user preferences

New Events

Grecia / Turchia / Cipro

no event posted in the last week

Grecia: L'esercito nazionale e i documenti di esenzione

category grecia / turchia / cipro | imperialismo / guerra | comunicato stampa author Tuesday January 23, 2007 17:58author by OAE - ufficio stampa - (Federazione degli Anarchici della Grecia)author email outetheos at yahoo dot com dot au Report this post to the editors

Comunicato dell'ufficio stampa dell'OAE

Il nostro obiettivo infatti deve essere un cambiamento dell'organizzazione sociale in cui l'esercito nazionale sia abolito, sostituito da una milizia popolare che difende la rivoluzione anarchica per l'uguaglianza, per la libertà e per la proprietà comune dei beni. E facciamo appello a tutti gli oppressi e gli sfruttati perché si uniscano a questa lotta.


L'esercito nazionale e i documenti di esenzione

Comunicato dell'ufficio stampa dell'OAE

La Federazione degli Anarchici della Grecia (OAE), considerando che la questione del servizio militare obbligatorio nell'esercito nazionale della Grecia preoccupa la società in generale, e a prescindere dal fatto che la questione faccia notizia oggi in seguito allo scandalo delle esenzioni "eponimi" da tale servizio, dichiara quanto segue:

1. L'esercito nazionale di ogni Stato serve gli interessi delle classi sovrane. In esso prevale sempre l'ineguaglianza e gli "eponimi" godono di un trattamento migliore rispetto agli altri. I ricchi e coloro che appartengono alle classi sovrane non hanno mai combattuto in prima fila; i generali ed i politici professionisti danno i loro comandi dalle retrovie.

2. Il servizio militare nazionale obbligatorio costituisce una scuola di educazione nazionale per i giovani. In tale scuola, le nuove reclute imparano meglio la disciplina forzata, la gerarchia ed i mezzi di segregazione delle classi. L'orientamento mercenario che l'esercito nazionale greco ha intrapreso negli ultimi anni non cambia in alcun modo la sua natura fondamentale; dà semplicemente la conferma che dare il compito della protezione degli interessi sovrani ai più poveri ed ai più oppressi nella popolazione è un inganno madornale.

3. La sicurezza degli sfruttati e delle parti oppresse della popolazione, in caso di una guerra tra gli Stati, non può essere garantita da un esercito nazionale. Nelle guerre tra nazioni, l'unica vittima è sempre il proletariato, che stia dalla parte dei "vittoriosi" o dalla parte dei "vinti". Il proletariato di entrambe le parti viene distrutto negli interessi delle classi sovrane nelle sanguinarie guerre nazionali.

Per le ragioni di cui sopra, rivendichiamo per ogni persona oppressa e sfruttata la libertà di scegliere di non prestare il servizio militare. Inoltre, crediamo che i mezzi con cui ogni rivoluzionario sceglie di evitare il servizio debbano essere consoni con il fine. Il nostro obiettivo infatti deve essere un cambiamento dell'organizzazione sociale in cui l'esercito nazionale sia abolito, sostituito da una milizia popolare che difende la rivoluzione anarchica per l'uguaglianza, per la libertà e per la proprietà comune dei beni. E facciamo appello a tutti gli oppressi e gli sfruttati perché si uniscano a questa lotta.

No alla guerra tra gli Stati!
Sì alla guerra tra le classi!

Ομοσπονδίας Αναρχικών Ελλάδος

Federazione degli Anarchici della Grecia
Ufficio stampa

Gennaio 2007

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio relazioni internazionali

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]