user preferences

New Events

Grecia / Turchia / Cipro

no event posted in the last week

CHI HA PORTATO IN SIRIA IL GAS SARIN?

category grecia / turchia / cipro | imperialismo / guerra | opinione / analisi author Saturday April 15, 2017 02:34author by Gianni Sartori Report this post to the editors

Due deputati del partito turco CHP hanno fornito ipotesi inquietanti sul gas sarin responsabile della morte di civili in Siria.
Esisterebbero responsabilità turche nella fornitura di "materie prime" al Fronte Al-Nusra

IL TRAFFICO DI GAS SARIN: DALLA TURCHIA AL FRONTE AL-NUSRA
(Gianni Sartori)

Da dove proveniva il gas sarin utilizzato in Siria per sterminare migliaia di civili inermi?
Anche dalla Turchia, stando a quello che hanno dichiarato in conferenza stampa i deputati del partito CHP Erdem Eren e Ali Seker.
Le “materie prime” necessarie per produrlo sarebbero transitate per la Turchia sotto la supervisione dell'intelligence e della polizia turca per essere trasportate nella località di Ahrar-i Sham.
Il destinatario? Il Fronte dei “ribelli” denominato Al-Nusra, legato ad Al Qaeda.
Il dato era emerso dalle intercettazioni telefoniche nel corso della causa intentata dall'Alta Corte di Adana contro una dozzina di esponenti di Al-Nusra e di un'altra banda di tagliagole, Ahrar-i Sam. Causa poi conclusa con un discutibile “non luogo a procedere”.

Una evidente contraddizione con quanto sosteneva, in linea con gli Stati Uniti, Recep Tayyp Erdogan. Il presidente turco si era sempre detto convinto della responsabilità del governo siriano per gli attacchi chimici
Non poche perplessità aveva poi suscitato il rilascio di Hytham Qaasap, accusato di aver procurato ai terroristi di Ahrar-ı Sham e di Al-Nusra le materie prime per la produzione di armi chimiche. Insieme a questo cittadino siriano, membro del fronte Al-Nusra, erano stati rilasciati anche altri sospetti (in particolare cinque cittadini turchi che lo avevano aiutato). Nonostante dalle conversazioni telefoniche intercettate emergesse chiaramente come e dove le sostanze chimiche erano state acquistate e come e dove i razzi per trasportare questi materiali venissero prodotti. Ovviamente in Turchia.

Seker ha ricordato che la produzione di gas nervino è stata avviata nel 1936 e quella di gas Sarin nel 1938.
Aveva poi sottolineato come il gas Sarin sia cinquecento volte più efficace del cianuro, il cui uso ha provocato la morte di oltre 5.000 persone ad Aleppo.
Il deputato di CHP aggiungeva che l’accusa menziona anche un acquisto di fosforo bianco (quello usato dagli Stati Uniti a Fallujah e da Israele a Gaza), altra sostanza chimica classificata come molto pericolosa . Ben noti i suoi effetti: brucia il corpo umano fino alle ossa lasciando intatti i vestiti.
Queste armi chimiche erano state utilizzate in Siria il 7 giugno e nell'agosto del 2013, ma ormai il caso è stato annullato e tutti i sospetti prosciolti.
Come è stato spiegato nella conferenza stampa “dei 13 sospettati che erano stati arrestati, 7 sono stati immediatamente rilasciati. L'indagine è proseguita per 6 di loro, che sono stati poi rilasciati qualche tempo dopo”. Da voci non confermate sembrerebbe che tutti questi oscuri personaggi nel frattempo siano stati trasferiti all'estero, al sicuro da ulteriori indagini.
Un rilascio, quello di tutti i sospettati nonostante la consistenza delle prove raccolte, che “lascia molto da pensare” secondo Şeker.
L'altro esponente del CHP presente alla conferenza stampa, Eren Erdem, ha sostenuto che “l’atto d’accusa è una prova del crimine di guerra commesso sul territorio della Repubblica turca e documenta lo sfondo dell’attacco di gas Sarin effettuato in Siria, la cui colpa è stata poi data al regime di Assad dai media convenzionali”.
Dove per “convenzionali” si dovrebbe forse intendere “allineati”.
Per Erdem anche l’Istituto di Meccanica e Chimica sarebbe coinvolto nel traffico di sostanze chimiche. Inoltre “l’atto d’accusa dimostra che i nomi di coloro che hanno procurato i materiali all’Istituto di Meccanica e Chimica non hanno avuto problemi con il controllo del passaporto alla dogana”. Una conferma che “la polizia turca e l’unità di intelligence erano state tutte informate su tutte queste preparazioni”.
Ora i deputati del CHP chiedono che l’allora ministro degli Interni e il PM rendano conto pubblicamente sulla vicenda. Appare quasi scontato che la loro legittima richiesta rimarrà inascoltata.
Gianni Sartori

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

How Do We Stop a Coup?

Aλληλεγγύη στους 51 αντιφασίστες της Θεσσαλονίκης

No war on China

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]