user preferences

Cremona: ora è tempo di unirsi intorno al compagno Emilio ed ai suoi cari

category italia / svizzera | antifascismo | comunicato stampa author Monday February 02, 2015 01:21author by Alternativa Libertaria/FdCA - Federazione cremonese Report this post to the editors

L’antifascismo deve tornare ad essere un valore condiviso nella quotidianità e nelle relazioni sociali altrimenti perderemo tutti.

Noi siamo e saremo vicino ai compagni del CSA Dordoni per la difesa di uno spazio di aggregazione delle lotte sociali, vedi quelle della casa. Altre sono le sedi da chiudere, quelle degli intolleranti, razzisti e xenofobi, di chi aggredisce a sprangate i compagni e con qualche complicità ne esce sempre fuori.


Cremona: ora è tempo di unirsi intorno al compagno Emilio ed ai suoi cari

L’antifascismo deve tornare ad essere un valore condiviso nella quotidianità e nelle relazioni sociali altrimenti perderemo tutti


Chi pensava di liquidare la manifestazione di sabato 24 gennaio come una prova di forza di pochi residuati antagonisti, non ha colto la portata di questo evento. Una manifestazione antifascista che ha richiamato migliaia di compagni, cosa mai vista prima a Cremona, per portare solidarietà al compagno Emilio e per ribadire con forza che le sedi fasciste vanno chiuse.

Da tempo ormai denunciamo nei nostri comunicati le grosse responsabilità delle autorità cittadine che con troppa disinvoltura concedono spazi a organizzazioni dichiaratamente fasciste, una questura accondiscendente che si lascia sfuggire gli aggressori per denunciare poi gli aggrediti.

L’aumento di gravi atti di aggressione e intimidazione a danno di militanti di sinistra oltre ad una aumentata presenza fascista in Italia e in Europa, merita una risposta politica adeguata, creando alleanze e i giusti rapporti di forza per chiudere l’agibilità politica a questi delinquenti.

La tradizione anarchica è per l’unità antinazifascista di massa (non dimentichiamoci il Fronte Unico Antifascista proposto a suo tempo da Errico Malatesta, di tutte le forze antifasciste), coinvolgendo quante più ampie realtà politiche e sociali.

Se l’antifascismo dovesse arretrare a scontro tra blocchi minoritari contrapposti, non usciremmo dalla logica delle trappole e degli agguati e continueremmo a piangere compagni abbattuti per mano fascista.

Guai se il movimento antifascista dovesse perdere quella connotazione popolare che ha sempre avuto in Italia, e che sembra confermata anche oggi dalla manifestazione di Cremona, perderebbe la sua centralità e la sua irriducibilità antiautoritaria e libertaria per essere insultato ancora una volta quale scontro tra “opposti estremismi” secondo la peggiore vulgata di Stato che ci ammorba da quarantanni.

Ora è tempo di unirsi intorno al compagno in fin di vita ed ai suoi cari, basta frignare sui vetri rotti delle banche, qualche lavoratore avrà da fare e l’economia gira.

Forse sabato 24 a Cremona abbiamo perso un’occasione, qualcuno però dovrebbe rispolverare il suo antifascismo, vergognose sono infatti le prese di posizione da parte di alcune forze politiche cittadine che non hanno mai chiesto la chiusura della sede dei fascisti di Casapound per chiedere oggi la chiusura dei centri sociali. Ridicoli.

Noi siamo e saremo vicino ai compagni del CSA Dordoni per la difesa di uno spazio di aggregazione delle lotte sociali, vedi quelle della casa. Altre sono le sedi da chiudere, quelle degli intolleranti, razzisti e xenofobi, di chi aggredisce a sprangate i compagni e con qualche complicità ne esce sempre fuori.

L’antifascismo deve tornare ad essere un valore condiviso nella quotidianità e nelle relazioni sociali altrimenti perderemo tutti.

Alternativa Libertaria/FdCA - Fed. Cremonese


Related Link: http://www.fdca.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Reflexiones sobre la situación de Afganistán

Αυτοοργάνωση ή Χάος

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]