user preferences

New Events

Central America / Caribbean

no event posted in the last week

Fidel Castro (1926-2016)

category central america / caribbean | the left | opinion / analysis author Wednesday November 30, 2016 19:41author by Samuel Farber - inthesetimes.com Report this post to the editors

After a long illness that forced him to withdraw from office in July 2006, Fidel Castro died on November 25. Castro had previously survived many U.S. efforts to overthrow his government and physically eliminate him including the sponsorship of invasions, numerous assassination attempts and terrorist attacks. He held supreme political power in Cuba for more than 47 years, and even after having left high office he continued to be politically engaged for several years meeting with numerous foreign personalities and writing his Reflexiones in the Cuban Communist Party press. In light of a likely future state capitalist transition and the role that foreign capital and political powers such as the United States, Brazil, Spain, Canada, Russia and China may play in it, the prospects for Cuban national sovereignty—perhaps the one unambiguously positive element of Fidel Castro’s legacy—are highly uncertain. [Italiano] [Castellano]
1987rafaelenrquezvegaospaaal_1.jpg


Fidel Castro (1926-2016)

Samuel Farber
26/11/16

After a long illness that forced him to withdraw from office in July 2006, Fidel Castro died on November 25. Castro had previously survived many U.S. efforts to overthrow his government and physically eliminate him including the sponsorship of invasions, numerous assassination attempts and terrorist attacks. He held supreme political power in Cuba for more than 47 years, and even after having left high office he continued to be politically engaged for several years meeting with numerous foreign personalities and writing his Reflexiones in the Cuban Communist Party press.

Fidel was a son of Cuban-born Lina Ruz and Galician immigrant Ángel Castro, who became a wealthy sugar landlord in the island. Fidel attended a Jesuit high school, regarded as one of the best schools in Cuba. Upon entering the University of Havana Law School in 1945, he began his political life by collaborating with one of the various political gangster groups that plagued the university. As a militant university activist, Fidel participated, in 1947, in an attempt to invade the Dominican Republic to provoke an uprising against Trujillo, and in the 1948 “Bogotazo,” the widespread rioting that shook the Colombian capital after the assassination of Liberal leader Eliecer Gaitán. The disorganized and chaotic nature of these failed enterprises played an important role in shaping Castro’s views on political discipline and the suppression of dissident views and factions within the revolutionary movement.

He then joined the crusading Ortodoxo Party led by the charismatic senator Eduardo “Eddy” Chibás, where he became a candidate for the House of Representatives. The Ortodoxo was a democratic and progressive reform party unambiguously opposed to Communism, and focused on the elimination of the widespread political corruption in the island. It was the youth section of this party that became the main recruiting ground for Fidel Castro when he turned to the armed struggle against the newly installed military dictatorship of retired General Fulgencio Batista.

Batista took power in a coup d’etat on March 10, 1952, to prevent the general election that was supposed to take place—and which he was certain to lose—on June 1 of the same year. By late 1956, a little over two years before Batista was overthrown, Castro’s 26th of July Movement, named after the day of his failed armed attack in 1953, had begun to emerge as the hegemonic pole of opposition to the dictatorship. This was made possible, in part, by the collapse of Cuba’s older political parties, including the Ortodoxos, and by the failure of the uprisings led by other organizations. But his hegemony among the revolutionary ranks was also the outcome of his own political talents. Castro was a canny revolutionary politician, and a master at utilizing the key elements of the prevailing democratic political ideology in the opposition to Batista to attract and broaden the support of all of Cuba’s social classes. This is how he repeatedly endorsed, before the victory of the revolutionary movement, the progressive and democratic Constitution of 1940, which was widely popular. This is also how, without diminishing his political militancy, he played down the social radicalism of his 1953 History Will Absolve Me.

