALTRA PARTE DELLA REPRESSIONE: LE DONNE DEI DETENUTI POLITICI IN ITALIA
(UN INCONTRO CON PROSPERO GALLINARI)

(intervista di Gianni Sartori)

Prima di rispondere alle domande Prospero Gallinari* vuole fare una breve premessa, ricordare che “oggi, 1995, circa 150 compagni, rinchiusi nelle galere italiane, subiscono ancora la vendetta di uno Stato che non esiste più”.
Aggiungendo che “insieme alle vite dei prigionieri in qualche modo lo Stato ha sequestrato anche le vite dei loro familiari”.
L'occasione per questo incontro è stata la presentazione del libro “DALL'ALTRA PARTE: L'odissea quotidiana delle donne dei detenuti politici” (Feltrinelli ed., sett. 1995, Milano) presso il Centro sociale Autogestito YA BASTA! Di Vicenza. Autrice del libro, insieme a Gallinari, Linda Santilli**che però non era a Vicenza quel giorno. In compenso era presente Sante Notarnicola.***

D. Colpisce in questo vostro libro come la repressione si sia scatenata anche sui familiari, sulle donne dei prigionieri. Quindi su soggetti completamente innocenti, anche secondo i parametri istituzionali.

R. Mi spiace che qui con noi non ci sia Linda; sicuramente da donna, soggetto centrale nella raccolta delle testimonianze, avrebbe potuto fornire un punto di vista, un angolo di lettura particolare su quello che le donne hanno subito. Linda non ha vissuto direttamente gli anni settanta, essendo nata nel 1966, ma forse proprio per questo è animata da una grande curiosità, da una forte spinta a conoscere una storia che per la sua generazione rischiava di rimanere sconosciuta, manipolata. Quando lo abbiamo pensato io ero ancora in carcere e da parte di molti compagni detenuti c'era una certa titubanza, quasi imbarazzo. Devi pensare che tutti noi sapevamo che, per poter accedere alle visite, queste donne dovevano spogliarsi, sottoporsi a perquisizioni intime...c'era quindi una sorta di rimozione.

D. Quali sono state le principali ragioni per voler comunque pubblicare questo libro?

R. Innanzitutto una ragione personale, privata. Io ho vissuto quindici anni di carcere, carcere speciale, ospedali...E in tantissime occasioni ho sentito queste donne vicine. E' stato un modo di dire “Grazie”. Una seconda ragione è per il modo in cui queste donne hanno saputo misurarsi con questa esperienza. All'inizio è un'esperienza subita, in quanto madri, sorelle, mogli o nipoti...
Non sono militanti, non sono quello che si definisce “soggetto politico”, ma sono costrette a confrontarsi con la dimensione della repressione, della violenza di Stato. Pensa per esempio al rapporto con le carceri speciali: il problema delle perquisizioni, le mille umiliazioni subite; dover percorrere migliaia di chilometri...

D. Eppure quello che sembra emergere è una grande capacità di confrontarsi con l'istituzione carceraria da parte di molte di loro...

R. Rispetto al carcere, al problema dei detenuti politici, le donne sono state sicuramente il soggetto forte, quelle che hanno saputo resistere. I comitati dei familiari cercavano di comunicare, di rendere pubblico ciò che avveniva nelle carceri (i pestaggi, per esempio); ma erano soprattutto le donne che si assumevano questo compito. Emerge spesso anche nelle testimonianza; tante volte la madre di un prigioniero politico ci ha confessato: “...mio marito non ce l'ha fatta, ha delegato a me...”. Le donne si sono dimostrate la parte più viva, più concreta.

