user preferences

Scuola e università

textProgettifici e dittatori scolastici 23:09 Jul 05 0 comments

textLa Buona Scuola 02:50 Oct 05 0 comments

textLa Buona Scuola 16:04 Sep 09 0 comments

textEducar para la bobada 07:32 Jan 08 0 comments

textAteismo diventa materia scolastica in Irlanda 17:59 Sep 27 0 comments

more >>

La verità su Piazza Navona

category italia / svizzera | scuola e università | altra stampa libertaria author Wednesday November 26, 2008 00:14author by Studenti e studentesse delle scuole in rivolta di Roma Report this post to the editors

Nei giorni scorsi abbiamo appreso che 15 studenti e studentesse, alcuni neppure presenti in Piazza Navona, sono stati raggiunti da surreali denunce per rissa, adunata sediziosa, e lesioni (!) per quanto accaduto a Piazza Navona. La verità su Piazza Navona è nota a tutti. E' nota perché le migliaia di studenti e studentesse presenti hanno visto. E' nota perché tutte le documentazioni video sono inequivocabili. E' nota perchè tutti i testimoni, a partire da giornalisti come Curzio Maltese, concordano.


LA VERITA' SU PIAZZA NAVONA

FUORI IL FASCISMO DALLE SCUOLE

Nei giorni scorsi abbiamo appreso che 15 studenti e studentesse, alcuni neppure presenti in Piazza Navona, sono stati raggiunti da surreali denunce per rissa, adunata sediziosa, e lesioni (!) per quanto accaduto a Piazza Navona.

La verità su Piazza Navona è nota a tutti. E' nota perché le migliaia di studenti e studentesse presenti hanno visto. E' nota perché tutte le documentazioni video sono inequivocabili. E' nota perché tutti i testimoni, a partire da giornalisti come Curzio Maltese, concordano.

I fatti, in sintesi, sono semplici. Il Blocco Studentesco, un gruppuscolo dichiaratamente neofascista, la mattina del 29, mentre in Senato si votava il Decreto Gelmini sulla scuola, si presentava alla manifestazione spontanea degli studenti in piazza, tentando di prenderne persino la guida con metodi squadristi.

La stessa operazione che avevano tentato nei due giorni precedenti. Il 27 prendendo con la forza la testa di un corteo spontaneo di studenti del IV Municipio (operazione attuata con la complicità della polizia in piazza) portando alla dissociazione degli stessi promotori a fine giornata. Il 28 presentandosi sempre sotto il Senato e tentando di aggredire il corteo che da Piazza della Repubblica era arrivato fin lì.

Mercoledì 29 Ottobre, in Piazza Navona, il Blocco Studentesco trova la reazione compatta e spontanea degli studenti presenti in piazza. Immediati si creano cordoni pacifici che tentano di tenere a distanza i provocatori, si alzano slogan che rifiutano il fascismo, si invitano i neofascisti a lasciare la piazza.

I militanti neofascisti, di fronte a questa reazione del corpo studentesco che rifiuta la loro presenza, decidono di caricare gli studenti e le studentesse dei licei. Tutti i filmati testimoniano chiaramente che neofascisti, a freddo, organizzano una carica armati di caschi e cinte, colpendo indiscriminatamente nel tentativo di far avanzare il loro camion (che si scoprirà poi essere riempito di mazze tricolore).

Mentre avviene tutto questo, le forze dell'ordine rimangono non solo immobili, ma persino – come testimoniato da Curzio Maltese – collaborano con i neofascisti.

Nel frattempo, da Piramide si muoveva un corteo promosso dai collettivi delle scuole e dalla università, cui partecipano almeno cinquemila studenti e studentesse.

Al corteo, già previsto ed annunciato, vi partecipavano almeno venti istituti superiori. E' questo il corteo che arriva in Piazza Navona, e trova una situazione inequivocabile. Diversi studenti feriti, due ragazzi in ospedale, i neofascisti armati di mazze tricolore allineati in un lato della piazza pronti a rinnovare le cariche delle quali si erano già resi protagonisti.