Fidel Castro was also a consummate tactician that instantly grasped and acted on the key issues of the moment. For example, after having been released from prison and taken refuge in Mexico in 1955, he coined the slogan “in 1956, we will be either martyrs or free men.” He knew that with this pledge he was bound to return to Cuba on that year, even if he was not militarily ready, or run the immense risk of losing credibility. Nevertheless, he decided this was necessary to differentiate his group from his armed competitors and to revive the popular political consciousness particularly among the youth, which had become so eroded by disillusion. He kept his word landing in Cuba with 81 other men aboard the Granma in the early part of December, 1956, which significantly increased his prestige.

After Victory

Fidel Castro’s absolute defeat of Batista’s Army opened the way for the transformation of a multi-class democratic political revolution into a social revolution. In the first couple of years after the revolution, Fidel Castro cemented his overwhelming popular support with a radical redistribution of wealth that later turned into a wholesale nationalization of the economy that included even the smallest retail establishments. This highly bureaucratic economy led to very poor performance which was greatly aggravated by the criminal economic blockade that the United States imposed on Cuba as early as 1960. It was the massive Soviet aid that Cuba received that made it possible for the regime to maintain an austere standard of living that guaranteed the satisfaction of the most basic needs of the population, especially education and health. Equally important in buttressing popular support for the Castro regime was the revival of a popular anti-imperialism that had been dormant in the island since the thirties.

Organizational Control

Fidel Castro’s government channeled popular support into popular mobilization. This was the Cuban government’s most significant contribution to the international Communist tradition. But while encouraging popular participation, Fidel prevented popular democratic control, and kept as much personal political command as he could.

Under his leadership, the Cuban one-party state was established in the early 1960s and was legally sanctioned by the Constitution adopted in 1976. The ruling Communist Party uses the “mass organizations” as transmission belts for the party’s “orientations.” When these “mass organizations” were originally established in 1960, all the previously existing independent organizations that could have potentially competed with the official institutions were eliminated. These included the “sociedades de color,” which for a long time had been the bedrock of black organizational life in Cuba, numerous women’s organizations mostly engaged in welfare activities, and the trade unions which became incorporated into the state apparatus after a thorough purge of all dissenting views.

Fidel Castro’s personal control from the top was a major source of economic irrationality and waste. The overall balance of his personal interventions in economic affairs is quite negative. These ranged from the economically disastrous campaign for a 10-million-ton sugar crop in 1970, which failed to achieve its sugar goals and greatly disrupted the rest of the economy, to the economic incoherence and intrusive micro-management of his “Battle of Ideas” shortly before he left office.

Manipulation and Repression

A major feature of Fidel Castro’s 47-year-old rule was his manipulation of popular support. This was especially evident in the first two years of the revolution (1959-1960) during which he never revealed even to his supporters where he intended to go politically. The systematic censorship that his government established since 1960 is intrinsic to the manipulative politics of his regime, and has continued under Raúl Castro. The mass media, in compliance with the “orientations” of the Ideological Department of the Cuban Communist Party, publishes only the news that satisfy the political needs of the government. Censorship is most striking in radio and television, which is under the aegis of the ICRT (Instituto Cubano de Radio y Television—Cuban Institute of Radio and Television), an institution despised by many artists and intellectuals for its censorious and arbitrary practices. The systematic absence of transparency in the operations of the Cuban government has continued under Raúl Castro’s rule. A clear example is the sudden removal, in 2009, of two top political leaders, Foreign Minister Felipe Pérez Roque and Vice President Carlos Lage, without a full explanation from the government for the decision. Since then a video detailing the government’s version of that event has been produced but shown only to selected audiences of leaders and cadres of the Cuban Communist Party. Censorship and the lack of transparency has at times turned into outright mendacity, like in the case of Fidel Castro’s repeated denials of physical mistreatment in Cuban prisons, in the face of its well documented existence by several independent human rights organizations.

Fidel Castro created a political system that does not hesitate to use repression, and not only against class enemies, to cement its power. It is a system that has recurred to police and administrative methods to settle political conflict. This system has used the legal system in an arbitrary manner to stifle political dissent and opposition. Among the laws it has invoked to achieve this aim are those punishing enemy propaganda, contempt for authority (desacato), rebellion, acts against state security, clandestine printing, distribution of false news, pre-criminal social dangerousness, illicit associations, meetings and demonstrations, resistance, defamation and libel. In 2006, Fidel Castro admitted that at one time there had been 15,000 political prisoners in Cuba, although in 1967 he cited the figure of 20,000.