D. Mi dicevi che all'inizio le testimonianze raccolte erano un centinaio. Come mai avete scelto di pubblicarne solo undici?
R. Abbiamo scelto undici storie emblematiche, in grado di rappresentarle tutte.
Sia le diverse figure sociali (c'è la madre, la compagna, la figlia, la nipote...) che le diverse realtà sociali e culturali. Abbiamo cercato di ricoprire la realtà di tutta l'Italia dal punto di vista geografico: da Torino ad Avellino, dalla Lombardia alla Calabria. Inoltre le vicende narrate attraversano tutto il percorso della storia dei detenuti; c'è per esempio la testimonianza di Angela, sorella di Mario Rossi della “22 Ottobre”, quindi prima della nascita delle BR o dei Nap.
Ritroviamo culture diverse, modi diversi di esprimere il rapporto.; differenti non per intensità ma per il modo di esprimerlo. In qualche modo abbiamo operato una “selezione” (usando una brutta parola). Sono undici capitoli, undici “racconti stimolati” (non interviste) per parlare sia a se stesse che all'esterno. Racconti che si intercalano, viaggiano nella storia personale, nella vita; non chiusi dal rituale delle domande-risposte.

D. Come cominciano queste storie?

R. Quasi sempre cominciano con l'arresto del congiunto. E fin dall'inizio, dal primo squillo di campanello, dalla porta sfondata o da quando vanno in questura, queste donne hanno l'esatta percezione del destino a cui vanno incontro. Per la prima volta alcune di loro sembrano aprire gli occhi su una realtà fino a quel momento ignorata. Subiscono le prime umiliazioni, i primi ricatti per incidere sul comportamento del parente arrestato. Inizia un'odissea con passaggi e percorsi diversi, ma con uno sbocco simile. Da un progressivo accumularsi di ribellione nei confronti di qualcosa che non riescono a comprendere, deriva una presa di coscienza. Queste donne si sono chieste perché dovessero subire intimidazioni, umiliazioni dato che quello che esprimevano nei confronti dei prigionieri era solo un legame affettivo. Ben presto tra loro nasce una forte solidarietà, non solo di tipo “familistico”. C'è una precisa presa di coscienza; capiscono che la repressione non riguarda solo chi è in carcere, ma ognuna di loro, cominciano a sentirsi parte in causa.
Con la costruzione degli organismi dei familiari dei detenuti inizia la ricerca di strumenti per ottenere qualcosa.

D. Queste donne come reagiscono sul piano politico? A chi si rivolgono?

R. Occorre premettere che in genere non si tratta di donne militanti; alcune votano PCI, ma comunque non sono extraparlamentari. Il loro primo referente è la sinistra istituzionale, i partiti, i giornali, i parlamentari. Pensano di trovare un aiuto e invece tutte, indistintamente, scoprono di trovarsi di fronte a un muro, vengono respinte. I concetti espressi, i percorsi, le situazioni sono diversi, ma l'impatto è praticamente identico per tutte. La repressione vissuta non è solo quella indiretta, quella del figlio o del compagno che viene pestato. E' anche, come ho detto, anche quella subita in prima persona con le perquisizioni tramite denudamento.****
E si trovano di fronte una sinistra istituzionale che semplicemente non vuole fare i conti con questa realtà. Se trovano appoggio è presso quei gruppi di giovani che costituiscono il Movimento. Come ho potuto verificare, molti di quelli che cominciarono in quel modo la loro esperienza politica, con la solidarietà ai familiari dei prigionieri politici, sono poi confluiti nei Centri Sociali. Nelle varie storie ritroviamo un percorso politico simile: da un problema affettivo alla costruzione di rapporti, all'assunzione di responsabilità.
Il loro non è un linguaggio da militanti, non è politichese. Mamma Clara racconta che fino ad allora conosceva solo il suo quartiere, dove andava a fare la spesa. Per poi ritrovarsi a parlare all'Università, a spiegare ai giovani che cosa realmente accadeva nelle galere del nostro paese. Il loro è stato un percorso di trasformazione e collettivizzazione; ognuna è diventata “madre di diversi figli”.

D. E questa, mi sembra di capire, è stata anche la tua esperienza personale...

R. Quando ero in ospedale la mia famiglia era in difficoltà, ma sono stato seguito, aiutato dalle madri di altri compagni. Quello della salute dei compagni era diventato un problema collettivo. Lo stesso sentimento viene espresso quando Clara nella sua testimonianza parla della rivolta di Trani e dei pestaggi contro i detenuti. Appena giunta la notizia partono insieme, anche quelle che non hanno il figlio o il marito a Trani*****.

