Benutzereinstellungen

Kommende Veranstaltungen

Italia / Svizzera | Antifascismo

Keine kommenden Veranstaltungen veröffentlicht

Emergenza sdoganamenti

category italia / svizzera | antifascismo | altra stampa libertaria author Donnerstag Oktober 08, 2009 01:46author by Coordinamento Facciamo Brecciaauthor email info at facciamobreccia dot org Report this post to the editors

L'emergenza omofobia è un pretesto

Il Coordinamento Facciamo Breccia, riunito in assemblea nazionale a Firenze il 4 ottobre 2009, in merito alla campagna stampa intorno all’”omofobia” e alle alleanze trasversali che nel nome di questa ennesima “emergenza sicurezza” vengono attuate, denuncia che in Italia non esiste nessuna emergenza omofobia.
L’emergenza omofobia è solo un pretesto.


Emergenza sdoganamenti


Il Coordinamento Facciamo Breccia, riunito in assemblea nazionale a Firenze il 4 ottobre 2009, in merito alla campagna stampa intorno all’”omofobia” e alle alleanze trasversali che nel nome di questa ennesima “emergenza sicurezza” vengono attuate, denuncia che in Italia non esiste nessuna emergenza omofobia.

L’emergenza omofobia è solo un pretesto.

I media hanno costruito ancora una volta sui nostri corpi un’emergenza, come nell’autunno 2007, in seguito all’omicidio di Giovanna Reggiani, costruirono l’emergenza stupri. Non c’è una “fobia”, una paura irrazionale che si avventa contro i nostri corpi: nel nostro paese e nel mondo impera un sistema eterosessista violento ed escludente che produce un clima terribilmente favorevole alla violenza contro lesbiche, gay e trans così come contro le donne. Questa violenza non è certo iniziata quest’estate, anzi essa è strutturale, tanto che ancora oggi anzitutto è dentro la famiglia, che, a sua volta, è il secondo pilastro - insieme alla sicurezza - della propaganda. Negli ultimi anni lo scivolamento verso un regime autoritario, oggi stabilizzato, ha legittimato forme di violenza di strada che spesso hanno una matrice politica fascista ed integralista, matrice politica che mai da istituzioni e media viene sottolineata e denunciata.

Sono state costruite campagne d’odio e di istigazione alla violenza da parte delle gerarchie ecclesiastiche e delle destre istituzionali nei confronti di tutte le soggettività eccentriche, di tutte quelle persone che non rientrano nel paradigma di “decorosa normalità” che si è voluto imporre come modello unico. Ora è operante un meccanismo che istituisce capri espiatori a rotazione – oggi sono lesbiche gay e trans, domani i/le rom, poi rumeni/e, in seguito le prostitute... -, nuovi oggetti su cui viene indirizzata la violenza, a fasi, sempre sottolineate da campagne di stampa. Su ognuna di queste soggettività si applicano dispositivi repressivi diversi, specifici, ma il paradigma sotteso è lo stesso e deve essere smascherato.

I mandanti di questo odio prima agiscono per costruirlo poi stigmatizzano gli esecutori e si pongono a tutela delle soggettività che vogliono ridurre a vittime: i carnefici in fiaccolata al fianco di chi vogliono ridurre a vittima.
La norma stabilita dall’alto si attua in una forma poliziesca, in una forma di controllo del territorio agita direttamente da gruppetti e singolarità di fascisti o comunque di individui che hanno assunto un modello violentemente autoritario.

Smascheriamo i mandanti, togliamo il velo calato sull’istigazione.

Il regime autoritario in cui oggi viviamo si fonda sulla definizione di un ordine razzista ed eterosessista che espelle tutte le soggettività eccentriche e criminalizza l’immigrazione. Le leggi razziali imposte con il pacchetto sicurezza, l’introduzione del reato di clandestinità, il potenziamento di lager urbani detti C.I.E., con il pretesto della nostra sicurezza, legittimano la persecuzione di donne e uomini che arrivano nel nostro paese per migliorare le proprie vite dopo aver subito la colonizzazione e la depredazione da parte del ricco nord del pianeta.

Oggi è necessario attuare nuovi percorsi di liberazione che mettano al centro l’autodeterminazione e l’autorganizzazione delle soggettività, percorsi di liberazione che reclamino cittadinanza per tutte e tutti e che non permettano la vittimizzazione di soggetti per di più usata per reprimerne altri.

Da queste nostre riflessioni riteniamo si possa evincere chiaramente perché rifiutiamo un dispositivo legislativo antiomofobia (quello che andrà in discussione alla Camera il 12 ottobre) che ribadisce il paradigma securitario limitandosi a inasprire le pene ed a legittimare il Pacchetto sicurezza.

