user preferences

28 settembre, giornata internazionale per il diritto all’accesso all’aborto dovunque in Europa e nel mondo

category italia / svizzera | genero | comunicato stampa author Sunday October 01, 2017 00:55author by Alternativa Libertaria/FdCA Report this post to the editors

Alternativa Libertaria/fdca aderisce e partecipa alla giornata internazionale del 28 settembre per difendere ed estendere il diritto all’aborto, che è diritto all’accesso a un aborto sicuro, libero, e gratuito per tutte le donne.

Alternativa Libertaria/fdca aderisce e partecipa alla giornata internazionale del 28 settembre per difendere ed estendere il diritto all’aborto, che è diritto all’accesso a un aborto sicuro, libero, e gratuito per tutte le donne.
Anche all’interno dell’Unione Europea, che si propone come campione nella difesa dei diritti umani, il diritto delle donne a disporre liberamente dei propri corpi viene spesso limitato e posto dopo gli interessi del capitale e merce di scambio politico con le frange reazionarie e patriarcali. Proibito o molto limitato in 5 paesi europei, negli altri paesi il diritto all’aborto è messo in discussione dalle varie politiche di austerità e dalla crescita di idee reazionarie.
Se in Italia si è finora riuscite a rispondere agli attacchi manifesti alla legge 194 non si riesce ancora, a quasi 40 anni dalla promulgazione, a garantirne la applicazione sul territorio nazionale.
Il diritto all’aborto rimane costantemente disapplicato all’interno delle strutture sanitarie, con la presenza storica e inamovibile di percentuali da record di obiettori (strumentali) di coscienza, per cui l’Italia è stata periodicamente richiamata dal Tribunale europeo per i diritti sociali, come dall’assenza di qualunque forma di percorso che lo renda accessibile alla gran parte delle donne.
Il peso di una gravidanza non voluta e non cercata, sempre altissimo e, data lo stato di precarietà vigente, di fatto insostenibile, ricade sempre sulle donne (le più fragili, le giovani, le precarie, le migranti…) e sulla società: se le IVG legali diminuiscono anno dopo anno cresce il ricorso all’aborto clandestino, con le ovvie conseguenze sulla salute delle donne che lo praticano.
Il tutto in un contesto in cui non è garantito né gratuito, come invece avviene in altri paesi europei, il ricorso alla contraccezione, anche d’emergenza, e l’aborto chimico rimane fortemente osteggiato nelle strutture ospedaliere e vengono periodicamente alla luce, anche all’interno delle strutture pubbliche, gravi fatti di intimidazione, vessazione e mala sanità che hanno come vittime le donne che cercano di abortire.
Le donne in questo paese continuano a lottare per rendere effettivo il diritto di autodeterminazione, e questo è il momento di occupare anche lo spazio politico europeo: un’occasione è l’appello alla mobilitazione in tutta Europa lanciato e seguito da centinaia di associazioni, sindacati e organizzazioni politiche europee. Il 28 settembre, che in Italia si affianca alla mobilitazione “Ve la siete cercata” contro la violenza sessuale e la sua strumentalizzazione, è una data che deve segnare l’inizio di una campagna unitaria, a livello europeo, per fare pressione sulle differenti istanze statali e interstatali europee.
Della campagna europea non ci interessa tanto la petizione che sarà recapitata ai membri del Parlamento Europeo il 28 di settembre a Bruxelles, ma l’occasione di una mobilitazione reale che dovrà essere forte. Non abbiamo illusioni su cosa potrebbero portare le prossime elezioni europee nel 2019. Serve un movimento di grande portata di donne e di uomini per la difesa dell’autoderminazione e dei diritti sociali. Per questo da questo 28 settembre, come rete di Anarkismo, ci impegniamo in una campagna europea condivisa con l’obiettivo di ricordare che spetta a ogni donna decidere liberamente del proprio corpo, e a nessun altro.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

AUKUS: A big step toward war

Reflexiones sobre la situación de Afganistán

Αυτοοργάνωση ή Χάος

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]