user preferences

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

[Castellano] [Português] [English] [Français] [Ελληνικά]

category internazionale | movimento anarchico | editoriale author Monday December 11, 2017 05:39author by EuroAnarkismo - AL/FdCA-AL-CGA-LSF-OSL-WSM Report this post to the editors

featured image

Le organizzazioni europee federate nella rete Anarkismo si sono riunite tra il 18 e il 19 novembre a Genova. Abbiamo parlato e discusso, ragionato e pensato, provando a pianificare quelli che sono i nostri compiti da portare avanti, come rete, in Europa. Le delegazioni provenienti da Galles, Francia, Italia, Svizzera e Irlanda, e un saluto caloroso dai compagni/e catalani di Embat, hanno espresso la necessità di seguire e sviluppare un intervento comune.

[Français] [English] [Português] [Castellano] [Ελληνικά]




Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Le organizzazioni europee federate nella rete Anarkismo si sono riunite tra il 18 e il 19 novembre a Genova. Abbiamo parlato e discusso, ragionato e pensato, provando a pianificare quelli che sono i nostri compiti da portare avanti, come rete, in Europa.

Le delegazioni provenienti da Galles, Francia, Italia, Svizzera e Irlanda, e un saluto caloroso dai compagni/e catalani di Embat, hanno espresso la necessità di seguire e sviluppare un intervento comune.

Dove siamo?

La fase che stiamo vivendo è senza dubbio di crisi sistemica e di trasformazione strategica. Il capitale in crisi è alla ricerca di un nuovo modello di regolazione nel quale si inserisce una crisi determinante della sinistra.

Il social-liberalismo è parte attiva dello Stato e della gestione europea del capitale. Si è convertito in strumento di dominio e di sfruttamento. Un altro settore della sinistra rivendica un'ambizione riformista che si appoggia su strategie stataliste senza però riuscire a costruire una proposta alternativa sociale ed emancipatrice. Cè anche un ampio settore che lotta e che anima le resistenze dal basso e che non accetta le limitazioni legate alle politiche istituzionali.

Mentre il processo di liquidazione di un modello fordista ci riporta a forme di sfruttamento sul lavoro che evocano gli inizi del ‘900, il proletariato classico si trasforma e si allarga, si configurano nuove forme di sfruttamento con lavoro autonomo e nuove strutture di lavoro salariato dentro una spinta alla precarizzazione di tutte le condizioni della vita.

Siamo di fronte a nuove contraddizioni, con relativa possibilità che esplodano, come la Brexit o la crescita dell’estrema destra verso la conquista del potere statale nella Unione Europea. Il blocco geostrategico europeo è in bilico, con forti lacerazioni interne, tra il costituirsi nel futuro prossimo come un polo imperialista coerente o subire la subalternità di fronte agli altri centri di potere del mondo.

A tutto questo si aggiunge la mancanza di un movimento sociale in grado di ostacolare l'offensiva del blocco dominante, di avanzare verso nuove conquiste e di organizzare in maniera solida l’insieme dei gruppi sociali dominati.

Questo a fronte di una estrema destra sempre piu aggressiva e un'offensiva della borghesia contro tutti i diritti e le conquiste sociali accumulati duramente con le lotte degli ultimi 150 anni.

Dove vogliamo andare e cosa dobbiamo fare

Se la fase in corso e quella che verrà presentano una situazione dura e difficile, e tali saranno le condizioni da affrontare nel nostro intervento, in ogni caso non ci spaventiamo e non ci tiriamo indietro.

La fine del capitalismo e l’autogestione della società sono una necessità che non possono e non devono aspettare, anche se costituiscono obbiettivi storici. Sono parte fondante e integrante delle nostre pratiche in seno all’organizzazione degli e delle sfruttati/e. È nelle lotte di oggi che prepariamo e impariamo i valori del mondo che vogliamo costruire.