Foreign Policy

For many Latin Americans and other people in the Third World it is not the establishment of Communism in Cuba that elicited their sympathy for the Cuban leader. It was rather his outright challenge to the North American empire and his dogged persistence in that effort, not only affirming Cuban independence but also supporting and sponsoring movements abroad against the local ruling classes and the U.S. empire. Fidel’s government paid the price for this with Washington’s sponsorship of military invasions, assassination attempts and terror campaigns, in addition to the long standing economic blockade of the island. Standing up to the North American Goliath was not only a matter of overcoming a vastly superior power, but also the arrogance and racism of the powerful northern neighbor. As the historian Louis A. Perez has noted, Washington often saw Cubans as children who had to be taught how to behave.

Yet there are numerous misconceptions on the left about Cuban foreign policy. While it is true that Fidel Castro maintained his opposition to the U.S. empire to his last breath, his Cuban foreign policy, especially after the late 1960s, was moved more by the defense of Cuban state interests as defined by him and by his alliance with the USSR than by the pursuit of anti-capitalist revolution as such. Because the Soviet Union regarded Latin America as part of the U.S. sphere of influence, it applied strong political and economic pressure on Cuba to play down its open support for guerrilla warfare in Latin America. By the late 1960s, the USSR succeeded in this effort and that is why in the 1970s Cuba turned to Africa with a vigor that came from knowing that its policies in that continent were strategically more compatible with Soviet interests, in spite of their many tactical disagreements. This strategic alliance with the USSR helps to explain why Cuba’s African policy had quite different implications for Angola and South African apartheid where it was generally on the left, than for the Horn of Africa, where it was not. In this part of the continent, Fidel Castro’s government supported a “leftist” bloody dictatorship in Ethiopia and indirectly helped that government in its efforts to suppress Eritrean independence. The single most important factor explaining Cuba’s policy in that area was that the new Ethiopian government had taken the side of the Soviets in the Cold War. It was for the same reasons that Fidel Castro, to the great surprise and disappointment of the Cuban people, supported the Soviet invasion of Czechoslovakia in 1968, although it was clear that Castro’s political dislike for Dubcek’s liberal policies played an important role in his decision to support the Soviet action. Fidel Castro also supported, at least implicitly, the Soviet invasion of Afghanistan in 1979, although he did it with much discomfort and in a low-key manner because, as it happened, Cuba had just assumed the leadership of the Non-Aligned Movement, the great majority of whose members strongly opposed the Soviet intervention.

As a general rule, Fidel Castro’s Cuba has, even in the first stages of its foreign policy in the early 1960s, refrained from supporting revolutionary movements against governments that had good relations with Havana and rejected U.S. policy towards the island, independently of the ideological coloration of those governments. The most paradigmatic cases of the “reasons of state” approach of Cuban foreign policy are the very amicable relations that Cuba maintained with the Mexico of the Institutional Revolutionary Party (PRI) and with Franco’s Spain. It is also worth noting that in various Latin American countries such as Guatemala, El Salvador and Venezuela, Fidel Castro’s government favored some guerrilla and opposition movements and opposed others depending on the degree to which they were willing to support Cuba’s policies.

Fidel Castro in Historical Perspective

The establishment of a Soviet-type regime in Cuba, cannot be explained on the basis of generalizations about underdevelopment, dictatorship and imperialism, which have been applied to the whole of Latin America. The single most important factor that explains the uniqueness of Cuba’s development is the political leadership of Fidel Castro that made a major difference in the triumph against Batista and in determining the course taken by the Cuban Revolution after it came to power. In turn, Fidel Castro’s role was made possible by the particular socio-economic and political make-up of the Cuba of the late 1950s. This included the existence of economically substantial but politically weak classes—capitalist, middle, and working class; a professional and in many ways mercenary army whose leadership had weak ties with the economically powerful classes; and a considerably decayed system of traditional political parties.

