user preferences

Scuola e università

textProgettifici e dittatori scolastici 23:09 Jul 05 0 comments

textLa Buona Scuola 02:50 Oct 05 0 comments

textLa Buona Scuola 16:04 Sep 09 0 comments

textEducar para la bobada 07:32 Jan 08 0 comments

textAteismo diventa materia scolastica in Irlanda 17:59 Sep 27 0 comments

more >>

No al disegno di legge Aprea

category italia / svizzera | scuola e università | altra stampa libertaria author Friday July 18, 2008 20:43author by Donato Romito (Esecutivo Nazionale Unicobas Scuola) - Unicobas Report this post to the editors

Comunicato Unicobas

L'on. Aprea è determinata a passare alla storia come l'ineffabile Moratti della riforma 2003.

Benchè non sia ministra, ma solo presidente della commissione cultura della Camera è riuscita -mercoledì 9 luglio- nell'intento di costituire un comitato ristretto, insieme all'opposizione, per l'esame accelerato della sua  proposta di legge AC 953, intitolata "Norme per l'autogoverno delle istituzioni scolastiche e la libertà di scelta educativa delle famiglie, nonchè per la riforma dello stato giuridico dei docenti".


NO AL DISEGNO DI LEGGE APREA (SENZA NULLA TOGLIERE A BRUNETTA...)!


L'on. Aprea è determinata a passare alla storia come l'ineffabile Moratti della riforma 2003.

Benchè non sia ministra, ma solo presidente della commissione cultura della Camera è riuscita -mercoledì 9 luglio- nell'intento di costituire un comitato ristretto, insieme all'opposizione, per l'esame accelerato della sua  proposta di legge AC 953, intitolata "Norme per l'autogoverno delle istituzioni scolastiche e la libertà di scelta educativa delle famiglie, nonchè per la riforma dello stato giuridico dei docenti".

Il testo del progetto di legge si incardina su alcune questioni di grande rilievo per l'istituzione solastica.

1. Abolizione degli attuali consigli di circolo e di istituto e loro sostituzione, per gran parte delle attuali funzioni, con consigli di amministrazione di durata triennale, presieduti dal dirigente scolastico. Esclusa la rappresentanza del personale ATA (amministrativo, tecnico, ausiliario), previsti invece rappresentanti esterni provenienti dal''ambito educativo, tecnico, gestionale.
La scuola azienda non può non avere un consiglio di amministrazione, non può non prevedere l'accesso di privati, sotto forma di sponsor, consulenze, partneriati, e chissà magari joint venture che nascano sulle ceneri degli attuali progetti di rete.

2. Il consiglio di amministrazione potrà decidere la trasformazione della scuola in fondazione, isituzione di natura pubblico-privata, come è già previsto per le Università nel DL 112 del 25 giugno 2008 (art. 16)
Si passa così dall'autonomia di una istituzione della repubblica che agisce nell'interesse collettivo dei cittadini, alla possibile costituzione di un soggetto che dovrà ispirarsi ai soli criteri di economicità (leggi: mercato) ed approviggionarsi di finanziamenti prvati, per garantire i servizi minimi, nel pieno principio della sussidiarietà orizzontale: il servizio lo danno innanzitutto i privati, e laddove non ce la fanno, allora intervenga lo...Stato!

3. Le assunzioni dei nuovi docenti saranno fatte dalle singole scuole (leggi dal Dirigente Scolastico), che potranno bandire concorsi di istituto. L'aspirante docente deve possedere una laurea abilitante, l'iscrizione all'albo regionale degli insegnanti, il titolo di un anno di inserimento lavorativo presso una istituzione scolastica. Dallo zio-prete allo zio-preside?

4. La carriera docente è soggetta al raggiungimento dei risultati con valutazione periodica ai primi 2 livelli (docente iniziale e docente ordinario). Per diventare docente esperto si dovrà fare un concorso interno per titoli ed esami. Ad ogni livello corrisponde uno status retributivo.
Stratificazione della carriera, quindi, divaricazione netta della forbice retributiva, superamente del criterio di anzianità per lasciare spazio solo al merito ed alla competizione tra docenti. Dopo vari tentativi, dal "concorsone" di berlingueriana memoria ed affossato dal movimento degli insegnanti, dopo l'ultimo contratto nazionale che ci riprovava, questa potrebbe essere la volta buona che riescono a introdurre il merito. La categoria non sembra più così reattiva.

5. Per garantire "autonomia e libertà" agli insegnanti (sic!), si istituisce un'area contrattuale della professione docente. Sono quindi abolite le RSU di scuola, dato che non è possibile che un docente sia rappresentato da un ATA!!
Siamo alla rottura della categoria dei lavoratori/trici della scuola. Si dà l'illusione ai docenti di non essere più degli impiegati del pubblico impiego e di non aver quindi più bisogno di una rappresentanza sindacale nella scuola, all'interno di una dimensione privatizzata sul piano contrattuale e del ruolo sociale. Una sorta di uscita dal pubblico impiego, ma...da destra.

Se passa il testo dell'on. Aprea così com'è, sarà uno sconquasso ingestibile, anche alla luce della riforma del Titolo V della Costituzione, che affida l'organizzazione scolastica alle Regioni. Se pensiamo al ruolo delll'opposizione in commissioe e poi in parlamento......

Anche Brunetta, che pur ministro è, deve avere alte aspirazioni per non farsi dimenticare dai posteri e...dai contemporanei.

Che insieme ai colleghi Sacconi e Tremonti abbia messo le mani al DL 112 del 25 giugno 2008 non v'è dubbio, prova ne sia il famigerato art. 71 sulla malattia del dipendente pubblico. Che si applica anche alla scuola.

L'odiosa norma recita che nei primi 10 giorni di malattia verrà corrisposto solo il trattamento economico fondamentale, con esclusione di ogni indennità, emolumento,di carattere fisso e continuativo, nonchè di altre voci accessorie. Per la scuola si tratta di una violazione dell'art. 17 del CCNL/2007, in quanto andrebbe ad escludere dal trattamento economico le voci che si riferiscono alla Retribuzione Professionale Docente, al compenso per la funzione strumentale, per le ore eccedenti, per le attività aggiuntive.  Si calcola, quindi, che un docente che si ammali per 10 giorni possa rimetterci dai 15 ai 30 euro al giorno.  Un vero e proprio ticket/salasso sulla salute.

Anche se pare ripristinata la certificazione del medico di base pure oltre i 10 giorni, resta la visita fiscale per un solo giorno, resta la reperibilità giornaliera dell'ammalato dalle 8.00 alle 13.30, dalle 14.00 alle 20.00, compresi i non lavorativi (giorno libero) ed i festivi. Recarsi dal medico di famiglia, in farmacia, o andare a fare accertamenti, potrebbe diventare un'impresa!! I veri malati verrebbero così penalizzati come quei fantomatici fannulloni che si vorrebbero perseguire!

Il mondo sindacale moderato attende di vedere cosa accadrà in sede di conversione in legge del DL. Sul resto esso sembra non far caso che nel mondo della scuola, l'obbligo di sostituzione dei docenti assenti fino a 5 giorni funziona già da tempo come deterrente. Diventerà fino a 10 giorni? Si verrà a scuola febbricitanti pur di non perdere qualche decina di necessari euro?

Miseri e malfermi, in una scuola sempre più misera e malmessa.

Donato Romito (Esecutivo Nazionale Unicobas Scuola)

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Reflexiones sobre la situación de Afganistán

Αυτοοργάνωση ή Χάος

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]