D. Il linguaggio del libro è semplice, non”politico”...E' un pregio o un limite?

R. tempo fa ne parlavo con Pino Cacucci e, appunto, gli dicevo che forse quello raccontato dal libro è un racconto “a lato” che non aveva carattere politico. “Guarda -mi ha detto Pino – che molti hanno capito la Seconda guerra mondiale non dai libri di storia ma dal Diario di Anna Frank”. E' quindi la storia di quelli anni vista da chi non era militante, ma comunque stava al nostro fianco.

D. Alla fine per tutte queste donne c'è una specie di bilancio...

R. Un altro elemento in comune è che da tutti questi racconti emerge un bilancio complessivamente positivo. Sono storie di donne che hanno saputo raccogliere. Pur conoscendole, io stesso sono rimasto colpito dal tono con cui le vicende vengono raccontate; mi ha colpito il carattere, la forza, la positività del loro percorso.
Mentre quelle dei militanti in qualche modo “apparivano” (magari distorte, ma apparivano, entravano nella storia), le vicende. Le esperienze di queste donne rischiavano di finire nell'anonimato, di andare a eludersi, chiuse nel privato. Invece alla fine ogni storia è diventata comunicazione. Per tutte loro, dopo questa violenza subita, c'è un bilancio, ed è positivo. Queste donne sono cresciute nel loro rapporto con la società, non subiscono, sono protagoniste, si sono arricchite. Anche nel caso limite di Angela che è stata addirittura sequestrata e violentata, perché smettesse di andare dal fratello all'Asinara.
Spesso c'è una trasformazione nei ruoli familiari. E' un bilancio fatto da donne che dicono: “Ora sono più forte, oggi ho capito la mia condizione”.
In tempi di individualismo, di incapacità di comunicare, mi sembra significativo questo percorso che, da una dimensione puramente affettiva, attraverso una presa di coscienza, diventa collettivo, fatto di progettualità, di capacità e volontà di trasformazione. C'è una frase del libro che penso valga per tutte:
“...nelle difficoltà di questa esperienza io mi ritengo fortunata per un motivo molto semplice, che ho imparato a vivere, a differenza di molte altre persone che invece sopravvivono”.

*nota 1:
nato nel 1951 a Reggio Emilia, Prospero Gallinari è stato un militante della Brigate Rosse fino alla loro estinzione. Condannato a tre ergastoli, dopo quindici anni di detenzione in carceri speciali, tornò in libertà per gravi ragioni di salute. E' deceduto nel 2013.

** nota 2.
Linda Santilli è nata all'Aquila nel 1966. All'epoca della pubblicazione del libro si occupava di storia contemporanea, principalmente di questioni sociali delle minoranze, delle donne, delle diversità.

*** nota 3:
Figlio di immigrati meridionali, militante comunista nella Torino operaia degli anni sessanta (partecipò agli eventi di Piazza Statuto), entrò poi a far parte della banda di Pietro Cavallero. In carcere aderì alle Brigate Rosse. Autore di alcuni libri di poesie (molto belle) e di una biografia : “L'evasione impossibile” (pubblicata da Feltrinelli - collana Franchi Narratori - negli anni settanta e più recentemente da Odradek).

**** nota 4:
Un vero e proprio “stupro di Stato”. Così vennero definite in Irlanda del Nord le “strip-searching”.

***** nota 5:
Da leggere attentamente, nella nota a pag. 29, l' articolo di Laura Grimaldi sui fatti di Trani (da “Il manifesto” del 29 gennaio 1981):
“...le donne...trasmettono altri comunicati attraverso l'Ansa, ma anche su questi cala la nebbia. Notte e nebbia (…). Nacht und Nebel nelle carceri speciali. Notte e nebbia nelle coscienze...”.

****** nota 6:
Senza far torto a nessuna delle donne qui intervistate (e nemmeno a quelle non citate, la maggioranza) vorrei segnalare la vicenda di Angela, sorella di Mario Rossi, sequestrata e violentata con modalità analoghe a quelle utilizzate dai fascisti con Franca Rame.
Della Grimaldi ricordavo il libro che aveva scritto alla fine degli anni settanta in disperata difesa del figlio (nel frattempo credo siano morti entrambi) con sulla copertina l'immagine del partigiano iugoslavo, quella “incriminata”.