Castro’s legacy, however, has become uncertain ever since the collapse of the USSR. Under Raúl Castro, the government, particularly after the sixth Communist Party congress in 2011, promised significant changes in the Cuban economy that point in the general direction of the Sino-Vietnamese model that combines an opening to the capitalist market place with political authoritarianism. The reestablishment of diplomatic relations with the United States announced in December of 2014, which Fidel Castro reluctantly endorsed some time later, is likely to facilitate this economic strategy especially in the now unlikely event that the U.S. Congress modifies or repeals the Helms Burton Act approved in 1996 (with President Clinton’s consent) that made into law the U.S. economic blockade of the island. Meanwhile, corruption and inequality are growing and corroding Cuban society, contributing to an overall sense of pessimism and the desire of many, particularly young people, to leave the country at the first opportunity.

In light of a likely future state capitalist transition and the role that foreign capital and political powers such as the United States, Brazil, Spain, Canada, Russia and China may play in it, the prospects for Cuban national sovereignty—perhaps the one unambiguously positive element of Fidel Castro’s legacy—are highly uncertain.


Samuel Farber is a professor of political science at Brooklyn College. Born and raised in Cuba, his books include Revolution and Reaction in Cuba, 1933-1960, The Origins of the Cuban Revolution Reconsidered, and most recently The Politics of Che Guevara: Theory and Practice (Haymarket Books, 2016)

Related Link: http://inthesetimes.com/article/19672/fidel-castro-1926...party
author by Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionalipublication date Fri Dec 02, 2016 01:55Report this post to the editors


Fidel Castro (1926-2016)

Samuel Farber
26/11/16


Dopo una lunga malattia che lo ha costretto a ritirarsi dalla carica nel luglio 2006, Fidel Castro è morto lo scorso 25 novembre. Nel corso della sua vita Castro era sopravvissuto a molti sforzi degli Stati Uniti per rovesciare il suo governo ed anche eliminarlo fisicamente, vedi la sponsorizzazione di invasioni, numerosi tentativi di assassinio e attacchi terroristici. Castro ha tenuto il potere politico supremo a Cuba per più di 47 anni, e anche dopo aver lasciato il suo alto ufficio ha continuato ad essere politicamente impegnato per diversi anni incontrando numerose personalità straniere e scrivendo le sue Reflexiones sulla stampa del Partito Comunista Cubano.

Fidel era figlio della cubana Lina Ruz e del galiziano immigrato Ángel Castro, che diventò poi un ricco latifondista dello zucchero nell'isola. Fidel frequentò il liceo dai gesuiti, considerato come una delle migliori scuole a Cuba. Iscrittosi alla Facoltà di Legge dell'Università di L'Avana nel 1945, ha iniziato la sua vita politica collaborando con uno dei vari gruppi di gangster politici che affliggevano l'università. Da universitario attivista e militante, Fidel partecipò, nel 1947, al tentativo di invadere la Repubblica Dominicana per provocare una rivolta contro Trujillo ed al "Bogotazo" del 1948, la ampia rivolta che scosse la capitale colombiana dopo l'assassinio del leader liberale Eliecer Gaitán. La natura disorganizzata e caotica di queste imprese fallite ha svolto un ruolo importante nel plasmare le opinioni di Castro sulla disciplina politica e sulla soppressione di opinioni e fazioni dissidenti all'interno del movimento rivoluzionario.

Aderì poi alla crociata del Partito Ortodoxo guidata dal carismatico senatore Eduardo "Eddy" Chibás, candidandosi per la Camera dei Rappresentanti. Quello Ortodoxo era un partito riformista, democratico e progressista inequivocabilmente contrario al comunismo, ed incentrato sulla eliminazione della corruzione politica diffusa nell'isola. Fu la sezione giovanile di questo partito che offrì a Fidel Castro le basi fondamentali per la sua formazione, quando si spostò su posizioni di lotta armata contro la nuova dittatura militare appena instaurata dal generale in pensione Fulgencio Batista.

