user preferences

New Events

Internazionale

no event posted in the last week

Resoconto iniziativa per la giornata di lotta europea il 26 settembre

category internazionale | lotte sindacali | cronaca author Wednesday October 03, 2012 15:29author by Unione Sindacale Italiana Report this post to the editors

Resoconto iniziativa effettuata in Italia il 26 settembre, in occasione della giornata di lotta europea della Rete del Sindacalismo Europeo Alternativo e di Base e in concomitanza con lo sciopero generale in Grecia e degli scioperi e manifestazioni nei Paesi Baschi,in Navarra e in altre città della Spagna.


RESOCONTO INIZIATIVA EFFETTUATA IN ITALIA IL 26 SETTEMBRE

in occasione della giornata di lotta europea della Rete del Sindacalismo Europeo Alternativo e di Base e in concomitanza con lo sciopero generale in Grecia e degli scioperi e manifestazioni nei Paesi Baschi, in Navarra e in altre città della Spagna


Si è svolto il 26 settembre il presidio davanti alla sede italiana dell'UNIONE EUROPEA in Italia, a Roma in Via IV Novembre, organizzato dalle strutture che in Italia rappresentano la RETE DEL SINDACALISMO EUROPEO ALTERNATIVO E DI BASE cioè la Cib Unicobas, la Cub e la Unione Sindacale Italiana USI.

Il presidio si è svolto dalle 16 alle 19, non ha potuto avere una caratteristica di massa a causa della limitazione di numeri (massimo 20 persone....) che ha imposto la Questura Centrale di Roma, ma ha avuto comunque una certa visibilità, poichè l'Ufficio dell'Unione Europea è posto in una stetta via centrale della città di Roma.

Al presidio hanno partecipato delegati e delegate dell'USI, della scuola, della sanità, di diverse cooperative sociali, del Comune di Roma, di aziende e società della holding campidoglio, del sindacato lavoratori e lavoratrici arti e mestieri (Slam USI), organizzazione sindacale che ha messo a disposizione l'amplificazione e il microfono aperto e che ha costituito la presenza più numerosa, delegati dell'Unicobas e delegati per la Cub.

Oltre alle bandiere di Unicobas, Cub e dell'USI, è stato affisso per tutta la durata del presidio, uno striscione con tutti i loghi delle organizzazioni che fanno riferimento alla Rete del sindacalismo europeo e di base, con la scritta "LOTTIAMO IN TUTTA EUROPA CONTRO AUSTERITA' E B.C.E." Nel corso del presidio è stato distribuito un volantino in italiano e spagnolo, che riprendeva il testo dell'appello comune internazionale per la giornta del 26 settembre, si sono succeduti diversi interventi al microfono che hanno spiegato le motivazioni dell'iniziativa in concomitanza lo stesso giorno e sullo stesso appello, con manifestazioni nelle principali capitali europee e a sostegno degli scioperi in GRECIA e IN SPAGNA, dove in quei giorni vi erano state imponenti manifestazioni. Una delegazione è stata poi ricevuta dal Direttore dell'Ufficio della U.E. in Italia, al quale è stato consegnato un documento che riprendeva i temi della mobilitazione e che ha interloquito con la delegazione, anche in vista di... future manifestazioni.

Il presidio si è svolto pacificamente e senza alcun incidente con le forze dell'ordine (da tempo l'ufficio della U.E. è presidiato dall'Esercito, visto che è considerato un "obiettivo sensibile" da attacchi "terroristici") e si è concluso poco prima delle 19. Si è trattato di un primo e iniziale momento di sostegno e solidarietà internazionale della Rete, organizzata dalle strutture sindacali che la rappresentano in Italia e un ulteriore momento di collegamento di lotte e iniziative che dovranno avere nell'immediato futuro un respiro e una portata internazionale e internazionalista, non esistendo una via "nazionale e nazionalitaria" di contrasto (nè di uscita) dalla crisi imposta dai padroni, dalla grande finanza e dalle banche.

Un percorso di autorganizzazione a livello internazionale che vedrà di nuovo protagoniste le varie organizzazioni di lavoratori e lavoratrici, sia con campagne informative e di sensibilizzazione, sia con manifestazioni e per lo sviluppo di lotte solidali, antirazziste e dal basso.

Trasmette il resoconto per le OO.SS. promotrici - Unione Sindacale Italiana

Related Link: http://www.usiait.it/

This page has not been translated into Kurdî / کوردی yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Reflexiones sobre la situación de Afganistán

Αυτοοργάνωση ή Χάος

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]