user preferences

NATO fuori dall'Afghanistan!

category internazionale | imperialismo / guerra | comunicato stampa author Thursday April 17, 2008 19:37author by Alternative libertaire - ALauthor email relations.exterieures at alternativelibertaire dot org Report this post to the editors

Comunicato di Alternative Libertaire

Lo Stato francese ha scelto la strada della escalation militare in Afghanistan. Non solo si aumenteranno di 1.000 unità le forze sul terreno portandole entro l'estate a 2.700 uomini, ma si manderà un battaglione di 700 soldati in una zona operativa caratterizzata da un'intensità di conflitto superiore a quella dell'area di Kabul dove attualmente è stabilito il quartier generale della task force francese. [ Français ]


NATO fuori dall'Afghanistan


Lo Stato francese ha scelto la strada della escalation militare in Afghanistan. Non solo si aumenteranno di 1000 unità le forze sul terreno portandole entro l'estate a 2700 uomini, ma si manderà un battaglione di 700 soldati in una zona operativa caratterizzata da un'intensità di conflitto superiore a quella dell'area di Kabul dove attualmente è stabilito il quartier generale della task force francese.

Perché Sarkozy ha preso questa decisione?

Non certamente su richiesta del popolo afghano, che a maggioranza vorrebbe il ritiro delle truppe di occupazione. Né al fine di difendervi inesistenti libertà democratiche. Il governo Afghano è fatto di "signori della guerra" che si contendono gli aiuti internazionali e si spartiscono i proventi di tutti i traffici. Tutti gli argomenti che vengono citati per giustificare ufficialmente la presenza militare occidentale in Afghanistan non sono altro che vere e proprie menzogne.

Prendiamo per esempio, la difesa dei diritti delle donne da parte dei sostenitori del "diritto all'intervento umanitario". Per le donne Afghane, ecco quali sono i quanto meno tragici risultati dell'occupazione: 88% di analfabetismo tra le donne, 60% di matrimoni forzati, 1 donna su 9 muore dopo il parto. Oggi, l'Afghanistan è l'unico paese al mondo in cui il tasso di suicidi tra le donne supera quello tra gli uomini.

Inoltre ci sono quelle promesse di sviluppo economico che non si sono mai realizzate. Il solo settore che tira è quello della produzione di oppio e della sua trasformazione in eroina.

Ovviamente, nel prendere la sua decisione, Sarkozy non ha affatto pensato agli uomini ed alle donne che vivono in Afghanistan. Per lui, la sola cosa che conta era entrare in sintonia con la politica guerrafondaia di Bush, col quale Sarkozy condivide il sogno della egemonia occidentale su tutte le risorse del pianeta. Se ieri si trattava di ergere la linea dura contro l'Iran, oggi si tratta dell'invio di rinforzi nel pantano Afghano, e domani magari la completa riabilitazione francese nella NATO.

Alternative Libertaire chiede l'immediato ritiro dall'Afghanistan di tutte le truppe di occupazione della Francia e della NATO. Le ingenti risorse finanziarie spese per le spedizioni militari in Asia ed in Africa devono essere usate per i settori socialmente utili, come la sanità e l'istruzione. Invitiamo alla mobilitazione contro l'imperialismo e contro la criminale ideologia dello "scontro di cviltà".

Alternative Libertaire

13 April 2008

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali

Related Link: http://www.alternativelibertaire.org
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]