Batista aveva preso il potere con un colpo di Stato il 10 marzo 1952, per evitare che si tenessero le elezioni generali che avrebbe dovuto aver luogo, e che egli era certo di perdere- il 1 ° giugno dello stesso anno. Verso la fine del 1956, poco più di due anni prima che Batista fosse rovesciato, il Movimento 26 Luglio di Castro, aveva preso il nome dal giorno del suo attacco armato fallito nel 1953 ed aveva cominciato a emergere come il polo egemone nell'opposizione alla dittatura. Ciò venne reso possibile, in parte, dal crollo dei partiti politici più vetusti di Cuba, tra cui quello Ortodoxo, e dal fallimento dei moti guidati da altre organizzazioni. Ma la sua egemonia tra le fila rivoluzionarie si deve anche alle sue doti politiche. Castro è stato uno scaltro rivoluzionario ed un maestro nell'utilizzare gli elementi chiave della prevalente ideologia politica democratica in opposizione a Batista per attrarre e ampliare il sostegno di tutte le classi sociali di Cuba. Ne è una conferma il suo ripetuto sostegno, prima della vittoria del movimento rivoluzionario, alla costituzione progressista e democratica del 1940, che era molto popolare. Come pure il modo, senza nulla togliere alla sua militanza politica, con cui ha minimizzato il ruolo del radicalismo sociale nel suo libro del 1953, La Storia mi assolverà.

Fidel Castro è stato anche un tattico consumato che intuiva immediatamente e agiva sulle questioni chiave del momento. Ad esempio, dopo essere stato rilasciato dal carcere e aver trovato rifugio in Messico nel 1955, coniò lo slogan "nel 1956, saremo tutti martiri o uomini liberi." Lui sapeva che con questo impegno doveva per forza far ritorno a Cuba in quell'anno, anche se non era militarmente pronto, oppure correre l'immenso rischio di perdere credibilità. Tuttavia, decise che questo era necessario per differenziare il suo gruppo dai suoi concorrenti armati e per rilanciare la coscienza politica popolare soprattutto tra i giovani, che era stata così erosa dalla disillusione. Mantenne la sua parola sbarcando a Cuba con 81 altri uomini a bordo della Granma nella prima parte del mese di dicembre 1956, cosa che aumentò significativamente il suo prestigio.

Dopo la vittoria
La totale sconfitta dell'esercito di Batista da parte di Fidel Castro aprì la strada alla trasformazione di una rivoluzione politica democratica interclassista in una rivoluzione sociale. Nei primi due anni dopo la rivoluzione, Fidel Castro cementò il suo schiacciante sostegno popolare con una radicale redistribuzione della ricchezza che poi si trasformò in una nazionalizzazione dell'economia che comprendeva anche le più piccole imprese al dettaglio. Questa economia altamente burocratizata ebbe risultati molto scarsi, per di più aggravati dal criminale blocco economico che gli Stati Uniti avevano imposto a Cuba già nel 1960. Fu il massiccio aiuto sovietico a Cuba che rese possibile al regime mantenere un austero tenore di vita che garantiva la soddisfazione dei bisogni più elementari della popolazione, in particolare l'istruzione e la sanità. Altrettanto significativo nel rafforzare il sostegno popolare per il regime di Castro fu la rinascita di un anti-imperialismo popolare che era rimasto dormiente nell'isola fin dagli anni Trenta.

Controllo Organizzativo

Il governo di Fidel Castro incanalava il sostegno popolare in mobilitazione popolare. Questo è stato il contributo più significativo del governo cubano alla tradizione comunista internazionale. Ma mentre incoraggiava la partecipazione popolare, Fidel ha impedito il controllo democratico popolare, e mantenuto per sè tutto il comando politico che poteva.

