user preferences

SturmTrump ringrazia Obama

category internazionale | imperialismo / guerra | opinione / analisi author Wednesday November 16, 2016 18:45author by Lucio Garofaloauthor email l.garofalo64 at gmail dot com Report this post to the editors

Provo a mettere un po' d'ordine tra le varie interpretazioni e le valutazioni più disparate che ho letto in questi giorni sulla vittoria di Trump (imprevista solo per i media "mainstream") alle elezioni presidenziali USA...

SturmTrump ringrazia Obama

Provo a mettere un po' d'ordine tra le varie interpretazioni e le valutazioni più disparate che ho letto in questi giorni sulla vittoria di Trump (imprevista solo per i media "mainstream") alle elezioni presidenziali USA. A parte la scarsa credibilità etica e politica di una candidata sostenuta apertamente dall'establishment imperialista e guerrafondaio come Killary Clinton, questa ha perso soprattutto (a mio modesto avviso) a causa del clamoroso fallimento delle politiche sociali ed economiche perseguite dall'amministrazione Obama, la cui elezione suscitò enormi speranze tra gli strati sociali meno abbienti e maggiormente in difficoltà in seguito alla crisi economica. Invece, negli anni di amministrazione Obama le fasce della popolazione sprofondate al di sotto della soglia di povertà si sono addirittura estese, coinvolgendo quelli che un tempo erano considerati i ceti intermedi benestanti. Non a caso, ritengo che il voto più determinante per il successo presidenziale di SturmTrump sia probabilmente venuto dai ceti operai e piccolo-borghesi impoveriti dalla recessione e dalle politiche fallimentari dell'amministrazione Obama. A "decidere" le sorti degli USA e del mondo, "optando" per il fascio-populismo (il razzismo xenofobo, il sessismo, la misoginia e quant'altro Trump incarna agli occhi dei "radical-chic" scandalizzati) sono stati pezzi di proletariato e piccola borghesia statunitensi, che hanno visto deluse le speranze riposte in Barack Obama all'indomani della sua elezione nel 2008. Intendo dire che quanti negli USA stanno scendendo in piazza per manifestare la propria rabbia ed indignazione al grido di "Trump non è il mio presidente", dov'erano prima? Perché non si sono mobilitati contro le politiche interne (ed internazionali) intraprese dall'amministrazione Obama? È vero che abbiamo assistito al sorgere del movimento degli Indignati contro Wall Street ed i responsabili della crisi. Ma tale movimento si è spento assai presto, non si è radicato in modo capillare tra le classi operaie e lavoratrici statunitensi per dare vita ad un'opinione pubblica progressista di sinistra, radicalmente alternativa o antagonista rispetto al sistema (establishment) dominante. Si è "consolato" con l'appoggio al candidato più schierato a sinistra, ovvero Bernie Sanders, con l'esito politico-elettorale a cui oggi abbiamo assistito.

Lucio Garofalo

This page has not been translated into 한국어 yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!

Front page

A libertarian socialist view of the capitalist and health crisis in the Americas

Una mirada socialista y libertaria de la crisis capitalista y sanitaria en el continente americano

Solidaridad Con El Proceso De Liberación De La Madre Tierra En El Norte Del Cauca

Is the Republican Party Fascist?

Podcast (in Englisch): Massenbewegungen in Lateinamerika

Podcast: Mass movements in Latin America

Η γκιλοτίνα επί το έργον

Choosing between life and Capital in Latin America: Interview with Jeffery R. Webber

Wilder Streik von Erntehelfer*innen in Bornheim | Video von Die Plattform Ruhr

Modes of politics at a distance from the state

Afrontemos la pandemia y la crisis, fortalezcamos la solidaridad obrera y popular

Encuentros Ácratas: Anarquismo y luchas populares en Chile

Ας μη γυρίσουμε πίσω στην κανονικότητα

Serious Concern at Escalating State Xenophobia in South Africa

O desgoverno do condomínio: o Palácio do Planalto virou o Jambalaya do Coiso

Our Morals and Theirs

Η ανάγκη της μετάφρασης ιδεών στη ζωή

El Tribunal Constitucional alemán, contra Europa

Κοινωνία θετική σε πατριαρχία - ρατσισμό

COVID-19: Not going back to “business as usual”

A Dirty Military Incursion into Venezuela

La revolución tecnológica y los momentos que vivimos

Ψηφιακή Αναδιάρθρωση κι Εκπαιδευτική Δυστοπία

Contro La Pandemia Capitalista, Solidarietà Tra I Popoli

© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]