Mi ha poi colpito sapere della morte in un incidente automobilistico, insieme ad altri due compagni, di Valeria Scialabba (sorella di un compagno, Roberto, brutalmente assassinato dal fascista Valerio Fioravanti nel 1978) mentre si recavano a Voghera per la manifestazione del 9 luglio davanti al supercarcere femminile.
E ovviamente non sono riuscito a leggere fino in fondo la testimonianza della mamma di Alberto Buonoconto. Una storia terribile che purtroppo conoscevo già (v. “Non parlarmi degli archi, parlami delle tue prigioni” Franca Rame).

Qualche considerazione finale .
Anche riletto a distanza di anni “Dall'altra parte” rimane un libro fin troppo denso, amaro.
Un libro che fa star male. Scova e denuncia le fin troppe rimozioni in merito all'universo carcerario (o concentrazionario) italico degli anni settanta e ottanta.

Solo un confronto. Forse in Italia si son pubblicati molti più libri (e con molte più recensioni benevole, magari sull'Avvenire) sui prigionieri e sulle prigioniere repubblicani irlandesi (ma non su quelli baschi però). Libri spesso premiati e presentati nelle scuole, pure in quelle medie.
Invece le prigioniere e i prigionieri nostrani rimangono, anche a distanza di anni, sostanzialmente dei “dannati”, degli esclusi. Qui l'impasto di cultura cattolica e perbenismo funziona a senso unico, non alternato. Un occhio di riguardo per i cattolici irlandesi (anche se praticavano la lotta armata) e la condanna morale (“al rogo”, soprattutto se donne) per chi nel nostro paese ha osato far uso degli stessi mezzi. A meno che poi non si sia “pentito” ovviamente.
Vorrei anche dire (così, “a spanne”) che alcuni atteggiamenti radical-chic pro-Irlanda di personaggi che poi esprimevano disprezzo per gli insorti proletari (o proletarizzati) mi ricordavano quelli di certa sinistra spagnola verso i baschi (o di certa sinistra turca verso i curdi).
Magari inconsapevolmente stavano comunque difendendo la loro “rendita di posizione”. Nel primo caso sociale, nell'altro quella legata alla loro identità privilegiata (sicuramente uno spagnolo gode di maggiori garanzie all'interno dello Stato denominato Spagna rispetto a un basco; così come un turco gode comunque di maggiori garanzie all'interno dello Stato denominato Turchia rispetto a un curdo).
Ricordo una giovane neolaureata, già impegnata in difesa dei diritti umani in Irlanda del Nord e destinata a una certa fama come scrittrice, dare in escandescenze vedendo sul muro di una fabbrica la scritta “CURCIO LIBERO!”.
Certo, le differenze c'erano, eccome! Ma i metodi usati dai governi britannico e italiano furono sostanzialmente molto simili, devastanti. Così come quelli applicati nella penisola iberica contro la sinistra indipendentista basca.

E concludo. Non ne ho mai condiviso ideologia (sostanzialmente m-l con derive staliniste) e metodi (quasi una caricatura di Stato della peggior specie: tribunali, prigioni, interrogatori, condanne a morte...).
Umanamente parlando, un disastro. Nessuna nostalgia e nemmeno rimpianti. A conti fatti, non poteva andare altrimenti.
Tuttavia, per quanto critico, ero comunque consapevole che certe scelte esprimevano l'estremo sussulto di una ben nota“rabbia antica” quella di infinite “generazioni senza nome che urlavano vendetta”. Il disperato tentativo di opporsi non solo allo “stato di cose presente”, ma anche a quanto si stava ulteriormente profilando all'orizzonte: ristrutturazione, militarizzazione, “modernizzazione”, ulteriore controllo e sfruttamento, degrado sociale e ambientale, guerra etc.
Qualcuno disse (cito a memoria) che facevano “le cose giuste nel modo sbagliato”.
Altri (anarchici, autonomi, eco-luddisti...) praticavano forme di lotta altrettanto radicali ma non cruente. Anche se alla fine, tanto per non sbagliare, lo Stato con la repressione colpì un po' tutti, indistintamente. Familiari, amici, parenti e conoscenti compresi, come si è visto.