In questa situazione, preso atto che la polizia aveva lasciato già aggredire gli studenti e le studentesse e che aveva consentito ai neofascisti di estrarre mazze tricolori e allinearsi per una nuova carica, gli studenti e le studentesse non hanno potuto che esercitare il proprio diritto all'autodifesa.

I neofascisti, che hanno visto fallire i loro tentativi di infiltrazione nelle mobilitazioni degli studenti, provano a sostenere l'impossibile con montaggi video sempre più arditi, smentiti dai filmati come ha dimostrato anche la redazione di chi l'ha visto (provocando la nota e scomposta reazione dei fascisti).

Ma, curiosamente, sembra che anche le forze dell'ordine, il governo, e la magistratura tentino di avvalorare una tesi che vorrebbe quella di Piazza Navona una "rissa" fra centri sociali e neofascisti.

Non siamo disposti ad accettare simile teorema. Eravamo tutti e tutte in Piazza Navona. C'eravamo dalla mattina, a sventare l'ennesimo tentativo di infiltrazione di blocco. E c'eravamo tutti e tutte anche nei cordoni che si sono frapposti fra i militanti neofascisti ed il resto della piazza, per evitare una nuova carica dei neofascisti. Ed eravamo in migliaia nel corteo che da Piramide si è diretto in Piazza Navona.

Se quel corteo incriminato, partito da Piramide, annunciato pubblicamente e promosso da decine di istituti assieme agli universitari, era una "adunata sediziosa" siamo pronti, in centinia di studenti e studentesse di decine di istituti, ad autodenunciarci alle forze dell'ordine.

E se autotutelare una manifestazione, anche a seguito dello scandoloso atteggiamento delle forze dell'ordine in piazza che avevano già lasciato caricare gli studenti con cinghie e caschi, era essere partecipi ad una rissa, allora siamo stati tutti partecipi di una rissa.

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà ai denunciati. Ma sopratutto rifiutiamo il tentativo di dividere le mobilitazioni, di dividere gli studenti e gli universitari, di additare qualche centro sociale.

E' questo che in questi giorni stiamo affermando con forza. Questa mattina il liceo Virgilio, il liceo Mamiani ed il liceo Socrate hanno interrotto la didattica, si sono presi assemblea, ed hanno dato vita ad un corteo interno all'istituto. Stessa cosa avevano fatto sabato gli studenti dell'istituto psicopedagogico Rosseau. In altre quindici scuole, dal Tasso al Labriola di Ostia, dal Righi al Cavour, sono stati affissi striscioni e diffusi volantini.

Il movimento degli studenti rifiuta le infiltrazioni dei neofascisti, e rifiuta i teoremi che qualcuno sta portano avanti.

Apprendiamo infine in queste ore che Blocco Studentesco ha preavvisato in questura una manifestazione per Venerdì 28, in concomitanza alla mobilitazione nazionale di scuole ed università promossa dall'assemblea nazionale alla Sapienza della scorsa settimana.

Una chiara provocazione, ed un tentativo di costringere il movimento in una dinamica di scontro che non ci interessa. Da parte nostra, Venerdì 28 saremo come previsto nelle piazze e nelle strade della nostra città, insieme agli studenti di tutta Italia.

Ci auguriamo che le istituzioni di questa città non permettano ancora ai neofascisti di provocare le manifestazioni degli studenti. Se lo faranno, sarà ormai chiara a tutti una "strategia della tensione" della quale, dal governo al prefettura ai vertici della polizia, si dovranno assumere la intera responsabilità.

studenti e studentesse delle scuole in rivolta di Roma

24 novembre 2008

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Reflexiones sobre la situación de Afganistán

Αυτοοργάνωση ή Χάος

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]