Inoltre non ci stupisce che proprio i/le trans non siano fra la categorie ritenute da tutelare nella proposta legislativa: nel nostro paese molte trans sono straniere, vengono criminalizzate sulle strade ed incarcerate nei C.I.E., quindi sembra che la logica sia “meglio lasciarle dall’altra parte, tra i babau da indicare all’opinione pubblica come coloro da cui “essere difesi/e…”. Lo ha detto anche Ratzinger, d’altra parte, proprio lo scorso gennaio, che il maggior pericolo per l’”ordine naturale” viene dal transgender.

Oggi è necessario rimettere al centro un posizionamento antifascista che rifiuti ogni tentativo di instaurazione di un pensiero unico.

Non possiamo quindi non denunciare l’azione di sdoganamento operata da parte dell’unica parlamentare dichiaratamente lesbica di quel “pensiero unico” che ben conosciamo e contro cui abbiamo sempre lottato.
Con i fascisti non vogliamo rapporti né oggi né mai: non è svendendo i nostri valori che supereremo veri o supposti isolamenti bensì contribuendo a costruire percorsi di liberazione e di lotta antirazzisti ed antisessisti, insieme alle femministe, alle prostitute, a immigrate ed immigrati, a chi lotta per il lavoro e per il diritto all’abitare, strappando il filo rosso che lega le varie “emergenziali” campagne stampa.

Alla stessa stregua non possiamo aderire ad iniziative “apolitiche” che seguono l’onda dell’”emergenza omofobia” senza denunciare i mandanti della violenza che non riguarda soltanto trans, lesbiche e gay, ma sempre più tutte le soggettività che si discostano dal pensiero unico.

L’ultimo pride di Roma aveva come slogan “Liberi tutti / libere tutte”. Non solo gli/le “uguali”.

“Non dimentichiamo che è del fascismo questo slogan: famiglia e sicurezza” (Carla Lonzi -1970)

Il Coordinamento Facciamo Breccia


Verwandter Link: http://www.facciamobreccia.org
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Hauptseite

Reflexiones sobre la situación de Afganistán

Αυτοοργάνωση ή Χάος

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

Italia / Svizzera | Antifascismo | it

Do 23 Sep, 18:13

browse text browse image

18057710_1869497109955605_8479540780920188529_n.jpg imageCorreggio, 2 dicembre 2017: quando cacciammo i fascisti da casa. Le barricate di Parma del 1922 23:51 Mo 27 Nov by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

l'avvincente cronaca di quei giorni di straordinaria partecipazione popolare contro l'occupazione fascista della città, ma avremo anche modo di approfondire il contesto socio politico in cui, in quel delicatissimo momento storico, il proletariato trovò quella forza e quel senso di unità necessari per compiere questa impresa, che ancora oggi ricordiamo con grande orgoglio antifascista.

23659631_1526726660754023_2453934581672843198_n.jpg imageGenova, 2 dicembre 2017: Neofascismo: contro la galassia reazionaria nel nuovo secolo 23:44 Mo 27 Nov by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

convegno organizzato da Libero Spazio Utopia, Alternativa Libertaria, Collettivo Genova City Strike

textNuova Zelanda, Wellington: manifestazione antinazista 00:40 Sa 04 Nov by Barrie 0 comments

Il 28 ottobre oltre 200 manifestanti antifascisti ed antinazisti hanno bloccato con successo i cancelli di accesso al parlamento a Wellington, in opposizione ad una provocazione dei fascisti e della destra radicale. Questi ultimi avevano minacciato di marciare verso il parlamento ed erano stati ufficialmente autorizzati a farlo.

catalunya.jpg imageComunicato congiunto di CNT, CGT e Solidaridad Obrera sulla situazione in Catalogna 23:58 Sa 28 Okt by CNT, CGT y Solidaridad Obrera 0 comments

Le organizzazioni sottoscritte, in qualità di sindacati a livello nazionale, condividono la stessa preoccupazione per la situazione in Catalogna, per la repressione che lo Stato ha scatenato, per la riduzione dei diritti e delle libertà che questo presuppone e paventa e per l'aumento di un nazionalismo rancido che si ripropone in gran parte dello Stato spagnolo.

textItalia, 1 maggio 1947: La strage di Portella della Ginestra 19:02 Fr 05 Mai by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Nel suo ultimo lavoro ‟Il bandito della Guerra Freddaˮ, Pietro Orsatti ripercorre questa storia in occasione del 70° anniversario della strage di Portella della Ginestra, perpetrata il Primo Maggio 1947: strage fascista, strage mafiosa, strage di Stato.