Citando ancora (o forse “parafrasando”?) il buon Guccini:“Io penso che questa mia generazione” sia stata forse l'ultima, almeno per ora, che ha potuto illudersi di poter insorgere, ribellarsi, fare la Rivoluzione.
Poi il buio di una notte senza luna (dire ”grande freddo”sarebbe riduttivo, oltre che scontato).
GS
africa occidentale / repressione / prigionieri / opinione / analisi Monday February 06, 2017 05:34 byGianni Sartori

Un ricordo di un militante sudafricano vittima dell'apartheid: per non dimenticare

“IL MIO NOME E' DUMA KUMALO”

IN MEMORIA DI UNO DEI SEI DI SHARPEVILLE
(Gianni Sartori)

L'anno scorso, avevo lasciato scivolar via il decimo anniversario della morte di Duma Joshua Kumalo (3 febbraio 2006, CapeTown, durante una conferenza) senza scrivere nemmeno una riga. Troppa sofferenza, troppi rimpianti.
Da pochi mesi, alla fine del 2015, era mancata Theresa Machbane Ramashamole, l'unica donna dei Sei di Sharpeville. Prematuramente anche se non inaspettatamente, pensando alle torture cui venne sottoposta.
Fransis Don Mokhesi, il calciatore, era morto pochi anni dopo essere stato liberato; Oupa Moses Diniso nel 2005, per un incidente stradale.
Ora di quei sei militanti fortunosamente scampati al capestro all'ultimo momento, rimangono in vita soltanto Reid Malebo Mokoena e Reginald Ja Ja Sefatsa (o almeno credo e spero non avendo più contatti).*

Senza togliere nulla agli altri “Sharpeville Six”, con Duma, oltre che con Theresa, si era stabilito un rapporto più stretto, nonostante le migliaia di chilometri che ci separavano. Conservo ancora gelosamente il prezioso libro ricco di foto per me inedite (“Mandela in celebration of a great life” di Charlene Smith) che mi ha inviato con dedica.

Quando era giunta la notizia della sua morte avevo subito pensato: “L'apartheid alla fine ha ucciso anche Duma”. In Sudafrica la segregazione razziale era stata abolita, ma i suoi veleni rimanevano ancora in circolazione e le ferite inferte per decenni continuano a sanguinare.
Qualche anno prima Duma aveva scritto:
“Il mio nome è Duma Kumalo e ho sofferto per quarant'anni. Dopo aver passato sette anni in prigione e tre nella cella della morte, ho ottenuto la grazia dodici ore prima di essere impiccato. Soltanto oggi comprendo come questa esperienza abbia segnato la mia identità e sia alla base delle ferite e dei ricordi frammentari che compongono la mia storia personale”.

Duma aveva letto molto sulle esperienze dei sopravvissuti all'Olocausto, cercando di trovare un senso, una spiegazione per le sofferenze inflitte da un sistema di sfruttamento, oppressione e razzismo istituzionalizzato. Voleva, come Primo Levi, ricordare e testimoniare affinché l'orrore di quanto era accaduto non potesse ripetersi.