Sotto la sua guida, lo Stato del partito unico cubano è stato istituito agli inizi degli anni '60 ed è stato legalmente sancito dalla Costituzione adottata nel 1976. Il Partito Comunista utilizza le "organizzazioni di massa", come cinghie di trasmissione per gli "orientamenti" del partito. Quando queste "organizzazioni di massa "vennero originariamente fondate nel 1960, tutte le organizzazioni indipendenti già esistenti che avrebbero potuto potenzialmente concorrere con le istituzioni ufficiali vennero eliminate. Tra queste vi era la "Sociedades de color", che per lungo tempo era stato il fondamento della vita organizzata dei neri a Cuba, le numerose organizzazioni di donne per lo più impegnate in attività di assistenza, e le organizzazioni sindacali, che vennero incorporate nell'apparato statale dopo una vasta purga di tutte le opinioni dissenzienti.

Il controllo personale e verticistico di Fidel Castro era una delle principali fonti di irrazionalità economica e degli sprechii. Il saldo complessivo dei suoi interventi personali negli affari economici è del tutto negativo. Si va dalla campagna economicamente disastrosa per un raccolto di 10 milioni di tonnellate di zucchero nel 1970, che non riuscì a raggiungere i suoi obiettivi e danneggiò a lungo il resto dell'economia, fino alla incoerenza economica ed all'invadente micro-gestione della sua "Battaglia delle Idee "poco prima di lasciare l'incarico.

Manipolazione e repressione
Una delle caratteristiche principali dei 47 anni di governo di Fidel Castro era la sua manipolazione del consenso popolare. Questo fu particolarmente evidente nei primi due anni della rivoluzione (1959-1960), durante i quali non rivelò mai nemmeno ai suoi sostenitori dove aveva intenzione di andare politicamente. La censura sistematica che il suo governo aveva istituito dal 1960 era intrinseca alla politica di manipolazione del suo regime, ed è continuata con Raúl Castro. I mass media, nel rispetto degli "orientamenti" del Dipartimento ideologico del Partito Comunista di Cuba, pubblicano solo le notizie che soddisfano le esigenze politiche del governo. La censura colpisce di più in radio e televisione, che sono sotto l'egida del ICRT (Instituto Cubano de Radio y Television), un'istituzione disprezzata da molti artisti e intellettuali per le sue pratiche censorie e arbitrarie. La sistematica assenza di trasparenza nelle operazioni del governo cubano è continuata con il governo di Raúl Castro. Un chiaro esempio ne è la rimozione improvvisa, nel 2009, di due leader politici di vertice, il ministro degli Esteri Felipe Pérez Roque e il vicepresidente Carlos Lage, senza una spiegazione completa da parte del governo per questa decisione. Da allora esiste un video che mostra la versione del governo su tale questione, ma viene mostrato solo ad un pubblico selezionato di dirigenti e quadri del Partito comunista cubano. La censura e la mancanza di trasparenza a volte si sono trasformate in menzogna vera e propria, come nel caso di ripetute smentite di maltrattamenti fisici nelle prigioni cubane di Fidel Castro, a fronte della sua esistenza ben documentata da numerose organizzazioni indipendenti per i diritti umani.

Fidel Castro aveva creato un sistema politico che non esitava a usare la repressione, e non solo contro i nemici di classe, per cementare il suo potere. Si tratta di un sistema che ha fatto ricorso alla polizia ed a metodi amministrativi per risolvere il conflitto politico. Questo sistema ha utilizzato il sistema giuridico in modo arbitrario per soffocare il dissenso politico e l'opposizione. Tra le leggi che ha invocato per raggiungere questo obiettivo ci sono quelle che puniscono la propaganda nemica, il disprezzo per l'autorità (desacato), la ribellione, chi agisce contro la sicurezza dello Stato, la stampa clandestina, la distribuzione di notizie false, la pericolosità sociale pre-criminale, le associazioni illecite, incontri e manifestazioni , la resistenza, la diffamazione e la calunnia. Nel 2006, Fidel Castro ha ammesso che un tempo vi erano 15.000 prigionieri politici a Cuba, anche se nel 1967 aveva detto che erano 20.000.