textItalia - 25 aprile 2017: per sempre in lotta, per sempre in resistenza 22:18 Mo 24 Apr by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Il fascismo si combatte nelle piazze, con l’azione diretta, con la conquista maggiore di nuove libertà, con l’autogestione e con l’organizzazione dal basso.

hammerswastika.png imageCorreggio antifascista 20:13 Mi 01 Mär by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Correggio si impegna a vigilare perché sul proprio territorio la bestia scacciata più di settant'anni fa non osi più mettere piede

textmanifestazione contro il convegno delle ultra destre europee a Genova 17:42 Do 09 Feb by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

"L’Antifascismo è pratica quotidiana

cameradeideputati1.jpg imageItalia - Referendum costituzionale, sconfitta l'arroganza del potere 02:56 Sa 17 Dez by Alternativa Libertaria/fdca 0 comments

Sulla Carta non cambierà niente.
Le modifiche alla Costituzione, presentate dal governo Renzi e sostenute da variegate espressioni del capitalismo italiano, sono state respinte dal voto con un NO senza attenuanti.

textItalia, Vittorio Veneto: L'antifascismo oggi 05:55 Di 30 Aug by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Vittorio Veneto (TV) 2 settembre alle ore 20:30 presso la Biblioteca comunale, “L'Antifascismo oggi”, con l'intervento del giornalista milanese del Manifesto Saverio Ferrari dell'Osservatorio Democratico Sulle Nuove Destre.»

more >>

text25 aprile 2017: per sempre in lotta – per sempre in resistenza Apr 25 by Alternativa Libertaria 0 comments

.

textIl Beato Rolando Rivi, la lotta partigiana ed il martirio della Chiesa Cattolica Nov 18 by Gino 0 comments

Ha fatto un certo clamore, soprattutto in Emilia, la proclamazione da parte della chiesa cattolica della beatificazione di Rolando Rivi, quattordicenne seminarista di Castellarano (RE) fucilato dai partigiani del Battaglione “Frittelli” della Brigata Garibaldi Modena Montagna comandata da Mario Ricci (Armando) il 10 aprile del 1945 in un bosco nelle vicinanze di Palagano sulle colline Modenesi.

textItaliani brava gente Feb 15 by Coordinamento Anarchico Palermitano 0 comments

L'esodo degli italiani e le foibe furono il tragico prodotto del fascismo, della guerra e del razzismo di stato. Le foibe erano state usate dagli stessi fascisti italiani durante l'occupazione contro la popolazione slava; poi dai tedeschi, fin dal 1941; poi addirittura dai partigiani, che non volevano lasciare i loro morti o le loro sepolture affinché i nazisti non capissero i loro movimenti.

imageCorreggio, 2 dicembre 2017: quando cacciammo i fascisti da casa. Le barricate di Parma del 1922 Nov 27 sezione di Correggio 0 comments

l'avvincente cronaca di quei giorni di straordinaria partecipazione popolare contro l'occupazione fascista della città, ma avremo anche modo di approfondire il contesto socio politico in cui, in quel delicatissimo momento storico, il proletariato trovò quella forza e quel senso di unità necessari per compiere questa impresa, che ancora oggi ricordiamo con grande orgoglio antifascista.

imageGenova, 2 dicembre 2017: Neofascismo: contro la galassia reazionaria nel nuovo secolo Nov 27 sezione "Nino Malara" di Genova 0 comments

convegno organizzato da Libero Spazio Utopia, Alternativa Libertaria, Collettivo Genova City Strike

imageComunicato congiunto di CNT, CGT e Solidaridad Obrera sulla situazione in Catalogna Okt 28 0 comments

Le organizzazioni sottoscritte, in qualità di sindacati a livello nazionale, condividono la stessa preoccupazione per la situazione in Catalogna, per la repressione che lo Stato ha scatenato, per la riduzione dei diritti e delle libertà che questo presuppone e paventa e per l'aumento di un nazionalismo rancido che si ripropone in gran parte dello Stato spagnolo.

textItalia, 1 maggio 1947: La strage di Portella della Ginestra Mai 05 sezione "Silvia Francolini" di Fano-Pesaro 0 comments

Nel suo ultimo lavoro ‟Il bandito della Guerra Freddaˮ, Pietro Orsatti ripercorre questa storia in occasione del 70° anniversario della strage di Portella della Ginestra, perpetrata il Primo Maggio 1947: strage fascista, strage mafiosa, strage di Stato.

textItalia - 25 aprile 2017: per sempre in lotta, per sempre in resistenza Apr 24 0 comments

Il fascismo si combatte nelle piazze, con l’azione diretta, con la conquista maggiore di nuove libertà, con l’autogestione e con l’organizzazione dal basso.

more >>
© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]