Non crediamo a scorciatoie e il nostro compito quotidiano è quello di costruire, mattone dopo mattone, passo dopo passo, lotte e conflitti nei nostri quartieri e nei posti di lavoro. Accumulare forze per poter raggiungere e mobilitare tutta quella parte di società che è resistenza e dissidenza, che rifiuta le compatibilità col capitalismo e afferma l’unica alternativa possibile: l’organizzazione dal basso e la distruzione di ogni tipo di sfruttamento e dominazione. La nostra politica è di emancipazione, di azione di base, di costruzione di potere popolare.

Abbiamo visto che l’Europa, malgrado le contraddizioni ed i conflitti interni, non è solo un'unione di Stati in uno spazio comune, ma un sistema di potere transnazionale che possiede una capacità d’intervento strategico proprio per garantire gli interessi fondamentali del blocco dominante.

Crediamo e lavoriamo quindi, anche noi per riuscire a costruire una cultura e una strategia comune alle nostre organizzazioni, rafforzando le lotte sociali e radicando al loro interno l’anarchismo organizzato di classe e di emancipazione, costituendo nello spazio comune una rete internazionale capace di dare le risposte necessarie ai processi che ci colpiscono. Individuando le potenzialità di lotta, vogliamo generare alternativa e rapporti di forza a noi favorevoli.

Siamo decisi a portare sempre e ovunque sia necessario il nostro contributo al movimento di lotta sociale in Europa e in tutto il mondo.

Avanzare, lottare, costruire potere popolare!
Portiamo un mondo nuovo nei nostri cuori.

Alternativa Libertaria/FdCA - Italia
Alternative Libertaire - Francia
Coordination des Groupes Anarchistes - Francia
Libertarian Socialist Federation - Galles/Inghilterra
Organization Socialiste Libertaire - Svizzera
Workers Solidarity Movement - Irlanda



Documento finale dell'incontro internazionale della rete europea di Anarkismo tenuto a Genova il 18-19 novembre 2017

This page has not been translated into 한국어 yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!

Front page

¡La Guerra Contra las Comunidades del Norte del Cauca, Continúa!

India’s Kashmir Crackdown Poses Risk of War

July 2019 Kate Sharpley Library Bulletin online

Η Αναρχική Ομοσπονδία Σαντιάγο γεννήθηκε

[Chile] Nace La Federación Anarquista Santiago

„Wir wollen da sein, wo es brennt!” – Interview mit dem re:volt Magazine

Maoism vs. Libertarian Socialism? Review of Elliot Liu, Maoism and the Chinese Revolution; A Critical Introduction (2016)

Syndikalismus oder Plattformismus? Syndikalismus UND Plattformismus! – eine Entgegnung

Documentos de la Revolución majnovista (1917-1921)

Ενάντια στον εξουσιαστικό πολιτισμό

A proposito del tema della violenza

Encuentro Ácrata: Conmemorando la Revolución Española

In memoria di Carlo Giuliani e degli avvenimenti del G8

Movie Review: ‘Gun City/Sombra De LA Ley' (2018)

Moving from Crisis in South Africa's Municipalities to Building Counter-Power

Η Mνήμη συνεχίζει να οπλίζει τις μνήμες

Los soviets libres de Ucrania en la historiografía soviética

About the conditions under which we fight and the current state of the anarchist movement in the German-speaking region – for the creation of a revolutionary, platformist organization!

Nuevas tecnologías en el trabajo. El panóptico laboral

Μ. Μπακούνιν: Διαχρονική αξία των ιδεών του

[Book Review] “Anarchist Perspectives in Peace and War 1900-1918” by A.W. Zurbrugg (London: Anarres Editions -Merlin Press, 2018)

Αποχή για την ταξική μας αξιοπρέπεια

O ΠΟΛΕΜΟΣ ΣΑΝ ΕΠΑΝΑΣΤΑΣΗ.

Trump is Not the Main Problem

© 2005-2019 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]