Politica estera
Per molti latinoamericani e tante altre persone del Terzo Mondo non è stata la creazione del comunismo a Cuba, che ha suscitato la loro simpatia per il leader cubano. E' stata piuttosto la sua sfida ostinata all'impero nordamericano e la sua persistenza ostinata in questo sforzo, non solo affermando l'indipendenza cubana, ma anche il sostegno e la sponsorizzazione ai movimenti all'estero contro le classi dominanti locali e l'impero degli Stati Uniti. Il governo di Fidel ne ha pagato il prezzo con la sponsorizzazione di Washington di invasioni militari, di tentativi di assassinio e campagne di terrore, oltre al blocco economico di lunga data dell'isola. Restare in piedi davanti al Golia del Nord America non era solo una questione di superare una potenza di gran lunga superiore, ma anche di battere l'arroganza e il razzismo del potente vicino del nord. Come lo storico Louis A. Perez ha notato, Washington guardava spesso ai cubani come a bambini a cui si è dovuto insegnare come comportarsi.

Eppure ci sono numerose idee sbagliate nella sinistra sulla politica estera cubana. Se è vero che Fidel Castro ha mantenuto la sua opposizione all'impero degli Stati Uniti fino al suo ultimo respiro, la politica estera cubana, soprattutto dopo la fine del 1960, è stata spostata più sulla difesa degli interessi dello Stato cubano, come definito da lui e dalla sua alleanza con l'URSS, che sulla ricerca della rivoluzione anticapitalista come tale. Poiché l'Unione Sovietica considerava l'America Latina come parte della sfera d'influenza degli Stati Uniti, esercitò una forte pressione politica ed economica su Cuba perchè diminuisse il suo sostegno aperto per la guerriglia in America Latina. Entro la fine del 1960, l'URSS era riuscita in questo sforzo e questo è il motivo per cui nel 1970 Cuba si interessò all'Africa con un vigore che veniva dal sapere che le sue politiche in quel continente erano strategicamente più compatibili con gli interessi sovietici, nonostante le molte divergenze tattiche . Questa alleanza strategica con l'URSS aiuta a spiegare perché la politica africana di Cuba ha avuto implicazioni molto diverse per l'Angola e l'apartheid del Sud Africa dove si collocava generalmente a sinistra, anzichè per il Corno d'Africa, dove non lo era. In questa parte del continente, il governo di Fidel Castro ha sostenuto una sanguinaria dittatura di "sinistra" in Etiopia e, indirettamente, ha contribuito agli sforzi del governo etiope per sopprimere l'indipendenza dell'Eritrea. Il solo fattore più importante per spiegare la politica di Cuba in quella zona era che il nuovo governo etiope si era schierato dalla parte dei sovietici nella guerra fredda. E 'stato per le stesse ragioni che Fidel Castro, con grande sorpresa e delusione del popolo cubano, sostenne l'invasione sovietica della Cecoslovacchia nel 1968, anche se era chiaro che l'avversione politica di Castro per le politiche liberali di Dubcek ha giocato un ruolo importante nella sua decisione di sostenere l'azione sovietica. Fidel Castro ha inoltre sostenuto, almeno implicitamente, l'invasione sovietica dell'Afghanistan nel 1979, anche se lo ha fatto con molto disagio e in sordina, perché, di fatto, Cuba aveva appena assunto la guida del Movimento dei Paesi Non Allineati, la cui grande maggioranza si oppose con forza all'intervento sovietico.

Come regola generale, la Cuba di Fidel Castro, anche nelle prime fasi della sua politica estera nei primi anni '60, aveva evitato di sostenere i movimenti rivoluzionari contro i governi che avevano buoni rapporti con L'Avana e avevano respinto la politica degli Stati Uniti verso l'isola, indipendentemente dalla colorazione ideologica di quei governi. I casi più paradigmatici dell'approccio basato sulle "ragioni di Stato" della politica estera cubana sono i rapporti molto amichevoli che Cuba ha mantenuto con il Messico del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) e con la Spagna di Franco. E 'anche interessante notare che in diversi paesi dell'America Latina come il Guatemala, El Salvador e Venezuela, il governo di Fidel Castro ha favorito alcuni movimenti di guerriglia e di opposizione e altri che si opponevano a seconda del grado in cui erano disposti a sostenere le politiche di Cuba.