Da molti anni lavorava senza sosta per il “Khulumani survivor support group”, un'associazione di aiuto per i sopravvissuti dell'apartheid, per coloro che avevano subito la brutalità del regime, aiutandoli a raccontare le loro esperienze. In particolare il centro “Khulumani” si occupava anche delle persone a cui la “Commissione verità e riconciliazione” non aveva concesso un indennizzo.
Duma era stato imprigionato nel 1984, quando il Sudafrica era in fiamme e le strade dei ghetti ribollivano di manifestazioni e scontri con la polizia e l'esercito. Migliaia di neri vennero arrestati e torturati, centinaia finirono assassinati o “desaparecidos”. Moltissime le condanne a morte per impiccagione.
A Sharpeville (township tristemente nota per il massacro di una settantina di persone inermi da parte della polizia nel 1960), durante una manifestazione contro l'aumento degli affitti, venne ucciso il consigliere comunale Jacob Kuzwavo Dhlamini considerato un collaborazionista. Nello stesso momento Duma stava aiutando un uomo ferito dalla polizia. Arrestato a casa sua, dopo un processo sommario, venne condannato a morte con altri cinque manifestanti. Rimasero inascoltati gli appelli di molte organizzazioni internazionali (Amnesty International, Lega per i diritti e la liberazione dei popoli...) convinte della loro innocenza.
Torturati, nel dicembre 1985 furono trasferiti in un carcere di Pretoria. Nelle celle della morte in attesa dell'esecuzione.
Il 14 marzo 1988 venne annunciato a Duma che la sua esecuzione sarebbe avvenuta dopo cinque giorni. “Questa notizia – raccontava - dopo l'angoscia della cella della morte, sembrava quasi una consolazione”.
A poche ore dall'esecuzione, quando ormai ogni speranza era caduta (erano già stati pesati e misurati per calibrare le forche), l'avvocato entrò in parlatorio annunciando di aver ottenuto la grazia. Rientrando nella cella ritrovò le lettere che aveva inviato, con l'ultimo saluto ai parenti e agli amici. Si rese conto che, se fosse stato impiccato, non sarebbero mai arrivate a destinazione. Un estremo insulto da parte degli aguzzini.
E concludeva: “Sono stato privato del diritto di essere felice il giorno in cui ho compreso cosa fosse l'apartheid. Mi sono messo alla ricerca e da quel momento ho dovuto scavare sempre più profondamente nel passato e provare ancora più amarezza. Quello che ho compreso non riguarda il dolore della morte, ma il dolore della mia vita. Confrontarsi con la morte è difficile, ma confrontarsi con la vita dopo aver visto in faccia la morte è ancora più difficile”.
Era riuscito a farlo con grande dignità, come stanno a dimostrare la sua vita familiare, l'intensa attività culturale, le rappresentazioni teatrali con cui ha dato testimonianza delle ingiustizie subite dal suo popolo.
Quel giorno, il 3 febbraio 2006, l'apartheid fece un'altra vittima. Il suo cuore generoso, infaticabile, segnato dalle sofferenze e dai ricordi, aveva ceduto. Qualche settimana prima, al telefono, si era parlato del materiale (manifesti, fotografie di manifestazioni anti-apartheid nell'Europa degli anni ottanta...) spedito a Sharpeville e inserito nel museo appena inaugurato. Ma il senso di vuoto che lasciava la sua morte non poteva comunque intaccare la consapevolezza che è stato un onore averlo conosciuto.
Gianni Sartori

* nota. Un ricordo anche per un altro amico sudafricano scomparso, Benny Nato. Rappresentante dell'African National Congress in Italia negli anni ottanta, venne varie volte a Vicenza per conferenze e dibattiti organizzati dalla Lega per i diritti e la liberazione dei popoli.

This page has not been translated into 한국어 yet.

This page can be viewed in
English Italiano Català Ελληνικά Deutsch



Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Repression / prisoners

Sun 19 Feb, 21:18

browse text browse image

16602769_1841985462684002_7570215785476275251_n.jpg imageRevolutionary Anarchist Prisoner Umut Fırat Süvarioğulları Ended His Hunger... Feb 15 01:02 by Devrimci Anarşist Faaliyet 1 comments

16426075_1841964542686094_3875616516575574301_n.jpg imageDevrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları’nın Açlık... Feb 15 01:00 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

fob_escudo_copia.jpg imageMilitantes de la FOB Judicializadas. Frenemos con Lucha la Criminalización de la Protesta Feb 06 17:54 by Federación de Organizaciones de Base 0 comments

textDALL'ALTRA PARTE DELLA REPRESSIONE Feb 06 15:28 by Gianni Sartori 1 comments

textIL MIO NOME E' DUMA KUMALO Feb 06 05:34 by Gianni Sartori 0 comments

textLIBERARE OCALAN, LIBERARE TUTTI/E Feb 02 01:04 by Gianni Sartori 0 comments

16299229_408924822783881_4386184309798283658_n.jpg imageΑλληλεγγύη στους... Jan 26 17:36 by Αναρχική Πολιτική Οργάνωση 0 comments

