user preferences

Solidarietà con la lotta NO TAV

category internazionale | ambiente | comunicato stampa author Sunday February 22, 2015 16:39author by Anarkismo Report this post to the editors

Basta con le grandi opere inutili e con la repressione degli attivisti!

Fermare l'inutile progetto di alta velocità tra Torino e Lione significa fermare le sue mortali conseguenze sull'ambiente e sulla natura. Occorre fermare tutte le grandi opere inutili. Bisogna fermare il sacco dei territori! Bisogna riprendere il controllo popolare sui territori!
Per tutto questo, il 21 febbraio grande manifestazione unitaria del movimento NO TAV a Torino. [English]

notav210215.jpg


Solidarietà con la lotta NO TAV

Basta con le grandi opere inutili e con la repressione degli attivisti!


Da più di 20 anni, i residenti della Val di Susa, la gente comune e gli attivisti si oppongono alla costruzione di una ferrovia ad alta velocità per collegare Torino a Lione. Questa inutile infrastruttura provocherebbe una catastrofe ambientale letale per la natura e per l'equilibrio del sistema ecologico. Lo scavo di alcune delle gallerie previste provocherà la produzione di polveri di uranio e di amianto che si diffonderanno in tutta la valle. Sono altresì previsti molti espropri, in particolare di terreni agricoli, per facilitare la costruzione della ferrovia.
E' stato dimostrato che i lavori per il TAV costeranno una fortuna per le popolazioni locali, mentre le linee attualmente in funzione potrebbero essere rese più funzionali e meglio utilizzate, soprattutto per il trasporto delle merci, che attualmente avviene su gomma, con grave inquinamento ambientale.

Ogni metro di TAV costa 158.000 euro! Si tratta di risorse pubbliche sottratte ad opere ed a servizi socialmente utili per consegnarle nelle mani di mafie ed affaristi.

Fin dall'inizio del progetto ci sono state forti proteste che non si sono mai interrotte, coinvolgendo migliaia di manifestanti che hanno occupato la Val di Susa e si sono resi protagonisti di diversi atti di resistenza e di sabotaggio nei cantieri imposti alla popolazione locale.

Questo movimento è riuscito ad creare unità di lotta tra gli attivisti della Valle, persone di ogni parte d'Italia ed anche collettivi francesi, diventando in questi 20 anni un punto di riferimento per i movimenti sociali italiani. Lo Stato italiano ha usato la mano pesante della repressione. Per anni, gli attivisti NO TAV sono stati colpiti da provvedimenti giudiziari, emessi con rabbioso zelo dalla magistratura italiana.

Anche se recentemente è caduta l'accusa di terrorismo, lo Stato italiano continua a colpire indiscriminatamente il movimento NO TAV, criminalizzando ogni manifestazione. Una vera e propria strategia tesa a colpire gli attivisti politici, sindacali e sociali in Italia, che si sta diffondendo in tutta Europa e nel mondo. Recentemente 48 militanti NO TAV sono stati condannati a oltre 140 anni complessivi di galera e ad un risarcimento di oltre 100.000 euro per le manifestazioni tenutesi tra il 27 giugno ed il 3luglio 2011. Si è trattato di una condanna politica costruita con intimidazioni e forzature.

In tutto il mondo stanno sorgendo movimenti popolari contro le grandi opere inutili come la Testet TAZ, i progetti per dighe, aereoporti, centrali nucleari e molti altri finalizzati ad una società industrial-produttivistica che gli Stati ed il capitalismo ci stanno imponendo.

Poco tempo fa, un compagno ha perso la vita, ucciso da una granata lanciata dalla polizia. Questo compagno poteva essere uno di noi. Rémi è stato assassinato mentre difendeva una zona che sarebbe stata trasformata in diga per garantire gli interessi dell'industria agricola nel Testet; una prova eloquente di quanto lo Stato e le maggiori imprese capitalistiche abbiano poca considerazione per la vita umana, per non parlare della natura.

Fermare l'inutile progetto di alta velocità tra Torino e Lione significa fermare le sue mortali conseguenze sull'ambiente e sulla natura!
Occorre fermare tutte le grandi opere inutili. Bisogna fermare il sacco dei territori!
Bisogna riprendere il controllo popolare sui territori!

Per tutto questo, il 21 febbraio grande manifestazione unitaria del movimento NO TAV a Torino.

Solidarietà internazionale!

Alternativa Libertaria/FdCA (Italy)
Alternative Libertaire (Francia)
Coordination des Groupes Anarchistes (Francia)
Organisation Socialiste Libertaire (Svizzera)
Collectif Communiste Libertaire Bienne (Svizzera)
Libertarian Communist Group (Galles)
Workers Solidarity Movement (Irlanda)
Melbourne Anarchist Communist Group (Australia)
Zabalaza Anarchist Communist Front (Sud Africa)
Coordenação Anarquista Brasileira (Brasile)
federación Anarquista uruguaya (Uruguay)

Related Link: http://www.anarkismo.net
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

ANARCHISM, ETHICS AND JUSTICE: THE MICHAEL SCHMIDT CASE

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]