user preferences

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

category russia / ucraina / bielorussia | genero | editoriale author Friday May 12, 2017 23:40author by Alternativa Libertaria/fdca - AL/fdca Report this post to the editors

Cecenia e non solo

featured image

Solidarietà con le vittime di omofobia in Cecenia e non solo

[English][Français]


17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia. Cecenia e non solo

La Novaya Gazeta, un giornale di opposizione in Russia, ha pubblicato una serie di report sulla Cecenia riguardanti la detenzione di decine di uomini in un carcere segreto “perchè di orientamento sessuale non tradizionale o sospettati di esserlo”. Il giornale russo scrive che le recenti ondate repressive hanno portato all’arresto di più di 100 uomini ed alla morte di almeno tre di loro.

Le atrocità riportate dal giornale russo non sono state confermate da fonti indipendenti, tuttavia Human Rights Watch sostiene che qualcosa sta davvero succedendo, in base alle informazioni raccolte da fonti affidabili.

Tanya Lokshina, direttrice del programma di HRW in Russia sostiene che il numero delle fonti e la coerenza delle storie non lasciano dubbi sul devastante sviluppo della campagna anti-gay in corso in Cecenia.

Ekaterina Sokirianskaia dell’International Crisis Group, esperta nelle questioni del Caucaso del Nord, ha ricevuto medesime conferme dalle sue fonti.

Una linea diretta, attivata in Russia dal LGBT-Network per i Ceceni, ha ricevuto più di dieci chiamate dalla Cecenia nelle due settimane successive alla pubblicazione dell’articolo sulla Novaya Gazeta.

La brutalità della repressione dimostra quanto la Cecenia sia diventata un feudo del suo presidente Ramzan Kadyrov. Il portavoce del presidente ceceno ha replicato alla Novaya Gazeta negando che ci siano persone gay in Cecenia dal momento che “Se ci fossero persone del genere in Cecenia, gli organi di polizia non avrebbero niente a che vedere con loro, poichè i parenti di costoro li avrebbero già mandati in un posto da cui non farebbero più ritorno”.

Chi crede che solo un intervento di Putin potrebbe indurre le autorità cecene a mettere fine a questa persecuzione, trascura il fatto che il Cremlino dipende dal presidente Kadyrov per garantire la stabilità della repubblica cecena, cosa che sta impegnando il Cremlino da anni.

Infatti Kadyrov dispone di una forza di sicurezza personale di circa 20.000 uomini e la sua repubblica è stretta osservante di codici religiosi e sociali ultra-tradizionali, che sfuggono persino alla legislazione russa; lo stesso Kadyrov si sarebbe dichiarato favorevole alla poligamia ed al delitto d’onore.

Qualsiasi dibattito sull’omosessualità è tabù e le persone gay sono del tutto invisibili. Il che rende complessa l’azione di contatto con loro e quella di documentazione della repressione.

“Le informazioni arrivano con ritardo” sostiene Igor Kochetkov del LGBT-Network russo che ha anche iniziato un programma di evacuazione dalla regione. La realtà della brutale repressione potrebbe essere anche più profonda di quella descritta dalla Novaya Gazeta. Come sostiene Ekaterina Sokirianskaia:”Abbiamo solo iniziato a vedere la punta dell’iceberg”.

Alternativa Libertaria solidarizza con la comunità LGBT della Federazione Russa, contro gli arresti e le aggressioni in Cecenia, in Russia, e in altri paesi della Federazione ove già da due anni è stato imposto il divieto di libera espressione sulla stampa e negli spazi pubblici, sosteniamo la controinformazione sui fatti che accadono e sensibilizziamo in modo che il pensiero autoritario e neo-religioso tradizionalista nei paese della Federazione sia smascherato come strumento di dominio sulla popolazione.

4 maggio 2017 Alternativa Libertaria/fdca

Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into 한국어 yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

ANARCHISM, ETHICS AND JUSTICE: THE MICHAEL SCHMIDT CASE

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Στηρίζουμε την εργατική πορεία

Σημειώσεις για τις ταραχές στο Μενίδι

Ni El Decreto Ni Los Palos Detendrán La Lucha Popular

IN MEMORIA DI MAURIZIO GIARON

Book Review: Raymond B. Craib, The Cry of the Renegade. Politics and Poetry in Interwar Chile (Oxford University Press, 2016)

IN MEMORIA DI UN OPERAIO ASSASSINATO

(Video) La Revolución en Kurdistán y las mujeres de armas tomar

Anarquistas sabotean con explosivos torniquetes de metro en Atenas; "el transporte debe ser para el pueblo"

Ayutla de los Libres se regirá sin partidos políticos y por la autonomía; es hora de que los pueblos se autogobiernen

Slaughterers of the Palestinian people

Absolute boy - The Youth Revolt that led Corbyn to a victory of sorts

Who Are the Anarchists and What Is Anarchism?

Entre la guerra y la paz [Parte I]

Livorno: Donne Contro - intervista a 10 donne anarchiche, marxiste e femministe nella Rivoluzione Spagnola

Una tragedia putumayense en tres actos: entrando al “post-conflicto”

"Έφυγε" η συντρόφισσα Ευγενία Β.,

Καμία ανοχή στις μαφιόζικες πρακτικές

The First International and the Development of Anarchism and Marxism

Απαιτούμε αξιοπρεπή ζωή

Grupo paramilitar asesina a 6 personas y deja 3 menores heridos para despojar territorios en Cacahuatepec, Guerrero

Campaña internacional de video-mensajes en solidaridad con la Confederación de Mujeres de Rojava

Fuelling the fires: South Africa in class war

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]