Nursel Aydoğan, painting by Janet Biehl imageOccupying democracy Jan 25 16:53 by Ercan Ayboga 0 comments

umutsilbuyuk768x496_2.jpg image[Turchia] 39° giorno di sciopero della fame in carcere per il rivoluzionario anarchico Umu... Jan 22 18:20 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

umutsilbuyuk768x496_1.jpg imageΟ σύντροφος Umut Firat δεν... Jan 21 06:51 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

efren.jpg imageJoven herido en el rostro por disparo de arma química del ESMAD en Bello, Antioquia Jan 21 00:09 by El (A)guijón 0 comments

umutsilbuyuk768x496.jpg imageDevrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin... Jan 20 23:18 by Devrimci Anarşist Faaliyet 1 comments

umutfirat300x194.jpg image[Turkey] Revolutionary Anarchist Prisoner Umut Fırat Süvarioğulları is on t... Jan 19 18:08 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

15781152_10154861268587497_6335987580449105012_n.jpg imageΕίμαστε όλοι δια_... Dec 30 09:58 by Χειρονομία-Αντιεξουσιαστική Κίνηση 0 comments

meydan_30_3.jpg imageTurchia: condannato a pena detentiva l'editore responsabile del giornale anarchico Meydan Dec 28 07:26 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

cysaq4mxgaevjyx.jpg imageΗ Lola Gutiérrez για σύλληψή τ... Dec 27 17:52 by Dmitri (republishing) 0 comments

2.jpg imageΕνημέρωση για δρ^... Dec 26 15:24 by Αναρχική Ομοσπονδία - Περιφέρεια Αθήνας 0 comments

meydan_30_2.jpg imageMeydan Gazetesi Sorumlu Yazı İşleri Müdürüne Hapis Cezası Dec 25 03:26 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

15673043_391468774529486_2701436708791953805_n.jpg imageΦυλάκιση για τον ... Dec 24 10:13 by Devrimci Anarşist Faaliyet - DAF 0 comments

meydan_30_1.jpg imagePrisión para el editor responsable del periódico anarquista Meydan en Turquía Dec 24 04:08 by Devrimci Anarşist Faaliyet 0 comments

meydan_30.jpg imagePrison Sentence to Managing Editor of Anarchist Meydan Newspaper in Turkey Dec 24 03:48 by Devrimci Anarşist Faaliyet 3 comments

ceb1cf86ceafcf83ceb1cebacebfcebbceb1cf83cf84ceaecf81ceb9cebf.jpg imageΑλληλεγγύη στους... Dec 19 17:15 by Αναρχική Ομοσπονδία - Περιφέρεια Αθήνας 0 comments

textA 5 años del cobarde asesinato policial de los normalistas Gabriel y Alexis: ¡ni perdón ni... Dec 13 15:46 by Ilse Trejo 0 comments

afisaceb1cebdcf84ceafceb3cf81ceb1cf86cebf_1.jpg image7 χρόνια μετά Dec 05 19:53 by Αναρχική Ομοσπονδία-Περιφέρεια Κ. Μακεδονίας 0 comments

afisa.jpg imageΠορεία, 6 Δεκέμβρη &... Dec 05 19:49 by Dmitri 0 comments

12311094_1697455980474713_9086228949900891244_n.jpg imageΟι συλληφθέντες `... Nov 20 17:12 by Ελευθεριακή Πρωτοβουλία Θεσσαλονίκης 0 comments

text[Santos-SP/Brasil]: Companhia de teatro é atacada pela PM e Guarda Municipal Oct 31 05:25 by R.U. 0 comments

460_0___30_0_0_0_0_0_image.jpg imageΠοίηση ενάντια σ`... Oct 26 19:31 by Leroy Maisiri 0 comments

460_0___30_0_0_0_0_0_image_1.jpg imageΕνάντια στην αστ`... Oct 26 19:19 by Leroy Maisiri 0 comments

chamada_postagem.png imageInternational Campaign for the Freedom of Rafael Braga/Campaña Internacional por la Libert... Oct 25 14:23 by farj 1 comments

more >>
© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]