Fidel Castro in prospettiva storica
L'istituzione di un regime di tipo sovietico a Cuba, non può essere spiegato sulla base delle generalizzazioni riguardo il sottosviluppo, la dittatura e l'imperialismo, che sono state applicate a tutta l'America Latina. Il solo fattore più importante che spiega l'unicità dello sviluppo di Cuba è la direzione politica di Fidel Castro che ha fatto la grande differenza nel trionfo contro Batista e nel determinare il corso preso dalla rivoluzione cubana dopo che è salito al potere. A sua volta, il ruolo di Fidel Castro è stato reso possibile dalla particolare struttura socio-economica e politica della Cuba della fine degli anni '50. Vi erano classi capitaliste economicamente abbienti ma politicamente deboli, poi la classe media e la classe lavoratrice; un esercito di professionisti e per molti versi mercenario, la cui leadership aveva legami deboli con le classi economicamente potenti; e un sistema notevolmente decaduto di partiti politici tradizionali.

L'eredità di Castro, però, si è fatta incerta dopo il crollo dell'Unione Sovietica. Con Raúl Castro, il governo, in particolare dopo il sesto congresso del Partito comunista nel 2011, ha promesso cambiamenti significativi nell'economia cubana che puntano nella direzione generale del modello sino-vietnamita che combina una apertura al mercato capitalistico con l'autoritarismo politico. Il ristabilimento delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti annunciato nel mese di dicembre del 2014, e che Fidel Castro a malincuore ha approvato qualche tempo dopo, è probabile che possa facilitare questa strategia economica soprattutto nel caso improbabile che il Congresso degli Stati Uniti modifichi o abroghi la legge Helms Burton approvata nel 1996 (con il consenso del presidente Clinton) trasformando in legge il blocco economico degli Stati Uniti sull'isola. Nel frattempo, la corruzione e le disuguaglianze stanno crescendo e corrodono la società cubana, contribuendo ad un senso generale di pessimismo e il desiderio di molti in particolare i giovani, dilasciare il paese alla prima occasione.

Alla luce di un probabile futuro stato di transizione capitalista e del ruolo che il capitale straniero e poteri politici, come gli Stati Uniti, il Brasile, la Spagna, il Canada, la Russia e la Cina possono svolgervi, le prospettive della sovranità nazionale di Cuba -forse l'elemento più inequivocabilmente positivo del lascito di Fidel Castro - sono altamente incerte.
Samuel Farber*
(traduzione a cura di ALternativa Libertaria/fdca - Ufficio Relazioni Internazionali)

*Samuel Farber è professore di scienze politiche al Brooklyn College. Nato e cresciuto a Cuba, fra i suoi libri troviamo Revolution and Reaction in Cuba, 1933-1960, The Origins of the Cuban Revolution Reconsidered, e più recentemente The Politics of Che Guevara: Theory and Practice (Haymarket Books, 2016)
Link esterno: http://inthesetimes.com/article/19672/fidel-castro-1926...party

author by Gustavo Rodríguez - http://ideasandaction.infopublication date Tue Jan 03, 2017 10:12Report this post to the editors

ideas and action has posted a new item, "And Fidel Left…"

By Gustavo Rodríguez

"Translator’s Note: This essay was penned by Cuban comrade Gustavo Rodriguez in the early morning hours after the announcement of Fidel Castro’s death. Posted on social media on the following day in Mexico, Latin America, and Spain, his essay was immediately met with virulent criticism from various quarters of the Left and ultimately removed from various sites. We offer this English translation of Rodriguez’s essay as a direct counter to the fawning over an authoritarian leader who ultimately co-opted an historic, potent mass movement in Cuba; who silenced generations of activists and artists; who used murder and deceit to wield and maintain power; and who ultimately betrayed the hopes and dreams of a people with deep libertarian socialist traditions."

Continued in full: http://ideasandaction.info/2017/01/fidel-left/

Related Link: http://ideasandaction.info/2017/01/fidel-left/
 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]